ASL Salerno su personale: Cgil-Cisl-Uil preannunciano lo Sciopero

ASL Salerno CGIL FP – CISL FP – UIL FPL preannunciano lo stato di agitazione. Si va verso lo sciopero generale. 

“Lo spacchettamento del servizio personale intervenuto nell’ASL Salerno, secondo i sindacati, ha determinato la paralisi dell’azienda e basta vedere la produzione degli atti deliberativi a testimonianza che il burocratismo imperante ha causato lo stallo delle attività”.

Capezzuto – Della Porta – Falabella

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Lo spacchettamento del servizio personale intervenuto nell’ASL Salerno ha determinato la paralisi dell’azienda e basta vedere la produzione degli atti deliberativi a testimonianza che il burocratismo imperante ha causato lo stallo delle attività. Se a tutto ciò si aggiunge che anche per quanto attiene le procedure interne la stasi è totale ed insopportabile, allora non è peregrino ipotizzare che l’ente non è governato ovvero è attualmente gestito con paura e timori insostenibili per coloro che aspirano a gestire le dinamiche di un’azienda complessa come quella sanitaria. – si legge in una nota stampa congiunta da parte della CGIL FP – CISL FP – UIL FPL –  Le fobie amministrative alimentate da dirigenti sprovveduti e forse inadeguati, hanno fatto traboccare il vaso anche alla luce dell’assenza di momenti di confronto con il sindacato, condizione che sta gravemente minando i diritti di tutti i lavoratori.

ASL Salerno

«Infatti – dichiarano i Segretari Provinciali di CGIL FP, CISL FP e UIL FPL rispettivamente Antonio Capezzuto, Alfonso Della Porta e Gennaro Falabella si sono arbitrariamente bloccati i processi di stabilizzazione del personale avente i requisiti previsti dalla legge Madia per la trasformazione dei contratti da tempo determinato in indeterminato e assenza di qualsiasi procedura di ricognizione; blocco illegittimo delle progressioni orizzontali; blocco dell’utilizzo  in convenzione delle graduatorie per stabilizzare il personale con contratto a tempo determinato, giovani operatori e padri e madri di famiglia che sono costretti ad abbandonare il nostro territorio ovvero a rinunciare agli incarichi, comunque abbandonando le nostre strutture sanitarie che già nell’ordinario sono sull’orlo del collasso; blocco dell’applicazione dell’art. 30 per favorire la stabilizzazione del personale attualmente assegnato temporaneamente presso l’ASL Salerno; si continua a mantenere il blocco dei concorsi con grave perdita di chance per i lavoratori interni interessati; attribuzione degli incarichi di organizzazione ad personam, alcuni di decennale memoria e assenza di regolamentazione sui relativi affidamenti; mancata attivazione dei servizi delle professioni sanitarie e relativa mancata attivazione della dirigenza del comparto; mancata ovvero ancora parziale erogazione delle quote di premialità COVID previste dalla Regione per il periodo marzo/aprile 2020; mancato riconoscimento delle indennità di malattie infettive per il personale adibito nelle strutture Covid ovvero impegnato a fronteggiare l’epidemia in atto senza una uniformità applicativa; mancato riconoscimento dei 15 minuti per attività di vestizione/svestizione e consegna e dei festivi infrasettimanali; si perpetra l’azzeramento orario indiscriminato a fine anno del lavoro straordinario; non si autorizzano più i permessi studio; non si autorizzano più le aspettative per Legge 104; mancata regolamentazione smart working; mancato adeguamento del sistema informatico per la rilevazione dei congedi parentali, permessi per vaccinazioni, permessi sindacali e non adeguamento dello stesso alla rilevazione dei minuti di accavallamento orario previsto dai contratti di lavoro; mancata erogazione degli stipendi al personale a tempo determinato a seguito di rinnovi contrattuali lavorati con estremo ritardo; apertura di posti letto dedicati al Covid senza personale e mancato adeguamento delle unità operative al fabbisogno assistenziale.

E queste sono solo la punte di un iceberg, poiché nelle strutture periferiche ogni direttore è un podestà della domenica. E’ giunto il momenti di dire basta. Se la direzione strategica con un autorevole intervento non è capace di circondarsi di dirigenti capaci, forse è il momento di pensare seriamente ad un cambio di gestione – concludono i segretari provinciali. – Per tale ragione siamo stati costretti a preannunciare lo stato di agitazione e un’assemblea generale che si terrà giovedì prossimo, 3 febbraio 2022 alle ore 10,00, presso la sede sindacale aziendale sita in Via Nizza – Salerno».

ASL SA – Nota unitaria stato di agitazione – 27 01 2022

ASL SA – Nota 19506_2022

Salerno, 27 gennaio 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente