Aumento dei prezzi: Le proposte U.Di.Con a tutela del consumatore  

Emergenza epidemiologica da Covid-19 e aumento dei prezzi dal rincaro di gas, elettricità, le proposte U.Di.Con a tutela del consumatore,

Gruppo di lavoro Associazioni dei Consumatori IV Commissione Speciale “Innovazione e sostenibilità per la competitività ed il rilancio delle imprese” del Consiglio Regionale Campania. 

Aumenti luce e gas

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

NAPOLI – In occasione della odierna riunione del Gruppo di lavoro “Associazioni dei Consumatori” (27 gennaio 2022), istituito dalla IV Commissione Speciale “Innovazione e sostenibilità per la competitività ed il rilancio delle imprese” – Consiglio Regionale Campania, sul tema aumento dei prezzi dovuto al rincaro del gas, dell’energia elettrica ed a seguito dell’emergenza epidemiologica Covid-19, U.Di.Con Regionale Campania ha presentato le seguenti proposte e osservazioni volte a tutelare i consumatori:

  • si ritiene, in primis, necessario intervenire sulle dinamiche dei prezzi dell’energia a monte della filiera. Non appare invero tollerabile che le congiunture internazionali che hanno determinato l’aumento dei prezzi in commento siano via via trasmesse lungo la filiera energetica sino all’ultimo anello della catena, il consumatore finale, che si vede costretto a sopportarne gli oneri;
  • tale circostanza impone che si provveda all’istituzione permanente (anche a livello europeo) di un adeguato meccanismo di “compensazione” dei costi dell’energia, affinché le oscillazioni de quibus siano “ammortizzate” in adeguati periodi di tempo;
  • si ritiene che i fatti abbiano evidenziato ancora una volta la necessità di intervenire sulle componenti di costo delle bollette energetiche, in particolare per i consumatori in senso stretto. Come noto, il costo dell’energia è solo una delle componenti di prezzo della bolletta, la quale è onerata –in estrema sintesi- da tasse (Iva, accise) ed oneri generali (tra l’altro anch’essi riconducibili alla categoria della fiscalità, secondo un ormai consolidato orientamento – v. Bollettino AGCM 28 del 24.07.2017, pg. 15 e seguenti – AS1397). Tali componenti hanno un impatto estremamente forte sulle bollette: basti tenere a mente che proprio intervenendo sugli stessi, l’impianto normativo in commento ha “compensato” l’aumento delle materie prime.

L’abbattimento di tali costi, ha sottolineato U.Di.Con, renderebbe la bolletta “alleggerita”, poiché in essa verrebbero computati i soli costi di materia prima. Così facendo, il consumatore potrebbe valutare le proprie abitudini (consumo energetico consapevole) e adottare misure di risparmio energetico; inoltre, egli potrebbe facilmente procedere a una comparazione tra le diverse tariffe e opportunità del mercato energetico.  Il tutto, dunque, con un reale beneficio per il consumatore e dell’intera filiera energetica.

Napoli, 27 gennaio 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente