Polemiche sulla inaugurazione della nuova Aula Consiliare

Per Cecilia Francese l’inaugurazione dell’aula consiliare è un altra clamorosa dimostrazione di arroganza santomauriana.

Una bella serata, secondo Etica, guastata dal pressapochismo istituzionale, dall’arroganza e la presunzione di questa maggioranza e di chi la guida.

Battipaglia Inaugurazione Aula Consiliare 1

BATTIPAGLIA – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Etica per il Buon Governo,  il movimento fondato da Cecilia Francese, che interviene all’indomani dell’inaugurazione della nuova Aula Consiliare, avvenuta alla presenza del Prefetto di Salerno Sabatino Marchione, del Questore Antonio  De Jesu, dell’Arcivescovo di Salerno Monsignor Luigi Moretti e di tutte le altre autorità civili e militari presenti, nonché i Sindaci dei comuni vicini e quello di Salerno Vincenzo De Luca.

“La sera di martedì scorso, – rileva Cecilia Francese –  il Sindaco-civico e la sua maggioranza “multicolore” hanno messo insieme un’altra clamorosa manifestazione di arroganza ed un altro grande pasticcio: hanno inaugurato dopo 30 anni l’aula consiliare.

Finalmente – Continua l’esponente di Etica per il Buon Governoil Comune di Battipaglia ha nuovamente un’aula consiliare degna del ruolo che la legge riconosce all’organo consiliare, un luogo simbolo del dibattito politico, culturale ed amministrativo. Poteva essere una bella serata, per l’intera città se “il sindaco-civico” non avesse deciso di metterci il suo marchio, muovendosi con l’arroganza ed il pressapochismo che gli sono soliti – snocciolando una serie di osservazioni negative –:

  1. si inaugura una aula consiliare che non ha un nome. I litigi all’interno della maggioranza arrivano fino alla disputa sul nome da dare a quel luogo simbolo della democrazia. Pertini, De Gasperi, don Sturzo e via dicendo. Tutte persone di prestigio, per carità, ma che “c’azzeccano con la storia della nostra città? Non comprendiamo il perchè della ritrosia di questa maggioranza ad intitolare l’aula consiliare ad un personaggio, ad episodio, ed un evento della storia battipagliese. Etica rilancia la propria proposta che la maggioranza ha inteso bocciare in sede di Consiglio Comunale: siano i cittadini a decidere, attraverso una democraticissima consultazione popolare.
  2. Il sindaco con la delicatezza del rinoceronte, ha offeso l’intero consiglio comunale, impedendo al Presidente del Consiglio, ovvero alla figura che rappresenta il consiglio comunale tutto e quindi al PADRONE DI CASA, di prendere la parola. UNA SCELTA VERGOGNOSA. La paura di perdere il proscenio, a volte porta il “civico” a non rendersi conto della “scostumatezza istituzionale” nella quale a volte cade (Quando offende i consiglieri comunali; quando prende per fessi i consiglieri comunali inventandosi leggi,procedure e cifre fuori dal mondo; quando pretende di insegnare il mestiere ai dirigenti del comune (quelli che lui ha scelto come dirigenti). Nel caso specifico il “civico” ha dimenticato che si stava inaugurando l’aula consiliare, ossia il luogo ove si riunisce il consiglio comunale, e che il consiglio comunale e’ organo separato dal sindaco (d.lgvo n° 267 del 18/8/2000), che autorganizza i suoi lavori, la sua attivita’ e che si dà un presidente (art 39 del d.lgvo.267/2000) che giovedì sera era il PADRONE DI CASA.
  3. UN sindaco che si rispetti, e che rispetta il ruolo che ricopre,in occasioni ufficiali, come quella di giovedì sera, parla a nome dell’intero consiglio comunale, e traccia un intervento istituzionale. Il nostro “civico” invece ha pensato di essere già in campagna elettorale (forse annusa che l’area per la sua maggioranza si è fatta pesante, e che quelli che lo vogliono mandare a casa sono sempre più numerosi !) e quindi ha messo in piedi un discorso tutto di parte parlando del “MIRACOLO SANTOMAURIANO”, inventandosi di essere uscito dal dissesto finanziario (a questo punto bene avrebbe fatto a dirci come si chiude il bilancio 2010, tutto fondato sulla vendita degli immobili, che non è avvenuta! e su cui abbiamo presentato una interrogazione che aspetta risposta da mesi. Sarà un caso? o abbiamo toccato un nervo scoperto e dolente?); si è appropriato di opere non sue a partire dallo svincolo autostradale ( ma da quant’è che è il Comune a realizzare gli svincoli e non l’ANAS?) e potremmo continuare.

Insomma – conclude la Francese – : una bella serata, guastata dal pressapochismo istituzionale, dall’arroganza e la presunzione di questa maggioranza e di chi la guida.

Altro che collaborazione, che il “civico” chiede un giorno si e l’altro pure,ancora una volta ha provato a fare l’incantatore di serpenti,ma ancora una volta e’ stato beccato, glielo abbiamo detto anche in altra occasione al sindaco-civico: noi di etica non ci fidiamo di chi “predica bene e razzola male.

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Nel corso della cerimonia De Luca ha detto :

    “Battipaglia sta cambiando con Santomauro e si percepisce entrando in cittá. L’elenco di ciò che è stato fatto è impressionante. Prima vedevo che il consiglio si riuniva in una specie di scantinato. Ora ha un posto adeguato”

    Ma non è che la nostra dolce Cecilia in fin dei conti è solo VERDE di invidia?

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente