Battipaglia & Area di crisi: Prorogate indennità a disoccupati

Battipaglia area di crisi: Riconosciuta la proroga di un anno per l’indennità ai disoccupati.

Ecco i primi risultati positivi dopo la chiusura di: Alcatel, Paif, Temopaif, BTP Teno e altre e il dramma di oltre 1000 famiglie; e dopo il riconoscimento dello stato di Crisi dell’Area industriale di Battipaglia. La soddisfazione della sindaca Cecilia Francese.

area-industriale-battipaglia-veduta-aerea-cecilia-francese

area-industriale-battipaglia-veduta-aerea-cecilia-francese

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – «Battipaglia ha un tessuto industriale ricchissimo dagli anni ’70 e ’80 una delle 100 città italiane più importanti dal punto di vista del dinamismo economico ed uno dei poli industriali più importanti del Sud Italia. – si legge in una nota stampa della Sindaca di Battipaglia a commento della notizia della proroga di un anno per l’ottenimento dell’indennità ai disoccupati delle Aziende colpite dalla crisi – Poi la crisi industriale è stata terribile.

Le grandi responsabilità delle classi politiche locali e sovracomunali. Nel 2015 il tasso di disoccupazione della nostra città era del 17,8% ben oltre la media Salernitana. si aggiunge nella nota – È stato letteralmente desertificato il tessuto industriale nostro che vedeva fabbriche storiche ed all’avanguardia: chiude l’Alcatel, chiude la Paif, la Temopaif, la BTP Teno e altre.

Maurizio Landini-Cecilia Francese

Maurizio Landini-Cecilia Francese

Un elenco tragico che fra disoccupati e cassaintegrati di lunga durata ha sconvolto la vita di oltre 1000 famiglie di Battipaglia e città limitrofe senza contare le ricadute sull’indotto. – prosegue la nota  – Noi ci siamo insediati nel luglio 2016 e la prima battaglia su cui ci siamo impegnati in accordo col sindacato è stato il riconoscimento di questa area come area di crisi industriale complessa. Insieme alla Regione e ai sindacati ci siamo attivati proprio per dare concretezza al riconoscimento di Area di Crisi Industriale giunta da parte del Governo centrale.

Dagli incontri continui con gli organi sovracomunali, ai tavoli tecnici con la Regione e con gli imprenditori proprio per illustrare le procedure da seguire per ottenere i fondi destinati all’area di Crisi Industriale nella cittadina della Piana del Sele. – Aggiunge la Sindaca di BattipagliaOggi i primi risultati di un nostro traguardo. Così come non abbiamo mai perso di vista il discorso con il Consorzio Asi per regolarizzare le situazioni presenti.

Un grande lavoro, anche questo, – tiene a sottolineare – che stiamo svolgendo in sinergia con la Regione e sempre con l’aiuto dei sindacati. Siamo certi che parlare di sviluppo serva proprio a mettere i condizioni gli imprenditori di investire sul nostro territorio facendo in modo che la Piana del Sele diventi ancora una volta il cuore pulsante della vita economica e industriale. I risultati ottenuti sul confronto continuo e istituzionale con la Regione – conclude la Sindaca Cecilia Francese sebbene nei giorni scorsi richiedendo lo svincolo e la rassegnazione delle aree destinate per la realizzazione dell’Interporto sia una manifesta rinuncia a ad una importantissima infrastruttura – iniziano a vedersi e diventano motivo di garanzia sia per gli imprenditori che per i lavoratori».

Battipaglia, 25 ottobre 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente