Urbanistica- Adozione particolareggiato Corno d'Oro e avvio procedura PUC

Cicia: Abbiamo recepito le istanze del territorio che garantisse nuovi alloggi, ulteriori insediamenti, sicurezza delle strade e verde pubblico per i cittadini».

EBOLI – Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato Stampa che segue del Comune di Eboli e dell’Assessorato all’Urbanistica, che informa di aver adottato il Piano Particolareggiato di Corno d’Oro e di aver avviato le procedure VAS per il piano Urbanistico Comunale (PUC).

……….  …  ………

COMUNICATO STAMPA

Cosimo Cicia

EBOLI – Netta accelerazione urbanistica, con l’adozione del particolareggiato di Corno d’Oro e l’avvio della procedura VAS Valutazione Ambientale Strategica) per il Piano Urbanistico Comunale (PUC). Un’accelerazione che ha coinvolto l’intera Amministrazione comunale, i tecnici che stanno contribuendo all’elaborazione del Piano e l’Assessore all’Urbanistica Cosimo Cicia.

Si parte dal particolareggiato. Dopo due assemblee pubbliche nelle quali sono state recepite le richieste dei cittadini, la Giunta comunale di Eboli ha adottato il piano particolareggiato di Corno d’Oro, prima fase per l’approvazione definitiva. Con la suddivisione delle aree che delimitano le zone libere e quelle sature, è già chiaro il prospetto degli interventi possibili.

Le novità più rilevanti riguardano la possibilità di realizzare ben 157 nuovi alloggi, con la previsione di crescita della popolazione per circa 440 insediamenti. Contemporaneamente, il particolareggiato prevede opere di modernizzazione del traffico, con interventi diretti a limitare la velocità e mettere in sicurezza le arterie della zona. Oltre due ettari di superficie saranno destinati ad attrezzature pubbliche, con parcheggi e verde attrezzato.

«Nella zona interessata abbiamo tenuto due assemblee, particolarmente partecipate dai residenti di Corno d’Oro – spiega l’assessore all’Urbanistica, Cosimo Cicia -. Abbiamo recepito le istanze del territorio e disegnato un piano particolareggiato che garantisse nuovi alloggi, ulteriori insediamenti, sicurezza delle strade e verde pubblico per i cittadini».

Insieme con quella sul particolareggiato di Corno d’Oro, l’altra accelerazione arriva dal PUC. Lo scorso 26 luglio si è tenuto l’incontro per illustrare la procedura VAS (Valutazione Ambientale Strategica), a cui ha partecipato il professor Del Giorno, componente del gruppo universitario incaricato del Piano. In quella occasione sono state illustrate le condizioni della valutazione. I prossimi passi saranno ulteriori assemblee che porteranno alle scelte definitive dell’atteso Piano Urbanistico Comunale.

EBOLI, 31 LUGLIO 2010

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. La riqualificazione dia aree rurali, ma non tanto più,della nostra comunità si staglia nel solco coeva di molte amministrazioni cittadine della penisola. ACRONIMO = piano urbanistico comunale (PUC) è uno strumento di gestione del territorio comunale ed e composto da elaborati cartografici e tecnici oltre che da normative (legislazione urbanistica) che regolano l’attività edilizia del Comune. Il PUC nasce dalla necessità di aggiornare ed integrare il vecchio piano regolatore generale, aggiornato e ridefinito nel nuovo strumento dalle legislazioni regionali, in quanto in alcuni comuni d’Italia non rispecchia più le precedenti esigenze di coordinamento del territorio. Il nuovo PUC è redatto da tecnici specializzati in pianificazione urbanistica (urbanisti e pianificatori e/o architetti e ingegneri specializzati) con l’aiuto di geologi e di avvocati. Il comune sceglie tali professionisti in base al rapporto che hanno nei loro confronti perché il PUC è di competenza del comune.Ogni cittadino o tecnico del comune di appartenenza può presentare al PROTOCOLLO oppure agli sportelli come il SUAP una propria osservazione su norme del PUC in cui ha la possibilità di fare specifiche richieste o chiedere modifiche su tale normativa che secondo lui lede i suoi diritti. Il comune, motivandolo al consiglio comunale può accettare le richieste o respingerle; esso non è vincolato a soddisfarle. Le osservazioni al PUC si possono inoltrare prima dell’approvazione di tale strumento urbanistico. IL PERIODO DI SALVAGUARDIA,INFINE, è quello specifico lasso di tempo in cui il PUC viene rivisto, modificato e approvato dal comune (dopo parere della Regione, tale parere è vincolante). In questo periodo di salvaguardia il PUC diventa esecutivo, ma non al 100% in quanto rimane esecutivo anche il PRG. Quindi si potrebbe avere la possibilità di scontrarsi con due normative sullo stesso argomento ma con differente contenuto. In questo caso il comune ed il tecnico devono applicare la normativa più restrittiva tra le due; da qui il termine salvaguardia. Se per esempio il PUC permette edifici alti 7.50 m dalla quota di riferimento, mentre il PRG li permette alti 19.50 m, va applicato il PUC perché è decisamente la normativa meno permissiva.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente