Chiusura di campagna elettorale all’americana per il Sindaco Cariello

Con lo slogan “La nostra energia” e uno scenario all’americana un Cariello sicuro chiude in Piazza la campagna elettorale.

Cariello l’americano, annusa la vittoria e con qualche omissione, traccia il bilancio dei suoi primi 5 anni chiedendo il voto per completarne altri 5, sistema i suoi avversari come: Bambino viziato; Burattino; E Burattinai sconfitti dalla storia; E concede gli orori a Del Vecchio per la sua appassionata e corretta campagna elettorale. Ancora silenzio sull’alkeanza con il PD “mascherato”. 

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese con la collaborazione di Marco Naponiello

EBOLI – Con la canzone “Tutto che accade” roboantemente ripetuta in attesa del comizio, e lo slogan “La nostra energia“, ed esposto su uno striscione dai “Cariello boys“, più volte richiamato nel comizio da Massimo Cariello, in una cornice preparata evocando scenari all’americana che offrono un Cariello sicuro di se, rilassato, consapevole del vantaggio che gli analisti politici gli attribuiscono, e che vuole trasmetterla alla Piazza, ai suoi elettori, ai suoi supporters, insomma una chiusura di campagna elettorale laddove nulla è lascisto al caso aggiungendo allo slogan alla musica, l’introduzione garbata, disinvolta ed incisiva di Paolo Vocca, Portavoce del Sindaco di Eboli, ivi compreso la “spiker” del linguaggio dei segni, a sottolineare, quello che Cariello intende trasmettere e che egli ritiene che le sue politiche siano un fiore all’occhiello sia rispetto all’azzeramento di tutte le barriere con la più totale inclusione sociale.

Massimo Cariello

E con ritmo incalzante di “Tutto che accade” il Sindaco uscente Massimo Cariello “l’Americano” giacca, cravatta e pochette, sorridente e con la mano alzata in segno di saluto sale sul palco e nel tripudio di una piazza stracolma e tutti mascherati affronta la Piazza e il suo pubblico tuffandosi da subito nel suo ruolo e snocciola una carrellata di provvedimenti che a sua volta hanno caratterizzato i suoi primi 5 anni da Sindaco. E in quella carrellata, non moto lunga ma significativa non poteva mancare un richismo alla gestione dell’epidemia da Covid-19, a tutte le ansie ma anche a tutti i risultati giudicati eccellenti.

https://fil.email/ltzAJyGy

Una carrellata inframmezzata da richiami ai suoi non avversari politici ma nemici personali e della sua famiglia, come egli stesso li ha etichettati e sebbbene non li ha nemmeno nominati i riferilenti erano ben precisi: Al bambino viziato rimasto, secondo Cariello, vittima del suo stesso livore non essendo riuscito nemmeno a presentare una Lista; Al burattino che mosso da fili ha proseguito la campagna di odio di chi muove i fili; Ai burattinai che, per Cariello, sconfitti dalla storia si aggrappano a tutto evocando scenari a loro conosciuti, fatti di rapporti pericolosi, alimentando negli anni una campagna di odio, violenta; riferimenti che noi individuiamo in ordine di citazione in Damiano Cardiello, il suo competitor Donato Santimone candidato Sindaco di una Lista Civica “La Città del Sele” i cui maggiori azionisti sono i Conte con a capo il deputato Federico Conte in viaggio da LEU al PD. Ma nelle citazioni Cariello conferisce all’altro suo competitor Alfonso Del Vecchio candidato Sindaco sostenuto dalla Lista del Partito Comunista Italiano, gli onori della citazione e della graditudine per la sua conduzione di campagna elettorale politicamente corretta fatta di giudizi ma anche di proposte politiche.

Paolo Vocca Comizio Cariello

Intanto sebbene nelle carrellate di cose fatte che riguardano la Città, le periferie, il Centro storico, le politiche sociali, la gestione emergenziale covid, la recente inaugurazione dei lavori del Depuratore di Coda di Volpe, e un richiamo all’assegnazioni di 25 lotti nell’Area Industriale che hanno avviato il suo rilancio, sono mancate all’appello molte altre questioni una per tutte: L’Ospedale di Eboli la Sanità in generale nel territorio, i trasporti cittadini e la Metropolitana oltre che l’avvio del Grande Progetto della Costa salernitana, avviato nella giornata di ieri con tanto di inaugurazione del Governatore Vincenzo De Luca e del Sindaco di Pontecagnano Giuseppe Lanzara, interessato al progetto che impegna l’inteto finanziamento prima destinato sl litorale Pontecagnano-Paestum, per il solo tratto Salerno-Pontecagnano. E proprio per ricordarlo, nessun richiamo a come si è giunti all‘alleanza che ha coinvolto anche il PD, che pur rinunciando al suo simbolo, partecipa alla sua coalizione con ben due Liste.

Ma il tempo è finito e il comizio volge al termine ma la scaletta prevede un finale veramente all’americana con Cariello “l’americano” che alla Obama accoglie sul palco la sua bella famiglia e sono saluti, abbracci per loro e tanti applausi dal suo popolo.

Intanto stasera è chiusrua di campagna elettorale anche per Alfonso Del Vecchio alle ore 19. 30 e Alfonso Santimone alle 21.30.

Comizio Cariello famiglia 2

Comizio Cariello Pubblico 2

Comizio Cariello 1

Comizio Cariello

Comizio Cariello Pubblico 1

Comizio Cariello Pubblico

Comizio Cariello Eboli

COMIZIO DI CHIUSURA DI MASSIMO CARIELLO

Paolo Vocca:  

cari cittadini e cittadine siamo ormai agli sgoccioli di questa compagna elettorale anche molto ostica funestata da eventi che hanno cambiato le nostre abitudini avvelenata da avversari che hanno cercato di buttarla in caciara offendendo e insultando la nostra cittadina  come Gotham City quella di Batman oscura noi non vediamo Joker non abbiamo bisogno di supereroi la nostra città è bella vorrei riflettere sulla campagna elettorale sul tipo di comunicazione politica che ha adottato Massimo Cariello tutti possono osservare un certo gusto nel video nella grafica nei testi degli strumenti nelle parole utilizzate da Massimo Cariello in questa campagna. Certo sono mezzi apparenze ma in realtà un centinaio che anni fa disse Oscar Wilde una frase bellissima e cioè solo le persone superficiali non giudicano le apparenze le quali contano anche nella comunicazione politica  perché  dietro le apparenze ci sono valori e convinzioni c’è sempre una realtà ma se comunico in maniera sguaiata offensiva Invitando a non andare a votare o con qualche scritta fumosa a riempire la scheda elettorale evidentemente dietro queste apparenze c’è una realtà fatta di convinzioni ma se allo stesso modo comunico con pacatezza gentilezza e capacità di una realtà di professionalità e competenza allo stesso modo a questo aggiungerei per quanto riguarda Massimo Cariello uno stile comunicativo personale particolare gentile si fa presto a parlare di comunicazione ciò che conta è che oltre agli strumenti anche lo stile personale e abbiamo potuto osservare in questa difficile campagna elettorale  concentrato su idee progetti mai con offese  è importante dire  quello che pensiamo ma è importante dirlo anche come lo diciamo poniamoci una domanda è riuscito Massimo Cariello a diffondere il suo messaggio forte e chiaro alla cittadinanza    ? e bene quello che possono osservare tutti è che Massimo Cariello è riuscito a veicolare attraverso i suoi messaggi comunicativi una realtà in contrapposizione alle parole fumose di passati i gloriosi o futuri non meglio identificati E questa realtà è composta da un processo logico e cronologico da 4 elementi  cosa trovato Massimo Cariello quando è diventato sindaco cosa ha fatto cosa sta facendo e cosa farà e su questi elementi logici e cronologici siamo certi di Massimo Cariello sarà ancora 5 anni nella sua stanza di primo cittadino a pensare al benessere della città quindi vi invito con un fragoroso applauso ad accogliere sul palco Massimo Cariello

Massimo Cariello:

Grazie per essere così numerosi una bella sensazione e manteniamo le distanze quest’anno è un’emozione particolare forse la più intensa che abbia  mai provato  in tanti anni di esperienza ma questa sera per il ruolo e le responsabilità di intensi lavori di anni importanti da attività di sindaco specialmente nell’ultima emergenza prima di essere sindaco e poi essere candidato questo è il mio ruolo  siamo stati in questi mesi in queste settimane in giro grazie a chi ci ha accolto con le dovute restrizioni Siamo stati nei cortili  nei quartieri nelle periferie grazie a chi ci ha accolto  abbiamo voluto imporre il nostro modo di fare politica e penso che ci siamo riusciti nonostante coloro che hanno voluto criticare ogni mio gesto e  i miei candidati sperando di coglierci in fallo raccontando bugie C’è chi si è prodigato con il singolo giorno a fare questo ha dimenticato la sua storia  il rispetto dell’avversario hanno voluto alzare una bandiera ma in realtà hanno abbassato la testa facendo un accordo sacrificale senza nessuna prospettiva che parla solo in prima persona io io io io vi ringrazio che non ci avete mai fatto mancare il vostro sostegno fiducia ed energia Grazie davvero Credetemi siamo così tanti questa sera che mi Invoglia ancora di più a fare il sindaco perché vuol dire che in questi anni Abbiamo lavorato bene Abbiamo pianificato progettato e realizzato insieme a voi insieme ai comitati di quartiere alle associazioni l’abbiamo fatto tenendo conto che noi siamo uno spirito libero non abbiamo padroni  non siamo dei burattini mentre il burattino avete sentito come terminava ogni comizio  che porta il nome di quella eredità del suo burattinaio il suo storico avversario Noi invece ci siamo Confrontati con la gente chissà noi non siamo burattini non ci sono fantasmi dietro le nostre spalle non abbiamo  padroni e non ne abbiamo mai avuti, abbiamo ridato dignità alla pubblica istruzione abbiamo avuto coraggio e lo abbiamo dimostrato in questi anni con scelte anche impopolari per proseguire la nostra opera  Noi abbiamo voluto indicare nel nostro programma 12 punti perché abbiamo ultimato un lavoro immane e quando vedi questo entusiasmo ti viene ancora più la forza e l’energia di andare avanti con chi ha condiviso questo percorso abbiamo voluto una città efficiente ove Al centro c’è la macchina comunale che ha valorizzato le risorse umane avviato i concorsi gratificato le esigenze dei dipendenti comunali una città equa ottimizzato risorse che ha voluto dare dignità a tutti, abbiamo realizzato 22 pua e molti sub ambiti riqualificato l’ingresso cittadino  riqualificato le scuole fino alle periferie lo stesso della casa comunale che era fatiscente da 50 anni con una riqualificazione urbanistica che metta al centro  le periferie stesse lo stesso per il centro storico che è l’apice delle nostre radici abbiamo realizzato una zona sosta limitata ma realizzeremo a breve una zona a traffico limitato per turisti e  residenti siamo impegnati verso lo sviluppo delle della fascia Costiera e di tutte le strade che portano al mare  individuando delle aree di sviluppo artigianali commerciali industriali  abbiamo ridato dignità non con le pacche sulle spalle ma incontrando i cittadini abbiamo fatto interventi  in tutte le periferie di Eboli possiede 949 km strade comunali ricordiamo che la nostra città ha 138 km quadrati rispetto a Napoli che ne ha 120 e Salerno che ne ha poco più di 50 siamo stati presenti in ogni parte di questa città che è in costruzione opere pubbliche ovunque dignità alle scuole e alle periferie dignità sicurezza Libertà legalità giustizia Forse importante la Battaglia che abbiamo fatto per salvare il giudice di pace di Eboli che era stato abbandonato isolato e L’opposizione l’abbiamo avuta contro ed oggi L’ufficio è uno dei migliori della provincia e chiediamo l’istituzione di un tribunale autonomo che la città merita come tutta la Piana percorso di recupero delle realtà storiche pensiamo al  Castello Colonna  Purtroppo la strada è lunga con il ministero  dobbiamo individuare un’area alternativa per il carcere per ridarci il castello Ma sono passaggi importanti abbiamo ridato dignità alla polizia municipale che è stata trasferita a a fianco al giudice di pace ma non l’abbiamo inaugurata per evitare strumentalizzazioni  ridando dignità ad un elemento importante oltre ad aver implementato il parco auto lo stesso per le attività produttive investimenti importanti quando ci siamo insediati c’erano 25 Lotti nella zona industriale che non erano utilizzate da 12 anni li abbiamo revocati bene in 5 anni 25 aziende si sono insediate grazie a noi valorizzando il centro storico il ruolo dell’Artigianato abbiamo avviato un progetto pilota che è via delle Arti abbiamo valorizzato i prodotti tipici enogastronomici rucola ciauliello realizzando eventi importanti con il mondo dell’Agricoltura lo sportello microcredito lo sportello Europa abbiamo dato dignità agli ultimi lo slogan nessuno resti sono per noi è importante sulle politiche sociali questa amministrazione comunale è diventato un punto di riferimento regionale riusciamo con il piano di zona a ottenere tanti finanziamenti come nessun altro ridando dignità agli ultimi gli anziani  i minori e le donne con il miglior centro antiviolenza della provincia di Salerno alle persone con disabilità da 3 anni garantiamo l’assistenza specialistica dal primo giorno dell’anno scolastico mentre prima dovevo aspettare 3 mesi per avere un assistenza specialistica i nostri ragazzi  per noi è diventata una regola e non l’eccezione  abbiamo ottenuto riconoscimenti importanti nel periodo del covid-19 no solo anche per come abbiamo gestito  le spiagge libere  con il lido Il Mare per tutti persone da tutta Italia sono venute qua e ci hanno fatto i complimenti abbiamo fatto una battaglia importante sulle politiche sanitarie con la  delocalizzazione del nostro ospedale all’uscita dell’autostrada il nostro ospedale è una eccellenza con tanti reparti e per il grande lavoro che hanno fatto in tutt gli operatori sanitari ini questi mesi l’orgoglio ebolitano ai nostri operatori sanitari alle Guardie Ambientali ai vigili del fuoco ai volontari a tutti coloro che ci sono stati a fianco Arma dei Carabinieri Guardia di Finanza abbiamo dato la denominazione di Eboli città bella prima questa Piazza era abbandonata desolata riqualificando il centro storico abbiamo fatto e lo continueremo a far danno non sono dignità ai residenti ma dando la possibilità anche a coloro che vengono a visitarla di trovare una città accogliente pianificata sostenibile Legambiente ci ha dato il premio tra i primi 10 comuni della Regione per energie rinnovabili siamo il primo comune che in provincia di Salerno ha avviato una Bonifica di 160 siti oltre dove abbiamo tolto l’amianto pensiamo al Foro Boario e alla apof 300 giovani hanno potuto svolgere il servizio civile un’esperienza importante Eboli città di storia arte e cultura chi si ricorda  di prima ora abbiamo un senso identitario che prima appunto non c’era abbiamo acquisito una fama sia locale che nazionale per i nostri eventi con una capacità di fare turismo al punto tale che i b&b sono raddoppiati e c’è in atto la costruzione di 2 nuovi hotel in città  cercando di stare a fianco agli imprenditori e facendo rete a partire da quelli del centro storico e della Marina di Eboli il rilancio del Palasele che 5 anni fa esso non era neanche accatastato  e ci voleva un’autorizzazione giornaliera per gli eventi lo stesso valeva per le scuole le quali non tutte erano accatastate bene abbiamo fatto un lavoro enorme oggi il nostro palazzetto dello sport è il più importante del Sud Italia pensate alla World League ed anche qui la finale delle universiadi maschile e  il femminile abbiamo avuto il numero più alto di spettatori di tutti gli altri Palazzetti dello Sport pure quello di Napoli durante il periodo sempre delle universiadi  Ebbene sono tante le cose che potrei e dovrei dire sulla parte programmatica ma  avremo modo e tempo di poterlo leggere il nostro programma Potrei dire ancora tante cose consentitemi Io credo che cari ebolitani sono tante le cose che non sono riuscito a dire perché altrimenti dovrei stare qui per qualche ora però è questa la nostra energia delle idee concrete e libere Noi abbiamo realizzato e realizzeremo se ne avremo la possibilità insieme a tutti quanti voi idee che sono il risultato del confronto con il territorio Ma non ho capito quali sono le idee degli altri parlare di idee e di programma voglio però essere sincero e ringraziare l’amico Alfonso Del Vecchio voglio ringraziarlo per come ha svolto la campagna elettorale nel totale rispetto pur nelle posizioni opposte davvero Grazie per la correttezza però non posso dire lo stesso da parte del burattino noi loro noi loro questo dicevano il loro ritornello le battute del burattino con la sua voce  arrogante in queste settimane è diventato un copione mai visto una campagna così il burattino il suo burattinaio volevano metterla sul personale noi non ci siamo fatti contaminare dalla loro cattiveria Noi siamo andati dritti nel nostro percorso insulti fango da tanti personaggi in cerca d’autore che anche sui social si sono trovati un nome d’arte  l’ultima  polemica quella delle Case Popolari che bene consentitemi vorrei ricordare a voi tutti quanti che Eboli ha ben 1500 alloggi popolari quando ci siamo insediati 1250 sono del ex IACP e 250 sono di Eboli con 50 riscattati abbiamo cercato di recuperare gli arretrati non pagati da oltre trent’anni Ma le emergenze sociali in una città di 40.000 abitanti sono molte e dovevamo fare delle scelte non come gli altri sindaci sulla base delle emergenza fare le assegnazioni  infatti capitava che qualcuno non era illegale ma era una prassi immediatamente occupava l’aula consiliare il giorno dopo otteneva la casa con noi questo non è successo neanche uno infatti abbiamo utilizzato un solo criterio l’ordine cronologico della graduatoria approvata dalla precedente amministrazione comunale Noi abbiamo assegnato 60 alloggi e le persone che hanno ottenuto le chiavi degli alloggi avevano le lacrime agli occhi perché non ci credevano queste sono trasparenza e legalità poi come possiamo non evidenziare che nei loro comizi lo 80% del tempo è passato in offese monologhi intrisi di saccenza e cattiveria offrendo un bruttissimo spettacolo ma specialmente quella frase Io lo conosco una  scadente parodia di un grande intellettuale italiano Pasolini che si sarà rivoltato nella tomba  cosa ci si ricorda dei nostri avversari solo la sua voce arrogante ebbene cosa possiamo dire Io non credo di sbagliarmi se la loro presunzione non troverà riscontro nella nostra città loro solo insulti a volte ai limiti della querela in alcuni casi e saranno querelati Noi siamo coerenti con la nostra storia Ma tu caro burattino che mi ricordo di essersi sempre vantato di aver lanciato le monetine al suo attuale il burattinaio  lui e i suoi compagni si sono riempiti la bocca della loro attività politica delle denunce e della malavita organizzata negli anni 80 e 90 ma due sono le possibilità la prima che le monetine non le mai lanciate diciamolo direttamente non sei mai stato un soldato di grande valore Io invece c’ero tu eri nelle retrovie a fomentare vigliaccamente gli altri senza mai esporti e metterci la faccia tu la faccia non l’hai messa non come me e come quei ragazzi e ragazze coraggiosi che negli anni 90 scesero in piazza a manifestare contro un sistema di potere quello si collegato alla malavita organizzata e non è un caso che nessuno di quei ragazzi  oggi sia dalla tua parte poi la seconda possibilità  i personaggi del tuo teatrino la cui mancanza di coerenza pensano sia soltanto degli altri infatti voi che parlavate di riscatto del Popolo della gente oggi vi siete messi insieme ai notabili della politica voi che vi ponete in modo elitario spocchioso forse lo siete sempre stati il burattino e il burattinaio e tutti il loro teatrino pensano che gli ebolitani non siano intelligenti a saper fare la differenza a chi si presenta per ciò che è e per ciò che ha fatto e chi è un fantoccio mosso da altri  e che la storia lo ha sonoramente bocciato Questo è il nostro pensiero ma abbiamo l’orgoglio di dire che i nostri voti sono voti liberi non sono voti in alcuni posti estorti con il ricatto non sono voti videosorvegliati e fotografati di chi come lavorando in una famosa struttura è costretto di dover dar conto al proprio padrone e se non lo fa rischia di perdere il posto di lavoro come è successo Mi rivolgo proprio a loro a quegli uomini a quelle donne che devono dare prova della loro fedeltà al regime non fatevi rubare la libertà di scegliere siate liberi votate chi pensiate possa rendere migliore la vita vostra e dei vostri figli se non lo farete avrete insegnato ai vostri figli che la libertà non esiste il dono più bello che il condizionamento il ricatto la maldicenza e la cattiveria sono zavorra da cui liberarci per andare oltre noi invece solo sostenuti dalla buona volontà dalla passione che ci ha sempre contraddistinto in questi anni di governo cari ebolitani dobbiamo volare alto senza scendere ai loro livelli squallidi di denigrazione questa è un’arma per distogliere lo sguardo dalle loro debolezze ambiguità ipocrisie nullità politica dobbiamo farlo ma non dobbiamo mai dimenticare chi sono cosa sono stati cosa hanno fatto e cosa non hanno fatto per Eboli dobbiamo volare alto attingendo alla nostra energia che non è uno slogan Ma la leva della mia azione politica da sempre la mia energia si chiama Eboli stasera e domani sera chiudiamo la nostra campagna elettorale ma fino a quando le urne saranno aperte tutti noi abbiamo un compito importante da svolgere dobbiamo mettere in circolo la nostra energia parlare del nostro programma a chi non l’ha potuto ascoltare e Rivolgendosi agli indecisi e chi ha paura di andare a votare Eboli ha bisogno ancora di noi e di andare avanti e di non fermarsi 5 anni fa ci siamo rimboccati le maniche con un cammino difficile ma entusiasmante lungo il quale abbiamo trovato ostacoli e li abbiamo superati grazie alla nostra energia le idee concrete e realizzate abbiamo percorso molta più strada di quanto immaginavamo abbiamo una meta da raggiungere e con altri cinque anni di mandato se voi cari ebolitani ed ebolitane con la fiducia possiamo farcela se nessuno di noi crederà che siamo arrivati nulla ancora è compiuto nessuna vittoria o sconfitta andiamo avanti sulla via delle idee da realizzare sulla via della nostra energia la strada della partecipazione del coinvolgimento  della passione e dell’amore per la nostra amata Eboli  non perché lo merito io o i miei candidati che ci hanno messo la faccia che non smetterò mai di ringraziare Ma la merita Eboli per il nostro futuro Una Eboli che abbiamo trovato abbandonata Ma che oggi reagisce e cresce sempre di più come una grande famiglia A proposito di famiglia questa sera voglio esprimere un pensiero di gratitudine immensa alla mia famiglia alla mia meravigliosa famiglia che in questi anni e settimane è stata oggetto di ogni genere di attacco bersaglio ed insulti la mia famiglia che ha saputo sopportare tutto questo in silenzio con stile e dignità che gli hanno sempre contraddistinti con la stessa dignità con la quale io sono cresciuto che mi ha insegnato chi oggi non c’è più Ma che vive sempre nel mio cuore la mia madre la mia Pupetta alla mia famiglia che mi è stata sempre a fianco con discrezione con umiltà con semplicità con l’orgoglio di chi vive dove vivo io dove sono nato e dove sono cresciuto dove mi sono formato  con la sensibilità di chi guarda il più debole con altruismo e non solo in campagna elettorale ma ogni singolo giorno della mia vita sono questi caro burattino sono questi i valori dello spiantato? sono queste le radici dello spiantato caro burattino? Vergognatevi tu e il tuo burattinaio se questo significa essere espiantato siamo tutti degli spiantati da questo preciso istante siamo tutti spiantati e fieri di esserlo la mia famiglia mi ha sostenuto dicevo con amore e tutti coloro che hanno condiviso questa esperienza elettorale con me voglio ringraziare la coalizione la mia giunta non c’è stato mai un consiglio comunale saltato per crisi politica cosa che non è mai successa nella storia di Eboli, ringraziare i dirigenti e dipendenti comunali un grande grazie ai ragazzi del Coordinamento  ad Assunta della Associazione Nazionale Sordi sempre al nostro fianco al mio portavoce Paolo Vocca che sicuramente meglio di me ha saputo spiegare come poter rispondere alle cattiverie in nome della nostra Eboli vi invito ad andare a votare l’esercizio più alto della nostra democrazia checché ne dica un bambinetto viziato che dopo 5 anni di duro opposizione comunale che forse vedendo com’è andata tanto dura non era e sapendo che avrebbe fatto un grande flop elettorale ha pensato bene a non candidarsi dando la colpa agli altri della propria incompetenza inesistenza e nullità politica ma solo la cattiveria umana nei miei confronti e della mia famiglia Vergognati Questa non è politica questo è odio e in nome dell’amore per la nostra Eboli che vi chiedo di votare per un progetto della nostra città partito dalle macerie che abbiamo trovato che da questo progetto ha un unica direzione il benessere della città di Eboli, di votare per i candidati quelli che compongono le mie  sei liste  sempre in nome della nostra amata città dei nostri figli che hanno il diritto ad immaginare un futuro gratificante per la nostra città un voto per i bambini e per gli anziani che sono parte integrante della nostra città  un voto dalla parte dei più deboli per chi guarda verso costoro con attenzione in ogni giorno della propria vita governare una città coinvolgendo tutti nessuno escluso e come continueremo a fare sempre in  nome dell’amore per la  nostra Eboli che vi  chiedo di esprimere un voto Libero con la fiducia di quelli che siamo stati e saremo perché tutto qui accade se staremo insieme se daremo identità alla nostra città se valorizzeremo la nostra storia del nostro meraviglioso centro antico oltre le vecchie logiche elitarie che sono finite e non devono tornare più tutto qui accade se insieme continueremo ad essere una comunità ogni giorno in cui ci svegliamo nella nostra città potremmo dire quant’è bella la nostra Eboli con la consapevolezza che ogni cittadino è un cittadino attivo responsabile parte integrante della nostra città come una squadra mettendo da parte l’odio il rancore e la cattiveria perché tutto qui accade se lo faremo per la nostra amata Eboli.

Eboli, 18 settembre 2020

8 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Ecco finalmente si vota e finalmente ci sbarazziamo di molti personagetti che hanno popolato i banchi del consiglio comunale, onestamente questa città non ha bisogno di Cardiello e Fido ma sicuramente si può privare e liberare senza nessun rammarico visto lo scarso contributo di questi cinque anni di un Bonavoglia, di una insignificante Cennamo, di uno scarso Presutto, di un sempre taciturno Marchesano, di un iper selfista Piegari, un comico Corsetto, un inspiegabile Sgritta, un Merola senza sponsor elettorale, e si spera che con loro si facciano un viaggio lontano dal comune Masala, Grasso, Busillo, Ginetti, Di Benedetto, Rosamilia, e anche un Rizzo e un Petrone depotenziato.
    Tutti a Casa basta basta basta con questa classe dirigente scarsissima. Quelli che arrivano non potranno fare peggio di voi, anche perché con un Sindaco come Cariello oltre una festa in spiaggia e un paio di luminarie non si avrà.

  2. Bel discorso…ma ma non ho sentito: Stazione ferroviara rispetto a quella di battipaglia da anni abbandonata o quasi ,ospedale di eboli le cronache della stampa dicono tutto pare che sia una mal gestione, parco fusco degrado da anni ed anni, posti di lavoro per i giovani sempre di meno, alcuni esempi che nessuno ne parla NESSUNO….
    BUONA FORTUNA A TUTTI!!

  3. A me non pare che Eboli in questi 5 anni sia migliorata checchè ne dica la propaganda del sindaco.
    Centro storico peggio di prima per non parlare dell’assessore al ramo che mi sembra peggio di Azzolina e con l’aggravante di avere pendenze giudiziarie per reati gravi.
    Stazione Ferroviaria non ne parliamo.
    Ex Pezzulo sempre più diroccata.
    Parco Fusco così com’era.
    Svincolo autostradale dove ci ha costruito un amico proprio sull’orlo.
    Litoranea com’era negli anni 80 sembra di fare un viaggio nella macchina del tempo.
    Ospedale putrefatto e preda di bacilli e batteri mortali per scarsa igiene.
    In questi 5 anni molti hanno migliorato il proprio tenore di vita , soprattutto alcuni , e nel paese non si è percepito nessun miglioramento.
    Ma sul palco il Goebbels portavoce dell’americano ( un ossimoro colossale)decanta la meravigliosità dell’azione amministrativa.
    Lo stesso sindaco si lascia scappare, lapsus freudiano?, che nulla è stato fatto in questi 5 anni , cose da scherzi a parte.
    Nessuno peraltro , è stato capace di offrire un’alternativa e quindi si continua così.
    C’era un altro che era soprannominato o’ mericano, di nome fa Nicola che imperversava nel casertano allo stesso modo di quello che accade qui. Sapete dove sta adesso? Sopran-Nomen omen 😉 .

  4. Si assiste a Ennesima manifestazione di uno spettacolo, di una festa, di proiezione di “mania di grandezza”. Nessun programma concreto e rispondente alla realtâ ebolitana. Si ascol soltanto ulteriori esaltazioni di pochiisime cose fatte ed esternazione di tanti “farò”. Molto facile quando non ti confronti con chi ha idee diverse.
    Non abbiamo bisogno del sogno americano ma della vera politica ebolitana che sa modellare idee e progetti utili alla comunità.
    Infine non é molto “politically chic” utilizzare certi epiteti.
    Un vero leader ha coraggio e userebbe nomi e cognomi.
    Lasciamo ai bambini la bellezza del mondo dei burattini.

  5. Fra poche ore tutte le ambizioni verranno al pettine dalla fredda logica dei numeri e in molti la boria tornerà a casa ridimensionata.
    “Portatevi il metro in tasca!”

  6. per Masaniello.Secondo il mio modesto parere l’avanti menzionato signore non ha la percezione esatta di quello che gli “accade” intorno ed ha l’esatta e futura formazione del consiglio comunale…non ci sarà questo, non ci sarà quello…lui è il possessore della lista degli eletti :
    1)l’ex concessionario della più nota marca di automobili italiana ….non ho capito perchè ex;
    2)Pipino il Piccolo che finora è vissuto di “trippiti e cacciacarni”;
    3)’O napulitano figlio dell”onesto” per antonomasia Michele ;
    4)Il Rosario comunale fascista dichiarato;
    5)l’erede di chi un tempo chiedeva agli ebolitani uno “scannetiello”, che viste le sue dimensioni oggi chiede un divano letto, sponsorizzato da un pluripregiudicato per gioco d’azzardo…vedi circolo Maradona;
    6)il principe del foro che aspirava al posto di primo cittadino e che è stato trombato da fuoco ritenuto amico. Se questo è quanto Masaniè ma va a xxxxxxx!
    Con la sostituzione auspicata la Città di Eboli non otterrebbe miglioramenti degni di nota …anzi.

  7. Per Renatino, nuovo di questo Blog mai auspicato che Santimone diventi Sindaco di questa città basta leggere i miei post, mai nemmeno letto i nomi del “listone” e con questo giusto per chiarire che ha interpretato male quanto da me scritto.
    Mi auguro dal 22 settembre di avere una classe dirigente degna di questa città, quei personaggi che ho indicato nel post precedente in questi cinque anni hanno dato poco per non dire nulla per la cittadinanza, ripeto per la cittadinanza che deve e doveva essere l’unico motivo per cui ci si candida e ci si fa eleggere, detto ciò se è soddisfatto di Bonavoglia, della Cennamo, di Presutto, di Marchesano, di Piegari, di Corsetto, di Sgritta, di Merola di Masala, di Grasso, di Busillo, di Ginetti, del Di Benedetto, della Rosamilia, e di Rizzo e Petrone cosa le posso dire auguri.

  8. sempre per Renatino in merito alle allusioni volgari le lasci a casa sua oppure le usi con i suoi amici indicati nel post precedente.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente