Il Sen. Cardiello chiede al nuovo Governo un condono edilizio e più mezzogiorno

Con tutti i problemi che hanno gli italiani grazie ad una classe politica corrotta e incapace che ci ha portato nel baratro, il Sen Cardiello chiede al nuovo Governo un condono edilizio.

La priorità per il Sen. Cardiello non è rilanciare lo sviluppo, aumentare pensioni e stipendi, eliminare il finanziamento ai partiti e ridimensionare gli stipendi ai Parlamentari, agli alti funzionari e ai menager.

Franco-Cardiello

Franco-Cardiello

ROMA – Il Senatore Franco Cardiello del Pdl, sottoscrive in pieno quanto affermato dal coordinatore regionale del PDL On. Nitto Palma e chiede al: “futuro Governo la presenza di figure istituzionali che rappresentino la Campania e il Mezzogiorno, al fine di un impegno serio e sottoscritto ad approvare in tempi rapidi la sanatoria edilizia”.

L’esponente salernitano del Pdl, residente ad Eboli, sottolinea che: “Senza tale impegno, i parlamentari campani dovrebbero votare contro un governo lontano dalle richieste del Sud e sordo ai reali problemi dei cittadini”.

Il senatore Cardiello conclude: “Non si può tergiversare ancora quando c’è chi rischia l’abbattimento della propria abitazione, perché vale la pena ricordarlo, la Campania è l’unica Regione a non aver beneficiato della normativa a causa della scellerata e incostituzionale scelta politica di Bassolino e compagni”.

……………………………  …  ………………………………

E’ veramente singolare la proposta o le proposte che il Senatore Franco Cardiello del PDL, pone all’attenzione del Nuovo Governo che dovrebbe nascere se l’Onorevole Enrico letta, dopo il giro di consultazione scioglie la riserva e passa alla formazione dell’esecutivo, assegnando i dicasteri ma anche accompagnando ai singoli ministri e all’azione di governo un programma condiviso che al momento non è dato sapere, se affronterà i pochi ma essenziali temi improcrastinabili e poi andare alle elezioni e riprendere il cammino della democrazia al momento sospeso a causa di una legge elettorale che ha solo protetto la “casta”, o sarà duraturo fino a proseguire per l’intera legislatura.

.

.

Nel mentre si brancola nel buio di fatto, Cardiello chiede un condono edilizio. Che chieda più attenzione per il Mezzogiorno è importante ed apprezzabile, anche perché ormai per precise responsabilità dei Partiti, il Parlamento si è nordizzato, poiché le varie segreterie hanno ipotecato i primi posti in tutte le circoscrizioni del sud per i boiardi dei Leaders, lasciando una rappresentanza al Sud minimale e non me ne voglia Cardiello, ma veramente ininfluente anche dal punto di vista del peso politico dei singoli parlamentari eletti, ma chiedere impegni per un Condono edilizio è veramente sconcertante.

Tornando alle due proposte è da ricordare che esse sono in antitesi tra loro. Se si chiede più attenzione per il Sud martoriato e condizionato dalla presenza delle Mafie, delle Camorre, della Ndrangheta e delle Sacre Corone Unite oltre che tutti i fenomeni delinquenziali e di illiceità, che attorno a questi girano, oltre al diffuso malcostume che accomuna amministrazioni, amministratori, imprenditori e singoli cittadini in quell’odioso fenomeno tutto italiano e tutto meridionale dell’abusivismo edilizio, successivamente “attenuato” dalla definizione “abuso di necessita“.

E su quell’abuso di necessità che il Senatore Cardiello, il suo coordinatore Regionale Nitto Palma e tutto il suo Partito, impostano la loro richiesta e ne fanno un cavallo di battaglia schierandosi con gli abusivi, quelli che costruiscono ai bordi delle strade, vicino ai fiumi, nelle aree protette, sulle spiagge, sotto i cavi dell’Alta tensione, nei terreni alluvionali, sotto il Vesuvio e in tanti posti magari impedendo poi il passaggio di una strada, di una ferrovia, o la costruzione di una scuola, ma in compenso poi si spende un fottio di soldi per realizzare le infrastrutture primarie e secondarie, la rete idrica, fognaria, del gas, elettrica, oltre alle strade e all’illuminazione. Una serie di costi insostenibili e imprevisti perché non programmati, ma questo poco conta, sol perché sono abusi di necessità, vale a dire qualcuno che non può stare senza una casa abusiva, magari un bisognoso ma che ha i soldi in nero, magari di diverse centinaia di metri quadri e quindi assecondare la sua necessità strafregandosene delle regole e costringendo prepotentemente noi altri a sopportare quella protervia poi avvallata da esponenti politici solo per calcoli elettorali.

Con tutti i problemi che gli italiani stanno subendo grazie ad una classe politica corrotta e incapace che ci ha portato non sull’orlo del baratro, ma nel baratro, la priorità non è rilanciare lo sviluppo, aumentare le pensioni e gli stipendi fortemente ridimensionati, fino a perdere il 40% del loro valore di acquisto, grazie a 4 anni di Governo Berlusconi e un anno di Governo Monti, invece di ridurre i benefici dei Parlamentari e degli alti funzionari e dei menager, di ridurre stipendi e pensioni milionarie e invece di eliminare il finanziamento pubblico dei Partiti e con tutte quelle economie dare ossiggeno ai mercati, per Cardiello, Nitto palmea e il PDL la priorità sono le illegalità.

Complimenti. Se questo è il buongionro che ci si aspetta da questo nascente Governo, allora siamo fritti, vuol dire chen se qualcuno prende la forca o un bastone e riempie di botte tutti quelli che intendono manteenere le cose cose stanno.

Ma i forcaioli e i bastonatori stiano tranquilli, non andranno in prigione, se pizzicano il culo a Nitto Palma e Cardiello e magari gli fanno anche un bernoccolo, quelle saranno considerate mazzate di necessità e faranno subito una sanatoria, l’unica raccomandazione è quella che si deve essere in tanti e che sia la forca che i bastoni siano comprati al mercato nero.

Roma, 26 aprile 2013

25 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente