Inverso(UDC: Inseriamo nel Museo della Memoria il Sommergibile Velella

“La storia del Sommergibile “VELELLA” che insieme al suo equipaggio giace ancora in fondo al mare a Punta Licosa, accrescerebbe enormemente i reperti storici di un periodo che ha fortemente caratterizzato il mondo intero e la nostra stessa Nazione.

In Occasione dell’Inaugurazione del MOA, il Museo della Memoria, Inverso (UDC), propone di recuperare il battiscafo Velella affondato nell’ultima guerra dal sommergibile inglese Shakespare.

Sommergibile Velella

BATTIPAGLIA/EBOLI – Il Presidente Provinciale dell’Unione di Centro “Verso il Partito della Nazione” di Salerno Vincenzo Inverso, ricorda il “Velella”, il Sommergibile che il 10 luglio del ’43, pre-allertato, a sbarco degli Alleati in Sicilia iniziato, si mosse immediatamente per portarsi in acque sicule. Nei giorni successivi, lo scafo si imbatté in diverse situazioni critiche di guerra, fino a quando il 7 settembre del ’43, presumibilmente intorno alle 20.00, viene colpito e affondato dal sommergibile inglese Shakespare.

Da quel momento il sommergibile VELELLA con l’intero equipaggio giace in fondo al mare nel tratto antistante Punta Licosa, a Sud di Salerno.

Inverso Vincenzo

“La storia del VELELLA negli anni successivi – scrive Vincenzo Inverso alle varie autorità – ha visto non di rado l’attenzione di storici e mass media, di Presidente Provinciale dell’Unione di Centro, ricordo alle Autorità e alle Istituzioni, che tra l’altro nonostante ad oggi il sommergibile non sia stato recuperato e l’equipaggio giaccia ancora imprigionato al suo interno.

Inverso nel rivolgersi alle autorità che: “Si apprestano ad inaugurare Il MOA, Museum Operation Avalanche, di inserire ed evidenziare all’ interno del museo la memoria storica di questo tragico evento. Sarebbe doveroso a mio avviso recuperare il sommergibile, ad oggi giacente con il suo carico umano e militare in fondo al mare di Salerno, in primis quale segno di rispetto per quanti hanno perso la vita in quella tragedia e le loro famiglie.

Tale recupero – per Inverso – accrescerebbe enormemente i reperti storici di un periodo che ha fortemente caratterizzato il mondo intero e la nostra stessa Nazione, – e ricorda concludendo la sua nota e il suo suggerimento già anni fa Gaspare Russo, anticipando tutti, in un editoriale preciso e dettagliato dalle colonne del Roma, riprese e ricordò a tutti noi la tragedia del Velella e la sua storia umana e militare.

Battipaglia/Eboli, 4 agosto 2012

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente