Battipaglia e Rifiuti: Tavolo deserto, niente Commissione. Imbroglioni

Costituzione Commissione per individuare siti privati che trattano rifiuti. 14 ottobre: primo appuntamento mancato. 

Valerio Longo (FI) sulla mancata Costituzione della Commissione Tecnica per l’individuazione dei Siti che trattano rifiuti: – «L’amministrazione provinciale non prenda in giro i cittadini di Battipaglia e ci faccia sapere se intende collaborare seriamente o, come sembra, voglia solo perdere tempo».

Valerio Longo X

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – «Nel verbale sottoscritto a Napoli il 27 settembre scorso, dal presidente della provincia Michele Strianese e dal Vicepresidente regionale con delega all’Ambiente Fulvio Bonavitacola, – scrive in una nota stampa Valerio Longo Capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale di Battipaglia – era stato stabilito il termine del 14 ottobre per costituire una Commissione Tecnica provinciale per individuare i siti privati che trattano rifiuti sul nostro territorio. Sia quelli autorizzati dalla Provincia che quelli autorizzati dalla Regione.

A distanza di tempo dalla sottoscrizione del documento, – prosegue sconcertato Longo – dobbiamo registrare purtroppo il fatto che nessuna commissione è stata ad oggi costituita. Avevo ragione nel corso dell’ultimo consiglio comunale a diffidare delle promesse fatte dagli organi sovracomunali.

L’amministrazione di Battipaglia, – aggiunge Longo – dopo aver promosso la protesta popolare davanti all’ex Stir, correttamente ha avviato formalmente l’iter politico e amministrativo per cercare di dare risposte concrete alle esigenze del territorio in materia ambientale, confidando nella collaborazione istituzionale da cui è impossibile prescindere per risolvere i problemi.

Per quanto mi riguarda continuerò a fare la sentinella affinché si proceda velocemente, senza perdere ulteriore tempo. – conclude il capogruppo di FI Valerio LongoL’amministrazione provinciale non prenda in giro i cittadini di Battipaglia e ci faccia sapere se intende collaborare seriamente o, come sembra, voglia solo perdere tempo».

È vero che non bisogna fare i “ferrovieri” nel senso di spaccare il secondo per dare la partenza ai treni, ma nemmeno bisogna farli, come spesso si dice, per fare i “fessi”, fatto sta che il primo appuntamento del famoso Tavolo tecnico che avrebbe dovuto costituire una Commissione Tecnica provinciale che dovrebbe avere il compito di individuare, quanti sono, dove sono e che trattano tutti quegli Impianti privati che a vario titolo trattano i rifiuti: “normali”, speciali, pericolosi; autorizzati nel tempo dalla Regione e dalla Provincia, e magari anche sapere chi fossero i Sindaci, i Commissari ordinari o speciali e le Amministrazioni quando sono state autorizzati.

Quando si manca al primo appuntamento, si capisce subito quale sia l’interesse per l’incontro e ovviamente se si trattasse di altro potrebbe strafregarcene, ma poiché si tratta di immondizia, di incendi, di impianti privati e pubblici che trattano rifiuti, di inquinamento, di salute, di economia e soprattutto di ambiente e salubrità dell’ambiente allora è veramente grave.

Un Tavolo tecnico che già si è fatto conoscere. Si è presentato. Immaginiamo per il futuro, ove mai riesca a riunirsi e incominciare a lavorare che credibilità avrà, la stessa che hanno il Ministro dell’ambiente Sergio Costa, il Vice Presidente della Giunta Regionale e delegato all’ambiente Bonavitacola, il Presidente della Provincia Strianese, e a scendere tutti quelli che in qualche modo hanno responsabilità istituzionali.

E la mennezza c’è ancora. Non solo c’è, ma si sente anche la puzza, e i nostri imprenditori, quelli del comparto agricolo dell‘agroalimentare in generale e della filiera del latte, (quelli che tutti a chiacchiere menano vanto endicandoli come eccellenze) incomincia ad avvertire i primi effetti negativi, frutto di una campagna denigratoria ma anche di una certezza matematica che la politica non riesce a risolvere il problema in via definitiva e perdono commesse.

Un settore che fa numeri da capogiro che a fatica è riuscito a conquistare mercati ad altre realtà economiche e produttive italiane, ma soprattutto, spagnole e israeliane. Realtà che ora stanno mettendo in discussione i primato delle nostre aziende. Numeri che se non quadrano, a cascata gli effetti ricadono immediatamente sul territorio con la perdita di migliaia di posti di lavoro e tutte le conseguenze che ne derivano. Numeri in pericolo che portano alla disperazione, al fallimento, alla rovina, e se si considera che nelle periferie napoletane si uccide per 500 euro, i produttori agricoli per quel che perdono potrebbero commissionare una strage di tutti i colpevoli, perché ormai, conoscendo le cause e gli effetti che i rifiuti hanno determinato nei nostri territori, non si è più “responsabili” ma COLPEVOLI.

Prendere atto di questo primo appuntamento mancato dovrebbe far incazzate i Sindaci e farli gridare ma siamo certi che questo non accadrà. Peccato.

Battipaglia, 15 ottobre 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente