Incontro in Regione: Ascoltato il Comparto Socio-Sanitario

Audizione in Regione dei rappresentanti del Comparto Socio-sanitario: Esposte le criticità ai componenti delle Commissioni consiliari Sanità e Politiche Sociali.

In assenza di soluzioni il 16 novembre prossimo, i Centri di riabilitazione minacciano la sospensione dei servizi. La mancata soluzione mette a rischio anche 2300 operatori sanitari.

cimitero di rovigo e barriere architettoniche

SALERNO – Si è svolta questa mattina nella sede del Consiglio regionale della Campania l’audizione congiunta presso le V e VI Commissione Politiche Sociale e Salute dei rappresentanti del comparto socio-sanitario campano Salvatore Parisi, Bruno Pizza e Pier Paolo Polizzi.

All’incontro hanno preso parte anche i Consiglieri regionali del PD salernitano Gianfranco Valiante e Anna Petrone, che della V Commissione è Vice Presidente, al fine di sostenere una battaglia sociale che investe soprattutto i cittadini più deboli.

Anche in questa sede sono stati denunciati gli effetti devastanti del Decreto regionale n. 50 e, in particolar modo, della procedura relativa alla compartecipazione delle spese socio-assistenziali che ha fatto definitivamente esplodere il sistema sanitario connesso alla riabilitazione.

I Presidenti Michele Schiano, per la V Commissione, e Antonia Ruggiero per la VI  – ha dichiarato il Presidente dell’Anffas-Onlus di Salerno, Salvatore Parisi hanno preso atto che il decreto,così come concepito, ha compromesso il diritto alla salute dei cittadini con disabilità e degli anziani con particolari patologie oltre che migliaia di posti di lavoro. L’impegno assunto è chiaro: rivedere il testo normativo che presenta, tra l’altro, delle incongruenze evidenti oltre ad essere applicato in maniera discrezionale nei vari ambiti territoriali. I regolamenti sulla compartecipazione approvati dagli Ambiti territoriali e dai Comuni sono difformi dalle indicazioni regionali e comunque i Comuni disciplinano la compartecipazione solo nei limiti di quanto già inserito in bilancio, di fatto non riconoscendo il debito.

Le strutture che operano nel settore socio – sanitario non sono più in grado di assicurare la gestione ordinaria a causa dell’insolvibilità del credito determinata dall’assenza di rating creditizio dei Comuni campani e nessun Comune, dall’entrata in vigore del DCA 77/11, ha erogato la quota sociale.

Le Associazioni di Categoria – continua Parisi – confermano lo stato di crisi e di emergenza sociale, sollecitano le Commissioni a risolvere le criticità denunciate, e chiedono che la quota sociale di competenza degli Ambiti territoriali/Comuni, a partire dal maggio 2012, venga anticipata dalle AASSLL, ma la continuità assistenziale non potrà più essere assicurata a partire dal 16 novembre 2012, quando cioè verranno – purtroppo – interrotta l’assistenza a circa 3 mila persone anziane, non autosufficiente e con gravi disabilità che sono prive di sostegno familiare e avviate con comunicazione prefettizia le procedure di licenziamento collettivo di oltre 2.300 operatori del settore. L’impegno al fine di poter scongiurare tutto ciò è costante e massimo. Se così non fosse, sarebbe davvero la sconfitta definitiva della politica”.

Salerno, 31 ottobre 2012

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente