Lega Salerno contro De Luca “allergico” alle critiche e la Sanità è ferma

Per il governatore De Luca la colpa è sempre degli altri; “allergico alle critiche ma a criticare le critiche”. 

La Lega per Salvini di Salerno: La  sanità campana condotta da De Luca fa crepe da tutte le parti come le crepe dell’ospedale Degli Incurabili che ha dovuto chiudere d’urgenza ci chiediamo e chiediamo al ministro della sanità: cosa aspetta a togliere il commissariamento a DE LUCA?

Mariano Falcone

Mariano Falcone

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – È di queste ore un attacco alla LEGA campana da parte del governatore De Luca in merito alle critiche sulla chiusura dell’ospedale degli Incurabili. Oltre a fornire servizio sanitario pubblico, questo complesso è sede della monumentale Chiesa di Santa Maria del Popolo. Inoltre è considerato “museo delle arti sanitarie di Napoli” in quanto ospita una farmacia storica. Ebbene: non è forse questa l’ennesima dimostrazione di una pessima gestione amministrativa ed economica della sanità Campana?!

Il Governatore dovrebbe spiegarci, piuttosto che rispondere alle critiche con attacchi senza costrutto, come si è giunti a questo fallimento che produce sia disagi per i pazienti che danni al patrimonio artistico campano. E già che c’è ci spieghi perché ancora una volta i cittadini dell’ASL Salerno devono sperare, in determinati periodi, di non aver bisogno di esami diagnostici e di laboratorio e quindi chiedere ai loro malanni di rinviare il controllo. Parliamo degli anziani con patologie croniche e pensioni minime, parliamo di disoccupati o delle famiglie dove lavora una sola persona e di tutti coloro che per malattie gravi hanno bisogno di controlli periodici. 

Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca

La Regione fa sapere che il deficit che riguarda la sanità è ormai sanato, ma a quale prezzo? Chi lo ha sanato? I cittadini che pagano le tasse e non hanno il servizio!!! E se è sanato perché ancora la Regione attua lo stop delle prestazioni? Possiamo avere una SANITA’ A SINGHIOZZO??? Con un assurdo decreto (84 del 31/10/2018) e fingendo di far lavorare i centri accreditati tutto l’anno, costringono gli stessi a 4 stop annuali per cui chi si rivolge ad un centro accreditato o laboratorio di analisi in questi mesi (vedi marzo c.a.) si sente dire che devono pagare l’esame di cui hanno bisogno. A quanto pare bisogna ammalarsi nei mesi decisi dalla Regione Campania! In tutto questo la risposta delle strutture pubbliche è praticamente nulla a causa dei tempi lunghi e di un primo soccorso del tutto carente ed al collasso. Per non parlare poi dei malati gravi e terminali. Come ci si comporta umanamente verso coloro che sono affetti da una patologia oncologica o cardiaca grave e che hanno bisogno di esami fondamentali per il trattamento chemio? Queste persone spesso cumulano il basso reddito di pensione a queste terribili patologie, per cui i soggetti Prè trattamento (chemio) che hanno bisogno di esami cardiaci fondamentali prima di accedere al trattamento come si devono comportare? Pagare o decidere di non fare l’esame, per cui slittare la chemio? Indebitarsi? Morire?!

Il Decreto 84 parla di continuità assistenziale che non esiste quindi parliamo di presa in giro o di raggiro. Per chi non lo sapesse, alle varie branche è stato assegnato un budget trimestrale che, però, si esaurisce in un mese e mezzo per cui scatta il fermo esami. Un budget insufficiente e di vecchia data che non riesce a soddisfare le esigenze delle utenze considerando anche l’inefficienza delle strutture pubbliche. Noi ci siamo già occupati di questa questione nel 2018 quando i Centri accreditati sono stati fermati nei mesi estivi e vogliamo ricordare, ancora una volta, l’indignazione di De Luca, quando era Sindaco di Salerno, quando l’ex Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro fermava i Centri accreditati a ottobre.

Caro Presidente De Luca, molto umilmente, Le suggeriamo di tagliare anziché aumentare gli stipendi ai primari, magari con qualche primariato in meno, considerato come funzionano gli ospedali della Campania e non di bloccare, invece, il budget alle strutture private, ormai indispensabili, strutture che incidono sulla spesa sanitaria complessiva regionale solo per il 5%. Si ricordi che senza le strutture private i cittadini si sarebbero dovuti recare fuori Regione anche per un semplice emocromo o una radiografia toracica o per un elettrocardiogramma. Trovate, con persone competenti, le soluzioni che aiutino i deboli e non la classe dirigente che vive in maniera agiata e che va a curarsi in Lombardia, eccellenza sanitaria italiana apprezzata in tutto il mondo, Regione guidata dalla LEGA di Salvini. La nostra idea di sanità è totalmente differente da quella da Lei sbandierata e non attuata. Giova ricordare “Mai Più ultimi” slogan tanto caro in campagna elettorale al governatore De Luca. Noi invece diciamo: “MAI PIU’ INCAPACI” e mentre la sua conduzione della sanità campana fa crepe da tutte le parti come le crepe dell’ospedale Degli Incurabili che ha dovuto chiudere d’urgenza ci chiediamo e chiediamo al ministro della sanità: cosa aspetta a togliere il commissariamento a DE LUCA?

Salerno 08 aprile 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente