Rotondo e Del Masto a Marisei: Tanto tuonò che piovve

Quali sono le ragioni di tanto accanimento? Il timore, pare di capire, è sempre stato quello di non riuscire a valorizzare appieno i gioielli di famiglia”: “Tanto tuonò che piovve”

Rotondo e Del Masto: I P.u.a. di Fontanelle e di Santa Cecilia, l’Housing Sociale, l’intervento di riqualificazione dell’area dell’ex mattatoio, sono tutti interventi immaginati nell’interesse della collettività, allo scopo di promuovere lo sviluppo della nostra cittadina.

Vincenzo Rotondo

EBOLI – Alla fine, immancabilmente, – scrivono a nome del Gruppo consiliare del PD Vincenzo Rotondo e Mauro Del Masto – i nodi vengono sempre al pettine. Ed è accaduto anche in questo caso, sono emerse finalmente le ragioni profonde che sono, a quanto pare, all’origine della contrarietà radicale di taluni consiglieri comunali, – tra i quali i due esponenti del PD individuano in quelli – appartenenti all’area sedicente riformista, a molte iniziative nel campo delle scelte urbanistiche assunte negli ultimi anni in questa città.

Il P.u.a. di Fontanelle, – secondo il gruppo del PD – quello di Santa Cecilia, l’Housing Sociale, l’intervento di riqualificazione dell’area dell’ex mattatoio, tutti interventi immaginati nell’interesse della collettività, allo scopo di promuovere lo sviluppo della nostra cittadina.

Tutti interventi che, ed ora vediamo il perché, hanno visto ferocemente avversa quella parte politica.

“La reazione scomposta dei riformistiafferma il capogruppo del Partito Democratico Vincenzo Rotondorispetto alla polemica di questi giorni è molto significativa, è la dimostrazione plastica di come certe posizioni politiche siano in realtà frutto della necessità e della volontà di difendere delle proprie rendite di posizione. I riformisti hanno combattuto strenuamente per ostacolare l’adozione dei P.u.a. di Fontanelle e di S. Cecilia, in quest’ultimo caso addirittura qualcuno di loro ha prodotto un ricorso in sede giurisdizionale.

Hanno cercato di ostacolare in ogni modo il progetto di Housing sociale che, nel pieno rispetto dell’ambiente, renderà possibile a molte famiglie giovani o monoreddito di accedere al diritto di possedere una abitazione dignitosa.

Quali sono le ragioni di tanto accanimento? Quali i motivi di dissenso politico profondo rispetto a queste scelte?

 La realtàsostiene il capogruppo del Pd – sembra essere diversa, a giudicare da quello che sta accadendo in questi giorni: pare che sia proprio chi parla di fantasiose varianti ‘ad personam’  ad aver voluto rompere un accordo di maggioranza per motivi che poco hanno a che fare con la difesa degli interessi generali.

Il timore, pare di capire, è sempre stato quello di non riuscire a valorizzare appieno i gioielli di famiglia”.

Mauro Del Masto

“A Santa Ceciliaafferma il consigliere comunale democratico Mauro Del Mastovi è stato chi si è opposto, in modo del tutto strumentale, all’adozione del P.u.a., giunta dopo un percorso di condivisione e di dibattito serrato con tutti i soggetti in campo. Ma si è voluto addirittura produrre un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale, senza che ne ricorressero in alcun modo i presupposti. Ora, noi ci chiediamo, a chi giova tutto questo? Forse si è ostili a quell’atto perché, nonostante tutti coloro che ne hanno diritto, compreso chi negli anni passati ha già potuto abbondantemente costruire in quelle aree, abbiano ottenuto ulteriori quote di edificabilità, vi sono ancora numerosi appartamenti invenduti in quei vecchi lotti?”.

Il consigliere comunale del Partito Democratico Mauro Del Masto conclude con un invito ad abbassare i toni: “le invettive personali, il clima di veleni, non sono utili né alla città né alla politica, che dovrebbe invece sapersi occupare, a maggior ragione in tempi così difficili, di come risolvere, per quanto possibile, i problemi dei nostri concittadini. Dobbiamo lavorare, nella distinzione dei propri ruoli, per il bene comune. Sbaglia, dunque, chi persiste nell’errore grossolano di dipingere un quadro della realtà che non esiste, al solo scopo di cercare di paralizzare ogni  azione amministrativa. È un errore drammatico, spero che queste persone abbiano a rendersene conto.

Ma noi da questo clima non ci siamo mai lasciati condizionare, ed in questi anni abbiamo realizzato molte cose fondamentali per lo sviluppo della città, a partire proprio dalla suddivisione in sub-ambiti dei P.u.a., che sta rendendo possibile dopo anni di paralisi far ripartire l’edilizia, nel pieno rispetto di tutti i parametri ambientali più avanzati. Abbiamo realizzato interventi fondamentali di riqualificazione del nostro centro storico, ed altri sono in cantiere. Stanno per partire, grazie al contratto di quartiere, i lavori di riqualificazione urbana lungo la Statale 19 e Via Bruno Buozzi, che renderanno finalmente più bella e vivibile quell’area importantissima della città. Si è messa totalmente in sicurezza la statale 18, dove passano migliaia di veicoli al giorno, e che solo pochi anni or sono era pericolosissima e sede di numerosissimi incidenti stradali. Ricordo che, in estate, era necessaria negli orari di punta la presenza di una pattuglia della polizia municipale, per cercare di mitigare l’impatto del traffico. Questi sono solo alcuni esempi di quanto abbiamo costruito in questi anni, e ci dispiace che i riformisti sembrano non essersi accorti di  quello che accade ed è accaduto, anche quando essi erano in maggioranza”. 

Eboli, 18 agosto 2012

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Quello che negli ultimi giorni si sta palesando con drammatica disinvoltura è un tutti contro tutti sconvolgente.
    L’aspetto maggiormente drammatico non è simboleggiato dai visi inquietanti degli accusatori, ma dalle accuse circostanziate che l’un contro l’altro si scagliano come se stessimo assistendo all’ultimo round di una finale olimpica di boxe dove i contendenti pareggiano ai punti (non me ne vogliano gli amici di Marcianise)
    Come mai le incompatibilità sono oggetto di discussione di un rispettabilissimo blog e non fanno parte di punti inseriti all’ordine del giorno nelle sedi competenti, ad esempio suggerirei il consiglio comunale.
    I risultato che emergono tra i conflitti mediatici assestano il fendente decisivo alla vacillante credibilità della politica cittadina.
    Se qualcuno avrà il coraggio di bollare questo pensiero come espressione qualinquista dimostrerà di possedere la faccia più tosta del bronzo per utilizzare un’espressione nobile omettendo definizioni molto meno auliche ma maggiormente confacenti all’ultimo atto di una commedia disgustosa.
    Personalmente vi mando un ideale xxxxx xxxxxx.
    Chiedo scusa agli utenti e a te admin.
    La prossima campagna elettorale dovrà esser impostata su buona parte dei comunicati rilasciati al blog,signori pensi non sará necessario nemmeno commentarli.

  2. Anche affidare gli incarichi a Del Masto significa valorizzare i gioielli di famiglia. Con quale criterio è stato scelto? Aveva delle referenze professionali in queste materie?
    Io non lo avevo mai sentito nominare e non mi risulta che sia un Principe del Foro.
    Qualcuno può verificare se ha adempiuto correttamente al suo incarico visti i risultati?
    Grazie.

  3. Della serie “Anche le comparse parlano”.
    Infatti,l’omino dagli occhiali e baffi finti e il principe del foro posticcio, sono intervenuti sui P.U.A. di Fontanelle e Santa Cecilia nonchè sul famoso Housing Sociale.
    Poi hanno lanciato un appello all’Unità del Grande Partito e,fatto ancor più eclatante,vorrebbero valorizzare i GIOIELLI DI FAMIGLIA. Fanno tanta tenerezza…poverini. Ricordano la madre dei Gracchi quando al cospetto di una matrona che vantava gli ori indossati esclamò, mostrando i figli giovinetti : ECCO I MIEI GIOIELLI!
    Ormai il teatrino della politica ebolitana non finisce più di stupire: Recitano tutti,protagonisti e comparse,anzi,quest’ultime cercano di rubare la scena con improvvisati e comici interventi che abbracciano tutto lo scibile umano.
    Quando durerà ancora questo Teatro dei Pupi?
    Non sarei tanto ottimista,frà Martino si alleerà anche col Diavolo pur di rimanere a galla…Vedi l’ultima cena insieme al capo dei Pupi di Rosy e il tentativo,non ancora riuscito,del pdiellino Vecchio di farsi espellere dal gruppo per avere le mani libere in un futuro appoggio alla maggioranza traballante. In cambio,otterrebbe la promozione a candidato sindaco di una lista di centrosinistra benedetta anche dai dirigenti provinciali PD.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente