Senza nucleare e senza petrolio

La catastrofe avvenuta in Giappone non è atomica: è sismica.

La lezione non è che le centrali nucleari siano di per sé pericolose, ma che non debbono essere costruite in zone sismiche.

Centrale-Fukushima

MILANO – Il titolo è interrogativo: è una domanda. Ma la grafica non vuole punti interrogativi nel titolo. Ce li deve mettere il lettore. Non so se resteremo senza nucleare e anche senza petrolio. Me lo chiedo.

La catastrofe dell‘impianto nucleare in Giappone bloccherà o altrimenti rinvierà di parecchio la costruzione di nuove centrali atomiche. Però la verità è che in Giappone la catastrofe è stata in primo luogo sismica (un terremoto tra i tre maggiori mai accaduti da quando li misuriamo) seguita da un maremoto gigantesco che ha spazzato via i collegamenti elettrici delle pompe di raffreddamento.

Pertanto la lezione non è che le centrali nucleari siano di per sé pericolose, ma che non debbono essere costruite in zone sismiche. Ma al momento questa distinzione sfugge, travolta dall’orrore e dal terrore che tutti proviamo nell’aver visto le immagini di Fukushima.

Sfortuna vuole che contemporaneamente la produzione del petrolio cada sempre più in mani infide (per l’Occidente). L‘Europa Occidentale quasi non ne ha, e anche gli Stati Uniti non ne hanno a sufficienza nemmeno per sé. In quell’emisfero il Paese con più petrolio è il Venezuela, governato «a vita» da un caudillo alla cubana e nemico viscerale degli Stati Uniti. In Africa l’oro nero si trova soprattutto in Nigeria dove guerriglieri-pirati infestano il delta del Niger e i musulmani scannano i cristiani; e poi, appunto, soprattutto in Libia.

Mubarak è caduto lestamente perché il suo esercito dipendeva dagli aiuti americani (che non potevano consentire un massacro della popolazione civile). Gheddafi, invece, paga i suoi soldati e mercenari con i proventi del petrolio e quindi si può permettere di resistere e anche di massacrare chi gli resiste. In verità Gheddafi avrebbe già schiacciato la rivolta nel sangue senza l’intervento autorizzato dalle Nazioni Unite; purtroppo un intervento vacillante che rischia di affondare nel ridicolo. Al momento la sola certezza è che se Gheddafi resta in sella si vendicherà negandoci il suo petrolio.

Cosa resta? Restano l’Arabia Saudita e i vari emirati arabi di contorno; e resta la Russia, più l’Iran degli ayatollah. E siccome l’Iran è un nemico mortale dell’Occidente, è chiaro che resta troppo poco per un mondo affamato di petrolio. Senza contare che anche l’Arabia Saudita diventa instabile se tutto il Medio Oriente traballa. Resta anche – non lo posso dimenticare per dovere di inventario – il metano. L’Italia lo riceve dalla Russia, dall’Algeria (instabile) e finora (ma probabilmente non più) dalla Libia.

Torno al nucleare. Sulla sua insostituibilità convengo con quanto già scritto sul Corriere da Panebianco e Boncinelli (16 marzo). E torno a ripetere che la catastrofe avvenuta in Giappone non è atomica: è sismica. La lezione è che è follia costruire centrali dove sappiamo che la terra trema. Ma è anche follia non costruirle dove la terra non trema e dove uno tsunami non può arrivare. Nei prossimi 25 anni il fabbisogno energetico mondiale crescerà, si prevede, del 60 per cento. Non sarà con il sole né con il vento che potremo colmare la voragine di vuoto energetico che si sta profilando.

Giovanni Sartori

27 marzo 2011

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Egregio prof. Sartori,

    se i giapponesi hanno costruito un grappolo di centrali in un territorio sismico, qualche colpa ce l’avranno o no? E Cernobil ? Il probela è che il mondo diventa sempre più interdipendente e i popoli non contano niente. Ma l’America. il più progredito paese occidentale ha mai pensato a quanta energia pulita si può tirar fuori dalle cascate del Niagara. E quando ci convinciamo che il nostro pianeta sta diventando un goscio vuoto per colpa degli speculatori e non del progresso?
    Un suo sincero ammiratore.

  2. ma mi domando e dico una centrale con 6 reattori costruita nel mare? ma è normale?,,,,,,,,, mha

  3. Ma che cavolo dice questo signore! Vuole asserire che il nucleare non è sicuro?
    Poveri noi dove è arrivata la propaganda interessata agli affari; purtroppo ci si deve sorbire anche questo ca… . Quando fu costruito Cernobil e quell’altra in America fu asserito che erano sicure ed ecco un errore umano o un accidente e bummmm; ed ecco altri accorgimenti il Giappone in prima linea con la loro sicurezza totale … e la natura si scatena e super ogni aspettativa … ecc la problematica varie e enorme.
    Facciamo una considerazione: quando tempo ci vuole per costruire una centrale nucleare e quando tempo ci vuole per costruire una diga? quanto costa una centrale nucleare considerando gli annessi e connessi, valutare anche l’ammortamento e il ricavo reale (se vi era convenienza venivano realizzate a totale capitale privato, infatti non si fanno se non con i saldi pubblici)? quanto costa una diga? quando dura? quali sono i rigavi? Quale guadagno dell’indotto e della natura circostante? (I bacini di raccolta non servono solo per l’energia elettrica, ma anche per tante altre cose l’acqua è e resta un bene prezioso).
    Mi si è consentito un altro una domanda: perché quando si parla di nucleare si fa riferimento al petrolio e non alle possibilità alternative, testa citata per esempio (acqua)? Perché non si parla di idrogeno e altro? Perché nel tempo che occorre per costruire una centrale nucleare non si investa in ricerca e soluzioni alternative?
    Chiudo con una sequenza: – Diga = produzione di energia; Energia in parte utilizzata per produzione di idrogeno; idrogeno = carburante.
    Massimo scusa ma ogni tanto qualcosa mi viene spontanea e anche se scritta male la devo dire a te la correzione a me il piacere di aver dato una presenza ad un amico.
    Con sincero affetto Tonio

    Dove fare il bacino ecco un luogo e solo nel nostro territori ce ne sono svariati.
    Pensa che siamo all’inizio della piano del Sele e lo sfogo naturale potrebbe essere l’enorme corso del Sele. Ti calza L’esempio.
    Ho cac… ! non ha messo la foto, dimmi che fare e la rispedisco.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente