Ben venga nuovo programma di governo

Senza Verdini, La Russa e Bondi, migliorerebbe il PdL e faciliterebbe il dialogo con Futuro e Libertà per l’Italia.

Fisco, giustizia, federalismo e piano per il Sud, sono la base di partenza su cui si può convergere se Berlusconi scegliesse la via della discontinuità, più volte indicata da Casini.

di Italo Bocchino

Italo Bocchino

ROMA – L’ipotesi che il governo si presenti al Parlamento per chiedere la fiducia su un programma per la seconda metà della legislatura è estremamente positiva e ci vede attenti e interessati. E’ una mossa che va incontro, seppur tardivamente, alla richiesta che Gianfranco Fini aveva affidato a Giuliano Ferrara alla vigilia della rottura quando propose un nuovo programma su cui convergere.

Il ministro Angelino Alfano ha detto che i pilastri sono fisco, giustizia, federalismo e Mezzogiorno e che la base di partenza è quanto su questo è scritto nel programma di governo.

E’ evidente che su questi punti i parlamentari di “Futuro e libertà per l’Italia” sono pronti a convergere, sia perché li condividono nel merito sia perché fanno parte di quel patto elettorale al quale sono vincolati e i gruppi sono pronti a discuterne all’interno del perimetro della maggioranza e anche all’esterno, rivolgendosi a quell’area della responsabilità che potrebbe condividere alcuni percorsi se Berlusconi scegliesse la via della discontinuità che Pierferdinando Casini ha più volte indicato.

Lavorare in Parlamento alla riforma del fisco ci interessa molto, convinti come siamo che una semplificazione delle aliquote e l’introduzione del quoziente familiare rappresentano una scommessa per la maggioranza. Riteniamo indispensabile anche cambiare la giustizia in Italia, ovviamente non in chiave punitiva verso la magistratura, che per noi è uno dei baluardi della legalità, ma per evitare le distorsioni evidenti del sistema, per accorciare i tempi del giudizio, che poi in sede civile significa aiutare il sistema e economico italiano.

Siamo altresì interessati al federalismo, che ci ha visti già impegnati in Parlamento, ma ci permettiamo di ribadire quel che Fini disse nella famosa direzione nazionale dello strappo, cioè che deve essere solidale e compatibile con le finanze pubbliche. Sul Mezzogiorno ne abbiamo fatto una bandiera e siamo felici che il governo lo proponga tra i quattro pilastri, magari presentando quel Piano per il Sud sempre annunciato e mai portato in Parlamento.

Su questo passaggio parlamentare non ci saranno sorprese interne alla maggioranza, dunque, e attendiamo che un vertice dei gruppi parlamentari che sostengono il governo affronti nel merito le questioni.

Ci permettiamo però di suggerire al governo che questa saggia scelta combinata all’affacciarsi della cosiddetta “area della responsabilità” potrebbe essere l’occasione per appellarsi anche ad altri soggetti moderati che hanno mostrato di non condividere lo scontro massimalista dell’Italia dei Valori a cui si accoda troppo spesso il Pd. Sarebbe una doppia novità in questa legislatura, con un governo che rifà il programma, allarga i suoi orizzonti e si rafforza a livello parlamentare.

Una considerazione va fatta anche su quello che leggiamo sul Pdl. Nella ormai nota intervista a Ferrara il presidente della Camera propose a Berlusconi di resettare il partito per rilanciare tutto. Allora fu letta come una provocazione ma adesso il presidente del consiglio chiede un passo indietro ai coordinatori per puntare su tre volti nuovi.

Non sappiamo se Berlusconi riuscirà a far dimettere Denis Verdini, Ignazio La Russa e Sandro Bondi, va però detto che questa mossa cambierebbe in meglio il Pdl e renderebbe più facile il dialogo con “Futuro e libertà per l’Italia” e gli altri componenti dell’area della responsabilità. Tra l’altro puntare su tre colombe come Alfano, Gelmini e Meloni che hanno guardato e guardano con interesse a Fini per ragioni sia politiche sia generazionali è un fatto assai positivo. Non sappiamo se i colonnelli e i falchi consentiranno a Berlusconi questa bella mossa, ma non sarebbe male. Abbiamo letto che per ora gliel’hanno impedita ed è un peccato che non sia riuscito a farla.

da Generazione Italia

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Rinegoziare tutto per tirare a campare, rimuovendo qualche personaggio scomodo e “parlamentare” ancor di più di prima per decisionare, o un governo di RESPONSABILITA’ CHE PER LA SITUAZIONE COGENTE GRAVE, NON POSSIAMO DI SICRO PERMETTERCI INTERMINABILI querelle ELETTORALI, CI RENDEREBBE OGGETTO DI SPECULAZIONI FINANZIARIE GLOBALI, questo è il dilemma!Le parole di Cesa sull’area di responsabilità sono state confermate poi dal leader dell’Udc, Pierferdinando Casini. Anche per lui non si tratta di un terzo polo, ma di «un’area di responsabilità che non nasce contro gli altri. Noi non nasciamo per mettere in crisi il governo, operiamo perché il Paese faccia scelte di responsabilità», Bossi ne è contrario, ma la possibilità non tanto remota della caduta del Berlusconi 4 porterebbe a miti consigli il Senatur. del resto,come prima detto, non posiamo permetterci vacanze di governo.

  2. In seguito all’imbarazzante vicenda della casa di Montecarlo, lasciata in eredità ad An e finita nelle disponibilità del fratello della compagna di Gianfranco Fini, chiediamo che il presidente della Camera rassegni immediatamente le dimissioni dalla carica che ricopre.” (copia ed incolla il virgoletto ed invia una mail all’indirizzo viafini@ilgiornale.it oppure manda un sms al num. 3351865721)

  3. Spero che tanta solerzia per amor di verità la attuinino alcuni quotidiani anche per chiarire come è nato l’impero di Berlusconi,francamente il doppio-pesismo vista la grande differenza delle situazioni, è sconcertante. Dunque a quando una bella inchiesta del Giornale e di Libero sull’acquisto da
    parte di Berlusconi di Villa san Martino ad Arcore?Pare, da varie fonti, che Silvio Berlusconi l’abbia acquistata, per il
    tramite di un certo avvocato Previti, per 500 milioni di lire ( compresa
    pinacoteca di opere del XV e XVI secolo, una biblioteca di oltre 3000
    volumi antichi, e un immenso parco con scuderie e piscine) a fronte di
    valore effettivo del solo immobile di oltre 1 miliardo e 700 milioni
    dell’epoca.A quando un virulento fondo di Feltri, un articolo all’arma bianca di
    Sallusti e uno sdegnato articolo di Belpietro?Questo sarebbe un giornalismo libero,del resto le vicende poco chiere sul nostro presidente del consiglio sono da elenco telefonico…ma si sa la colpa è dei soliti comunisti!

  4. Credo che il problema non siano Verdini, La Russa e quant’altri, il problema dei problemi è uno solo BERLUSCONI. I toni politici si sono accesi e scaduti dalla “sua discesa in campo”. Il peso politico dei nostri rappresentanti ( nel PDl è molto più accentuato) è scaduto di molto. D’altronde quando in un governo i rappresentanti più autorevoli si chiamano Sacconi, Brunetta, Cicchitto, Bondi…..ecc. che erano figure piccole piccole che si affannavano a mantenersi a galla nei rispettivi Partiti, il risultato non può che essere questo. Alla fine Fini lo cuocerà a fuoco lento e il contorno addirittura si polverizzerà.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente