Vicina la costituzione del Contratto di Fiume Picentino

Il Contratto di Fiume tra i Comuni del Fiume Picentino e varie associazioni è vicino alla sua costituzione. 

Contratto di Fiume è stato costituito fra i Comuni Pontecagnano Faiano (ente capofila), di Castiglione del Genovesi, Giffoni Valle Piana, Giffoni Sei Casali, San Cipriano Picentino, San Mango, Salerno, e svariate Associazioni o Aziende private.

Fiume Picentino

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

PONTECAGNANO FAIANO – Sempre più vicina la costruzione di un Contratto di Fiume fra i Comuni Pontecagnano Faiano (ente capofila), di Castiglione del Genovesi, Giffoni Valle Piana, Giffoni Sei Casali, San Cipriano Picentino, San Mango, Salerno, e svariate Associazioni o Aziende private.

Le modalità di definizione del Contratto, che è strumento volontario di programmazione strategica e negoziata finalizzato alla tutela, la corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione dei territori fluviali unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico, sono state discusse in una riunione tenutasi ieri a Palazzo di Città di Via Alfani. 

Presenti, oltre al Sindaco Giuseppe Lanzara -in delega anche per la Città di Giffoni Valle Piana-, i Primi Cittadini Sonia Alfano, Francesco Munno e l’Assessore Domenico De Maio in rappresentanza del Comune di Salerno. 

Coinvolto, infine, il GAL Colline Salernitane, tra i partecipanti al tavolo nella persona del Coordinatore Eligio Troisi.

Queste le proposte chiave dell’incontro: estendere l’apertura di manifestazioni di interesse per la sottoscrizione di contratti di Fiume a quei Comuni che ancora non hanno provveduto; coinvolgere altri attori, fra cui UNISA DICIV Gruppo di Tecnica e Pianificazione, l’Ente Parco Regionale Monti Picentini IREN, Energia SpA, Consorzio di Bonifica Destra Sele, Consorzio di Miglioramento Fondiario del Picentino, Legambiente, Coldiretti, Confartigianato, etc.

Individuate, infine, le priorità ed i connotati del CdF Picentino: la rimozione delle pericolosità e dei rischi idraulici ed idrogeologici; la realizzazione di tutte le azioni sinergiche tese a migliorare la qualità delle acque; la valorizzazione di tutti gli ambienti fluviali in chiave di sviluppo sostenibile, di recupero di biodiversità di riqualificazione e fruizione delle sponde fluviali per attività naturalistiche, turistiche e ricreative.

Pontecagnano Faiano (Sa), 14 marzo 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente