L'Italia e la Corruzione: 63esima al mondo

Stilato l’annuale Indice di corruzione percepita (Corruption Perceptions Index – CPI), l’Italia è al 63°posto.

Una classifica in cui viene redatto il grado di corruzione nella società per ogni Paese, attraverso un voto da uno a dieci. Dieci rappresenta la totale trasparenza. L’Italia perde 8 posti.

mappa corruzione

mappa corruzione

ROMA –  La Presidente di Transparency International Huguette Labelle, dopo che è stato diffuso il rapporto che ha stilato una classifica di 180 Paesi, che vede l’Italia al 63esimo posto dietro a Botswana, Namibia e Malaysia, Cuba e Turchia a pari merito con l’Arabia Saudita, ha detto che – “Per arginare la corruzione servono un parlamento vigile, una magistratura incisiva, agenzie anti-corruzione e di revisione dei conti indipendenti e ben finanziate, una puntuale applicazione della legge, trasparenza nell’assegnazione delle risorse pubbliche e nelle entrate, spazio per i media indipendenti e una società civile attenta” -, cioé tutto quello che in Italia non esiste o è in via di smantellamento da parte dei governi degli ultimi anni).

La Nuova Zelanda, con 9,4, ha superato la numero uno dell’anno scorso, la Danimarca, quest’anno al secondo posto con 9,3 davanti a Singapore e Svezia (entrambe a 9,2), mentre i Paesi in fondo alla lista sono quelli che vivono instabilità politiche ed economiche disastrose o perchè sono toccati da conflitti che minano il settore pubblico e l’infrastruttura governativa. I più corrotti in assoluto risultano la Somalia (1,1), l’Afghanistan (1,3), il Myanmar (1,4) e il Sudan (1,5), quest’ultimo con lo stesso punteggio dell’Iraq.

Tra i paesi dell’Europa Occidentale e Unione Europea, l’Italia è quartultima, è passata da un punteggio di 4.7 nel 2008 a 3.6 oggi, stanno peggio solo Bulgaria, Grecia e Romania.

Secondo l’Indice, comunque, i Paesi industrializzati e democratici non sono affatto esenti da corruzione. In queste parti del Mondo, però, si trasferisce principalmente nella possibilità di uscire dalle leggi sfruttando i paradisi fiscali, che dovrebbero essere interdetti, e usufruendo del segreto bancario, come quello ormai abolito in Svizzera, con la conseguente fuga di capitali dal Paese.

Dal 1990 al 2005, sono stati smascherati 283 cartelli internazionali, che sono costati ai consumatori circa 300 miliardi di dollari in sovrapprezzi, più del doppio negli anni successivi.

t

Ecco la Classifica di TRANSPARENCY INTERNATIONAL- L’Italia è in rosso

Rank

Country/Territory CPI 2009 Score Surveys Used Confidence Range
1 New Zealand 9.4 6 9.1 – 9.5
2 Denmark 9.3 6 9.1 – 9.5
3 Singapore 9.2 9 9.0 – 9.4
3 Sweden 9.2 6 9.0 – 9.3
5 Switzerland 9.0 6 8.9 – 9.1
6 Finland 8.9 6 8.4 – 9.4
6 Netherlands 8.9 6 8.7 – 9.0
8 Australia 8.7 8 8.3 – 9.0
8 Canada 8.7 6 8.5 – 9.0
8 Iceland 8.7 4 7.5 – 9.4
11 Norway 8.6 6 8.2 – 9.1
12 Hong Kong 8.2 8 7.9 – 8.5
12 Luxembourg 8.2 6 7.6 – 8.8
14 Germany 8.0 6 7.7 – 8.3
14 Ireland 8.0 6 7.8 – 8.4
16 Austria 7.9 6 7.4 – 8.3
17 Japan 7.7 8 7.4 – 8.0
17 United Kingdom 7.7 6 7.3 – 8.2
19 United States 7.5 8 6.9 – 8.0
20 Barbados 7.4 4 6.6 – 8.2
21 Belgium 7.1 6 6.9 – 7.3
22 Qatar 7.0 6 5.8 – 8.1
22 Saint Lucia 7.0 3 6.7 – 7.5
24 France 6.9 6 6.5 – 7.3
25 Chile 6.7 7 6.5 – 6.9
25 Uruguay 6.7 5 6.4 – 7.1
27 Cyprus 6.6 4 6.1 – 7.1
27 Estonia 6.6 8 6.1 – 6.9
27 Slovenia 6.6 8 6.3 – 6.9
30 United Arab Emirates 6.5 5 5.5 – 7.5
31 Saint Vincent and the Grenadines 6.4 3 4.9 – 7.5
32 Israel 6.1 6 5.4 – 6.7
32 Spain 6.1 6 5.5 – 6.6
34 Dominica 5.9 3 4.9 – 6.7
35 Portugal 5.8 6 5.5 – 6.2
35 Puerto Rico 5.8 4 5.2 – 6.3
37 Botswana 5.6 6 5.1 – 6.3
37 Taiwan 5.6 9 5.4 – 5.9
39 Brunei Darussalam 5.5 4 4.7 – 6.4
39 Oman 5.5 5 4.4 – 6.5
39 Korea (South) 5.5 9 5.3 – 5.7
42 Mauritius 5.4 6 5.0 – 5.9
43 Costa Rica 5.3 5 4.7 – 5.9
43 Macau 5.3 3 3.3 – 6.9
45 Malta 5.2 4 4.0 – 6.2
46 Bahrain 5.1 5 4.2 – 5.8
46 Cape Verde 5.1 3 3.3 – 7.0
46 Hungary 5.1 8 4.6 – 5.7
49 Bhutan 5.0 4 4.3 – 5.6
49 Jordan 5.0 7 3.9 – 6.1
49 Poland 5.0 8 4.5 – 5.5
52 Czech Republic 4.9 8 4.3 – 5.6
52 Lithuania 4.9 8 4.4 – 5.4
54 Seychelles 4.8 3 3.0 – 6.7
55 South Africa 4.7 8 4.3 – 4.9
56 Latvia 4.5 6 4.1 – 4.9
56 Malaysia 4.5 9 4.0 – 5.1
56 Namibia 4.5 6 3.9 – 5.1
56 Samoa 4.5 3 3.3 – 5.3
56 Slovakia 4.5 8 4.1 – 4.9
61 Cuba 4.4 3 3.5 – 5.1
61 Turkey 4.4 7 3.9 – 4.9
63 Italy 4.3 6 3.8 – 4.9
63 Saudi Arabia 4.3 5 3.1 – 5.3
65 Tunisia 4.2 6 3.0 – 5.5
66 Croatia 4.1 8 3.7 – 4.5
66 Georgia 4.1 7 3.4 – 4.7
66 Kuwait 4.1 5 3.2 – 5.1
69 Ghana 3.9 7 3.2 – 4.6
69 Montenegro 3.9 5 3.5 – 4.4
71 Bulgaria 3.8 8 3.2 – 4.5
71 FYR Macedonia 3.8 6 3.4 – 4.2
71 Greece 3.8 6 3.2 – 4.3
71 Romania 3.8 8 3.2 – 4.3
75 Brazil 3.7 7 3.3 – 4.3
75 Colombia 3.7 7 3.1 – 4.3
75 Peru 3.7 7 3.4 – 4.1
75 Suriname 3.7 3 3.0 – 4.7
79 Burkina Faso 3.6 7 2.8 – 4.4
79 China 3.6 9 3.0 – 4.2
79 Swaziland 3.6 3 3.0 – 4.7
79 Trinidad and Tobago 3.6 4 3.0 – 4.3
83 Serbia 3.5 6 3.3 – 3.9
84 El Salvador 3.4 5 3.0 – 3.8
84 Guatemala 3.4 5 3.0 – 3.9
84 India 3.4 10 3.2 – 3.6
84 Panama 3.4 5 3.1 – 3.7
84 Thailand 3.4 9 3.0 – 3.8
89 Lesotho 3.3 6 2.8 – 3.8
89 Malawi 3.3 7 2.7 – 3.9
89 Mexico 3.3 7 3.2 – 3.5
89 Moldova 3.3 6 2.7 – 4.0
89 Morocco 3.3 6 2.8 – 3.9
89 Rwanda 3.3 4 2.9 – 3.7
95 Albania 3.2 6 3.0 – 3.3
95 Vanuatu 3.2 3 2.3 – 4.7
97 Liberia 3.1 3 1.9 – 3.8
97 Sri Lanka 3.1 7 2.8 – 3.4
99 Bosnia and Herzegovina 3.0 7 2.6 – 3.4
99 Dominican Republic 3.0 5 2.9 – 3.2
99 Jamaica 3.0 5 2.8 – 3.3
99 Madagascar 3.0 7 2.8 – 3.2
99 Senegal 3.0 7 2.5 – 3.6
99 Tonga 3.0 3 2.6 – 3.3
99 Zambia 3.0 7 2.8 – 3.2
106 Argentina 2.9 7 2.6 – 3.1
106 Benin 2.9 6 2.3 – 3.4
106 Gabon 2.9 3 2.6 – 3.1
106 Gambia 2.9 5 1.6 – 4.0
106 Niger 2.9 5 2.7 – 3.0
111 Algeria 2.8 6 2.5 – 3.1
111 Djibouti 2.8 4 2.3 – 3.2
111 Egypt 2.8 6 2.6 – 3.1
111 Indonesia 2.8 9 2.4 – 3.2
111 Kiribati 2.8 3 2.3 – 3.3
111 Mali 2.8 6 2.4 – 3.2
111 Sao Tome and Principe 2.8 3 2.4 – 3.3
111 Solomon Islands 2.8 3 2.3 – 3.3
111 Togo 2.8 5 1.9 – 3.9
120 Armenia 2.7 7 2.6 – 2.8
120 Bolivia 2.7 6 2.4 – 3.1
120 Ethiopia 2.7 7 2.4 – 2.9
120 Kazakhstan 2.7 7 2.1 – 3.3
120 Mongolia 2.7 7 2.4 – 3.0
120 Vietnam 2.7 9 2.4 – 3.1
126 Eritrea 2.6 4 1.6 – 3.8
126 Guyana 2.6 4 2.5 – 2.7
126 Syria 2.6 5 2.2 – 2.9
126 Tanzania 2.6 7 2.4 – 2.9
130 Honduras 2.5 6 2.2 – 2.8
130 Lebanon 2.5 3 1.9 – 3.1
130 Libya 2.5 6 2.2 – 2.8
130 Maldives 2.5 4 1.8 – 3.2
130 Mauritania 2.5 7 2.0 – 3.3
130 Mozambique 2.5 7 2.3 – 2.8
130 Nicaragua 2.5 6 2.3 – 2.7
130 Nigeria 2.5 7 2.2 – 2.7
130 Uganda 2.5 7 2.1 – 2.8
139 Bangladesh 2.4 7 2.0 – 2.8
139 Belarus 2.4 4 2.0 – 2.8
139 Pakistan 2.4 7 2.1 – 2.7
139 Philippines 2.4 9 2.1 – 2.7
143 Azerbaijan 2.3 7 2.0 – 2.6
143 Comoros 2.3 3 1.6 – 3.3
143 Nepal 2.3 6 2.0 – 2.6
146 Cameroon 2.2 7 1.9 – 2.6
146 Ecuador 2.2 5 2.0 – 2.5
146 Kenya 2.2 7 1.9 – 2.5
146 Russia 2.2 8 1.9 – 2.4
146 Sierra Leone 2.2 5 1.9 – 2.4
146 Timor-Leste 2.2 5 1.8 – 2.6
146 Ukraine 2.2 8 2.0 – 2.6
146 Zimbabwe 2.2 7 1.7 – 2.8
154 Côte d´Ivoire 2.1 7 1.8 – 2.4
154 Papua New Guinea 2.1 5 1.7 – 2.5
154 Paraguay 2.1 5 1.7 – 2.5
154 Yemen 2.1 4 1.6 – 2.5
158 Cambodia 2.0 8 1.8 – 2.2
158 Central African Republic 2.0 4 1.9 – 2.2
158 Laos 2.0 4 1.6 – 2.6
158 Tajikistan 2.0 8 1.6 – 2.5
162 Angola 1.9 5 1.8 – 1.9
162 Congo Brazzaville 1.9 5 1.6 – 2.1
162 Democratic Republic of Congo 1.9 5 1.7 – 2.1
162 Guinea-Bissau 1.9 3 1.8 – 2.0
162 Kyrgyzstan 1.9 7 1.8 – 2.1
162 Venezuela 1.9 7 1.8 – 2.0
168 Burundi 1.8 6 1.6 – 2.0
168 Equatorial Guinea 1.8 3 1.6 – 1.9
168 Guinea 1.8 5 1.7 – 1.8
168 Haiti 1.8 3 1.4 – 2.3
168 Iran 1.8 3 1.7 – 1.9
168 Turkmenistan 1.8 4 1.7 – 1.9
174 Uzbekistan 1.7 6 1.5 – 1.8
175 Chad 1.6 6 1.5 – 1.7
176 Iraq 1.5 3 1.2 – 1.8
176 Sudan 1.5 5 1.4 – 1.7
178 Myanmar 1.4 3 0.9 – 1.8
179 Afghanistan 1.3 4 1.0 – 1.5
180 Somalia 1.1 3 0.9 – 1.4
4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Sono dati da terzo mondo, ma per esser franchi rappresentano il “segreto di pulcinella”: la corruzione nella P.A. e non solo, è tristemente conosciuta agli operatori economici “in primis” ma anche da altre categorie sociali. Molti cittadini sono stati rovinati dalla corruzione, che e’ figlia oltre di una sottocultura (falsamente) individualista, precipuamente dalla Politca e dal sottobosco della stessa, che nell’elargire prebende e dunque posti chiave in molti Enti,specie, quelli (se ne occuparono in una puntata di Report, ce ne sono ben 300; per la Corte dei Conti ne rimangono 110 di quelli che fin del 1956 si sono iniziati a chiudere ufficialmente; per i Radicali e Libero ce ne sono 101,come i Dalmata del film Disney,distrubuenti vari benefits)
    cosidetti “inutili”,moltiplica le occasioni di corruttela, tramite una burocrazia pachidermica di stampo borbonico!l’ammodernamento del paese parte dall’allegerimento del carico burocratico,veloce ed effettivo ai bisogni collettivi,molti lo dicono (destra & sinistra) ma nessuno,ad ora lo ha fatto…perche? A cusa del rischio di intaccare santuari,e granai elettorali? Io lo ritengo verosimile!

  2. AVVISO IMPORTANTE a tutti i partecipanti ai Forum di POLITICAdeMENTE
    E’ il caso di ricordare a tutti voi che è importante attenersi strettamente alle discussioni dei temi proposti ed evitare offese gratuite e interventi con contenuti che potrebbero urtare la suscettibilità di chi interviene. Bisogna sicuramente criticare, ma bisogna comunque rispettare i propri interlocutori.
    Vi prego di non lasciarvi andare e di abbassare i toni della discussione. Se vogliamo continuare a “giocare”, evitiamo di distruggere il “giocattolo”.
    Grazie

  3. Transparency International, organizzazione internazionale con la missione di combattere la corruzione in tutto il mondo, ha pubblicato anche quest’anno il Bribe Payers Index, un rapporto che misura i livelli di corruzione esercitati all’estero dalle aziende dei 30 paesi del mondo che coprono l’ottanta per cento delle esportazioni.

    I risultati sono ricavati dalle risposte di più di 11.000 uomini d’affari in 125 paesi. Un punteggio di 10 significa assenza di corruzione mentre 0 significa corruzione dilagante.

    La tendenza generale che risulta dal rapporto mostra come le aziende dei paesi più sviluppati generalmente registrano punteggi più alti, anche se utilizzano la corruzione soprattutto nei confronti dei paesi in via di sviluppo. Dall’altra parte della classifica aziende di paesi emergenti come India e Cina, nonostante gli sforzi per rafforzare i controlli anti corruzione, registrano punteggi ancora molto bassi.

    L’indice 2006 evidenzia che le aziende svizzere e svedesi emergono in testa alla classifica come le meno propense ad offrire tangenti mentre le peggiori rappresentanti dell’Unione Europea monitorate dal rapporto sono il Portogallo (sedicesimo su trenta) e l’Italia (ventesima). Le peggiori tra le trenta economie analizzate sono India, Cina e Russia. Dal rapporto emerge anche che considerando il commercio con la sola Africa, le aziende francesi e italiane sono le peggiori in termini di affari realizzati attraverso tangenti e bustarelle.La corruzione in Italia resta un fenomeno “grave”: le denunce nel 2009 sono aumentate del 229% rispetto all’anno precedente. E’ quanto emerge dalla relazione illustrata dalla Corte dei Conti nel corso dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2010. Rispettare le regole, osservare i tempi dei contratti e garantire la regolarità delle contabilizzazioni nella gestione degli appalti: questo il monito lanciato dal presidente della Corte, Tullio Lazzaro. Il presidente ha sottolineato la presenza “di vicende corruttive e le percezioni di tangenti che si verificano nell’ambito di gare, di appalti, di realizzazioni di opere pubbliche e lavori, di interventi di manutenzione sui beni della collettività”.A preoccupare la Corte dei Conti sono anche gli sprechi, soprattutto nelle opere pubbliche. Le cause vengono indicate dal pg Ristuccia nella “carenza di programmazione, eccessiva frammentazione dei centri decisionali, complessità delle procedure di progettazione, dilatazione dei tempi di esecuzioni, imputabili alle imprese committenti e alle amministrazioni aggiudicatrici, carenze ed inadeguatezza dei controlli tecnici ed amministrativi”. L’eterogeneità delle cause è tale da “determinare una oggettiva difficoltà nell’accertamento delle responsabilità”.

  4. La corruttela in Italia supera i 60 miliarid di €,come la metà dui tutta l?unione,un dato catastrofico ma da aspettarselo,visto il sistema che dopo mani pulite è forse peggiorato,Rapporto della Commissione : “Nodi irrisolti: non modifica la prescrizione, il falso in bilancio e l’autoriciclaggio. Stop a norme ad personam”
    Ma la UE finge di non sapere che oltre il 50% del denaro oggetto della corruzione in Italia transita per altri Paesi e banche europee. Non dovrebbe intervenire anche su certi Paesi?Bruxelles suggerisce all’Italia di “bloccare l’adozione di leggi ad personam“. Dal lodo Alfano alla ex Cirielli; dalla depenalizzazione del falso in bilancio al legittimo impedimento: il report Ue sulla corruzione, rileva che “i tentativi” di darsi norme per garantire processi efficaci sono stati “più volte ostacolati da leggi ad personam“.
    Le toghe rosse si sono inserite anche nella Comunità Europea ?

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente