Minaccia di morte al Presidente di Alba S.r.L.

Il Presidente di Alba S.r.L. Santese è stato minacciato di morte. Santomauro: “Un atto gravissimo”.

Vito Santese aggredito da un dipendente nel suo ufficio. Chiedeva l’anticipo del tfr. Sul dipendente, sospeso dal servizio, sarà avviato un provvedimento di licenziamento.

Vito Santese

di Oreste Vassalluzzo
Caposervizio Roma (Cronaca Salerno)

BATTIPAGLIA – Minacciato il presidente di Alba Vito Santese. È accaduto ieri mattina negli uffici della società municipalizzata di via Rosa Iemma. A dare seguito alle minacce, con tanto di spranga di ferro e una tanica di benzina, un dipendente di Alba SrL individuato per G. V.. L’uomo avrebbe minacciato pesantemente il presidente Vito Santese alla presenza di numerosi altri dipendenti di Alba.

La questione è nata per la richiesta del lavoratore di ottenere un anticipo sul Tfr (trattamento di fine rapporto). Al no netto del presidente Santese sarebbe scattata la minaccia da parte dell’uomo che imbracciando una spranga di ferro e con una tanica di benzina si è scagliato, gridando, contro il dirigente della società municipalizzata.

«Mi do fuoco e do fuoco anche a te». Queste le parole che avrebbe pronunciato il dipendente di Alba nei confronti del presidente Vito Santese. Lo stesso dirigente è stato raggiunto da uno schizzo di benzina lanciato proprio dal suo contestatore in preda all’ira. Solo l’immediato intervento degli altri lavoratori di Alba presenti al momento del fatto ha evitato il peggio. I colleghi hanno portato via a forza l’uomo evitando che l’aggressione al presidente Vito Santese fosse portata a termine.

Il grave episodio è avvenuto ieri mattina negli uffici della società. Dell’accaduto sono stati informati i carabinieri della compagnia di Battipaglia. Gli uomini al comando del tenente Gianluca Giglio hanno registrato la denuncia che ieri pomeriggio ha sporto, presso la caserma di via Consolini, proprio il presidente di Alba Vito Santese. Nel frattempo il dipendente “facinoroso” è stato, con provvedimento urgente, sospeso dal servizio.

Nei prossimi giorni, sempre per iniziativa del presidente Vito Santese, sarà anche avviato un provvedimento di licenziamento. La richiesta di anticipo del Tfr sarebbe giunta sulla scrivania del presidente Santese per alcune cure di cui avrebbe bisogno uno dei figli del dipendente di Alba che ieri mattina, all’ennesimo rifiuto, ha perso la pazienza e in preda alla disperazione ha aggredito il suo dirigente negli uffici dell’azienda municipalizzata in via Rosa Iemma. «E’ un atto gravissimo – ha commentato il sindaco Giovanni Santomauro -. Vito Santese sta facendo tantissimo per il Comune e per la stessa società Alba. Non meritava un atto simile perché sta dando tutto per i lavoratori della società. È venuto incontro a tutte le esigenze che gli sono state poste. A lui non può andare che la mia solidarietà e quella dell’amministrazione».

Battipaglia, 26 settembre 2012

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Mi dispiace molto per il dipendente dell’Alba srl. Sono tempi difficili e l’esasperazione può fare brutti scherzi. Nell’articolo si parla di cure per il figlio, se è così la situazione è ancora più delicata.
    Mi auguro che il provvedimento di licenziamento non abbia seguito.
    In ogni modo un forte abbraccio da parte mia a questo lavoratore esasperato.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente