La “febbre del Nilo” in Veneto: conseguenza del riscaldamento globale

L’alterazione o il riscaldamento globale, sta modificando il clima determinando anche effetti sulla salute.

Il sole e il riscaldamento irregolare della superficie terrestre, causa i venti e delle correnti. Il surriscaldamento, e l’incremento dell’effetto serra, responsabili di molti problemi. In Veneto si sono verificati dieci casi di “febbre del Nilo” e per ora i casi riguardano Rovigo, Padova e Treviso.

La-febbre-del-Nilo-zanzara

La-febbre-del-Nilo-zanzara

di Erasmo Venosi (POLITICAdeMENTE)
Astrofisico

ROMA – L’alterazione climatica o meglio il riscaldamento globale, che sta modificando il clima, determina anche effetti sulla salute. Quest’aspetto dovrebbe essere, nelle Agende degli amministratori pubblici e tra la preoccupazione degli amanti dell’ambiente. L’organismo dell’Onu, che ogni cinque anni produce un Rapporto sul clima, è l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC; Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici) e, nel prossimo febbraio renderà pubblico il sesto Rapporto.

Il clima della Terra è determinato dall’azione, tra sole, oceani, atmosfera, criosfera, superficie terrestre e biosfera. Il sole è la principale forza motrice del tempo meteorologico e del clima. Il riscaldamento irregolare della superficie terrestre, causa i grandi trasporti di area sia nell’atmosfera sia negli oceani, divenendo così la causa ultima dei venti e delle correnti oceaniche. La Terra è sovrastata da cinque strati che insieme costituiscono l’atmosfera. Si chiama troposfera lo strato più basso e si estende, fino a 12 Km in altezza. Il tempo meteorologico, che influenza la superficie terrestre, si sviluppa nella troposfera.

La stratosfera è lo strato successivo e si estende fino a 50 Km e l’ozono (una forma di ossigeno), in esso presente ci protegge dai raggi solari ultravioletti. Sopra la stratosfera vi sono altri tre strati: la mesosfera, la termosfera e l’esosfera. Questi cinque strati consentono solo alla metà dei raggi solari, di raggiungere la Terra mentre gas presenti nella troposfera come vapore acqueo, anidride carbonica, ossido di azoto, metano, idrocarburi alogenati e ozono assorbono circa un quinto dei raggi del Sole, che attraversa questo strato. Una grande parte dell’energia trasportata dai raggi del Sole è assorbita dal suolo e poi irradiata, di nuovo (radiazione infrarosso) verso lo spazio. Una parte di questi raggi è assorbita nello strato inferiore dell’atmosfera da parte, dei gas serra (vapore acqueo, metano, anidride carbonica, ossido di azoto, esafloruro di zolfo, idrofluorocarburi, per fluorocarburi) causando il surriscaldamento della superficie terrestre facendone aumentare la temperatura.

Erasmo Venosi

Erasmo Venosi

Questo surriscaldamento in più, rappresenta l’incremento dell’effetto serra ed è responsabile di molti problemi. In Veneto in questo scorcio, di agosto si sono verificati dieci casi di “febbre del Nilo” e per ora i casi riguardano Rovigo, Padova e Treviso. Due casi, in particolare hanno suscitato particolare attenzione e riguardano persone residenti in Provincia di Treviso: una donna anziana, che ha sviluppato un’encefalite e un uomo di cinquanta anni una meningite. Esiti questi definiti come complicazione, per questa malattia conosciuta come febbre del Nilo occidentale e trasmessa dalle zanzare. Il principale vettore di questa malattia è rappresentato dalle zanzare del genere Culex.

Tutti i fattori, che favoriscono la proliferazione di queste zanzare, come precipitazioni abbondanti, inondazioni, irrigazioni, temperature elevate, portano a un aumento della diffusione della malattia. Un ruolo significativo nella propagazione della febbre del Nilo è giocato dagli uccelli, che migrando trasportano il virus dall’Africa a zone geografiche più temperate

Le zanzare, che pungono gli uccelli migratori infetti, s’infettano e a loro volta trasmettono il contagio agli animali e agli uomini, che pungono in seguito. I fattori ambientali come piogge intense associate a periodi seguenti di tempo caldo e secco, temperature medie superiori al normale e anche correnti di aria calda che possono trasportare zanzare infette, determinano l’aumento, la densità della popolazione dei vettori e svolgono quindi un ruolo determinante nell’espansione di questa malattia.

Le alterazioni climatiche nei prossimi decenni , con l’aumento costante della temperatura media potrebbero ampliare l’area di distribuzione dei vettori. Dì una cosa si può essere certi. I vettori delle malattie sono molto sensibili ai mutamenti climatici e ambientali, in particolare a variazioni di temperatura e umidità. Alcuni scenari di evoluzione climatica, per il futuro predicono , che molte parti d’Europa diventeranno più calde e umide e questo potrà avere un impatto sui vettori di malattia come le zanzare che trasmettono febbre del Nilo occidentale, chikungunya e persino dengue e febbre della Rift Valley. L’unico Rapporto, che ha esaminato il tema della salute sui cambiamenti climatici, è “Cambiamenti climatici ed eventi estremi: rischi per la salute in Italia”, risultato di una collaborazione tra l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e il Centro Europeo per Salute e Ambiente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha esaminato, i possibili effetti dei cambiamenti climatici sulla diffusione delle malattie infettive, soprattutto di quelle trasmesse da vettori, ritenute più suscettibili ai cambiamenti climatici stessi e in particolare all’aumento della temperatura media.

Il rapporto evidenzia, che l’aumento della temperatura media dovuto ai cambiamenti climatici potrebbe tra le altre cose:

  1. favorire l’importazione e l’adattamento di nuovi artropodi vettori;
  2. favorire l’importazione e l’adattamento di nuovi agenti patogeni.

L’Italia è uno dei paesi più a sud dell’Europa e un ponte ideale , tra l’Europa e l’Africa e potrà essere coinvolta in questo fenomeno e si potrebbe assistere, con l’aumento previsto della temperatura media, a un’amplificazione della densità dei vettori delle malattie infettive, come zanzare, zecche, pappatacei e a variazione nella loro distribuzione geografica. Appare necessari integrare le politiche sanitarie con quelle energetiche e di tutela ambientale e del territorio. Problemi complessi e soluzioni complesse rispetto alle quali solo la pressione cosciente dei cittadini potrà indurre i governanti a fare scelte coerenti con gli interessi attuali e futuri dell’Uomo. A livello nazionale e locale un compito importante sarà quello della Sanità pubblica che dovrà occuparsi delle conseguenze, che i cambiamenti climatici possono avere sulla salute umana soprattutto suggerendo interventi efficaci di mitigazione e di adattamento, volti a ridurre le cause e limitare gli impatti.

Roma, 30 agosto 2013

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Caro e fraterno amico Erasmo.
    Ammirevole il tuo articolo, ma quello che dicono i Grandi Scienziati(?) dell’Istituto Superiore della Sanità Italiana (parenti ed amici di qualche PD Sindacalista, Magistrato, Politico, alto dirigente Pubblico, Giornalista di alto livello, Banchiere, Unipol, COOP ecc.) lo avevo rivelato anni addietro nei miei scritti (Libro non pubblicato per la mia nota povertà) e nelle mie lettere trasmesse a tutte le grandi (?) autorità sanitarie Italiane ed Estere.
    Allego una di queste lettere. Ti abbraccio con fraterno affetto.
    Elio_______________________________________
    Dott. ELIO PRESUTTO
    Ricerche Entomologiche
    Ricerca e sperimentazione sui Biocidi
    Ricerche in Bonifiche Ambientali

    Gentilissimo Presidente,
    Le scrivo per sollevare una vibrata protesta in merito al Decreto del Ministero della Salute, con riferimento ai LEA (Livelli Essenziali Assistenza). La prevenzione (Disinfestazione: Disinsettazione, Derattizzazione) delle Malattie Infettive (in maggioranza virali), veicolate da Insetti e Ratti, è totalmente ignorata in Italia, ogni Ente Pubblico o Privato, piccolo o grande, effettua tale servizio in assenza totale di Professionisti qualificati. I Medici Igienisti, anche se preparatissimi nella conoscenza e cura delle Malattie infettive, ignorano l’Entomologia, la Chimica Organica, l’Impatto Ambientale delle molecole chimiche contenute nei Presidi Medico Chirurgici, le Tecniche di applicazione, gli strumenti meccanici e le Moderne Tecniche Applicative>
    In merito, le faccio notare che, a seguito dell’innalzamento delle temperature ed alla variabilità climatica, in concomitanza con il continuo afflusso di cittadini provenienti da Paesi Tropicali e Sub-Tropicali, il costante aumento di turisti Italiani che si recano in zone Tropicali e Sub, la presenza, su tutto il territorio Italiano, della famigerata Zanzara Tigre, ha aumentato, notevolmente, il pericolo del diffondersi di Malattie, non presenti ancora, pericolosissime per la salute umana (Denque, Malaria, Febbre Gialla, Encefaliti, Tubercolosi, Chikungunya, Leismaniosi, Oncocercosi, Filariosi Cardiopolmonare, Febbre del Nilo ecc.).
    La Chikungunya è comparsa in Romagna nel 2007, con moltissimi casi di cittadini infettati e con una vittima. Il pericolo è gravissimo se, questa malattia, si dovesse diffondere in tutta la Nazione, data la confusione totale che esiste in Italia, in merito alla Prevenzione. L’Encefalite Equina West Nile, già presente negli allevamenti Toscani e del Nord, in Venezuela, dall’anno 1998, a seguito di una mutazione genetica, colpisce migliaia di cittadini, con alta mortalità, in particolare tra i bambini. Negli USA è presente da alcuni anni ed in alcuni stati, con notevolissimi decessi. In Europa, i primi casi di “Encefalite Equina” umana, si sono registrati in Francia nel 2003.

    In molte Regioni, tra cui la Toscana, i servizi di Disinfestazione (lotta agli Insetti e Ratti), sono effettuati dai Comuni (con aggravio della spesa Comunale) e controllati dai Tecnici del Settore Edilizio, i quali si affidano a Ditte di Disinfestazioni, senza una seria selezione e senza alcun conseguente controllo. Ad esempio, della totale e non colpevole impreparazione dei Tecnici Comunali, le trasmetto, in allegato, solo alcune lettere, da me inviate a diversi Sindaci.
    Le ho citato solo alcuni aspetti tecnici, perché il discorso è lunghissimo ed investe, innanzi tutto, la scellerata Politica Sanitaria fatta, nei vari anni, dal Ministero della Salute e dalle Regioni. Tutti pensano a curare, senza approfondire le tematiche della prevenzione, che investe la totalità delle attività umane, per non parlare della Medicina di base (Medici di famiglia detti “scribacchini”, per la sconsiderata Legge che li governa) che non filtra, in alcun modo, i costosissimi Ricoveri Ospedalieri, con il susseguente ingolfamento dei “Pronto Soccorsi Ospedalieri” e del “118”
    Nella Sua qualità di Presidente dell’ANCI, si faccia promotore, per l’elaborazione di un “Protocollo Nazionale”, per ovviare a tali pericolosissime inadempienze e sollevare i Comuni da spese inutili e da problematiche Sanitarie, che dovrebbero essere, solo ed esclusivamente, di competenza Regionale.
    .
    Cordiali saluti.

    Dott. Elio Presutto
    Largo 4 Agosto 1943, n° 4 – (84025) EBOLI (SA). Tel. 0828/333452
    Fax 0828/366420 – Cellulare 320/0823326
    E.mail: elcaribe7@gmail.com

  2. Caro e fraterno amico Erasmo.
    Ammirevole il tuo articolo, ma quello che dicono i Grandi Scienziati(?) dell’Istituto Superiore della Sanità Italiana (parenti ed amici di qualche PD Sindacalista, Magistrato, Politico, alto dirigente Pubblico, Giornalista di alto livello, Banchiere, Unipol, COOP ecc.) lo avevo rivelato anni addietro nei miei scritti (Libro non pubblicato per la mia nota povertà) e nelle mie lettere trasmesse a tutte le grandi (?) autorità sanitarie Italiane ed Estere.
    Allego una di queste lettere. Ti abbraccio con fraterno affetto.
    Elio_______________________________________
    Dott. ELIO PRESUTTO
    Ricerche Entomologiche
    Ricerca e sperimentazione sui Biocidi
    Ricerche in Bonifiche Ambientali

    Gentilissimo Presidente,
    Le scrivo per sollevare una vibrata protesta in merito al Decreto del Ministero della Salute, con riferimento ai LEA (Livelli Essenziali Assistenza). La prevenzione (Disinfestazione: Disinsettazione, Derattizzazione) delle Malattie Infettive (in maggioranza virali), veicolate da Insetti e Ratti, è totalmente ignorata in Italia, ogni Ente Pubblico o Privato, piccolo o grande, effettua tale servizio in assenza totale di Professionisti qualificati. I Medici Igienisti, anche se preparatissimi nella conoscenza e cura delle Malattie infettive, ignorano l’Entomologia, la Chimica Organica, l’Impatto Ambientale delle molecole chimiche contenute nei Presidi Medico Chirurgici, le Tecniche di applicazione, gli strumenti meccanici e le Moderne Tecniche Applicative>
    In merito, le faccio notare che, a seguito dell’innalzamento delle temperature ed alla variabilità climatica, in concomitanza con il continuo afflusso di cittadini provenienti da Paesi Tropicali e Sub-Tropicali, il costante aumento di turisti Italiani che si recano in zone Tropicali e Sub, la presenza, su tutto il territorio Italiano, della famigerata Zanzara Tigre, ha aumentato, notevolmente, il pericolo del diffondersi di Malattie, non presenti ancora, pericolosissime per la salute umana (Denque, Malaria, Febbre Gialla, Encefaliti, Tubercolosi, Chikungunya, Leismaniosi, Oncocercosi, Filariosi Cardiopolmonare, Febbre del Nilo ecc.).
    La Chikungunya è comparsa in Romagna nel 2007, con moltissimi casi di cittadini infettati e con una vittima. Il pericolo è gravissimo se, questa malattia, si dovesse diffondere in tutta la Nazione, data la confusione totale che esiste in Italia, in merito alla Prevenzione. L’Encefalite Equina West Nile, già presente negli allevamenti Toscani e del Nord, in Venezuela, dall’anno 1998, a seguito di una mutazione genetica, colpisce migliaia di cittadini, con alta mortalità, in particolare tra i bambini. Negli USA è presente da alcuni anni ed in alcuni stati, con notevolissimi decessi. In Europa, i primi casi di “Encefalite Equina” umana, si sono registrati in Francia nel 2003.

    In molte Regioni, tra cui la Toscana, i servizi di Disinfestazione (lotta agli Insetti e Ratti), sono effettuati dai Comuni (con aggravio della spesa Comunale) e controllati dai Tecnici del Settore Edilizio, i quali si affidano a Ditte di Disinfestazioni, senza una seria selezione e senza alcun conseguente controllo. Ad esempio, della totale e non colpevole impreparazione dei Tecnici Comunali, le trasmetto, in allegato, solo alcune lettere, da me inviate a diversi Sindaci.
    Le ho citato solo alcuni aspetti tecnici, perché il discorso è lunghissimo ed investe, innanzi tutto, la scellerata Politica Sanitaria fatta, nei vari anni, dal Ministero della Salute e dalle Regioni. Tutti pensano a curare, senza approfondire le tematiche della prevenzione, che investe la totalità delle attività umane, per non parlare della Medicina di base (Medici di famiglia detti “scribacchini”, per la sconsiderata Legge che li governa) che non filtra, in alcun modo, i costosissimi Ricoveri Ospedalieri, con il susseguente ingolfamento dei “Pronto Soccorsi Ospedalieri” e del “118”
    Nella Sua qualità di Presidente dell’ANCI, si faccia promotore, per l’elaborazione di un “Protocollo Nazionale”, per ovviare a tali pericolosissime inadempienze e sollevare i Comuni da spese inutili e da problematiche Sanitarie, che dovrebbero essere, solo ed esclusivamente, di competenza Regionale.
    .
    Cordiali saluti.

    Dott. Elio Presutto
    Largo 4 Agosto 1943, n° 4 – (84025) EBOLI (SA). Tel. 0828/333452
    Fax 0828/366420 – Cellulare 320/0823326
    E.mail: elcaribe7@gmail.com

  3. Caro e fraterno amico Erasmo.
    Ammirevole il tuo articolo, ma quello che dicono i Grandi Scienziati(?) dell’Istituto Superiore della Sanità Italiana (parenti ed amici di qualche PD Sindacalista, Magistrato, Politico, alto dirigente Pubblico, Giornalista di alto livello, Banchiere, Unipol, COOP ecc.) lo avevo rivelato anni addietro nei miei scritti (Libro non pubblicato per la mia nota povertà) e nelle mie lettere trasmesse a tutte le grandi (?) autorità sanitarie Italiane ed Estere.
    Allego una di queste lettere. Inviata al Comunista ex Sindaco di Firenze. Ti abbraccio con fraterno affetto.
    Elio_______________________________________
    Dott. ELIO PRESUTTO
    Ricerche Entomologiche
    Ricerca e sperimentazione sui Biocidi
    Ricerche in Bonifiche Ambientali

    Gentilissimo Presidente,
    Le scrivo per sollevare una vibrata protesta in merito al Decreto del Ministero della Salute, con riferimento ai LEA (Livelli Essenziali Assistenza). La prevenzione (Disinfestazione: Disinsettazione, Derattizzazione) delle Malattie Infettive (in maggioranza virali), veicolate da Insetti e Ratti, è totalmente ignorata in Italia, ogni Ente Pubblico o Privato, piccolo o grande, effettua tale servizio in assenza totale di Professionisti qualificati. I Medici Igienisti, anche se preparatissimi nella conoscenza e cura delle Malattie infettive, ignorano l’Entomologia, la Chimica Organica, l’Impatto Ambientale delle molecole chimiche contenute nei Presidi Medico Chirurgici, le Tecniche di applicazione, gli strumenti meccanici e le Moderne Tecniche Applicative>
    In merito, le faccio notare che, a seguito dell’innalzamento delle temperature ed alla variabilità climatica, in concomitanza con il continuo afflusso di cittadini provenienti da Paesi Tropicali e Sub-Tropicali, il costante aumento di turisti Italiani che si recano in zone Tropicali e Sub, la presenza, su tutto il territorio Italiano, della famigerata Zanzara Tigre, ha aumentato, notevolmente, il pericolo del diffondersi di Malattie, non presenti ancora, pericolosissime per la salute umana (Denque, Malaria, Febbre Gialla, Encefaliti, Tubercolosi, Chikungunya, Leismaniosi, Oncocercosi, Filariosi Cardiopolmonare, Febbre del Nilo ecc.).
    La Chikungunya è comparsa in Romagna nel 2007, con moltissimi casi di cittadini infettati e con una vittima. Il pericolo è gravissimo se, questa malattia, si dovesse diffondere in tutta la Nazione, data la confusione totale che esiste in Italia, in merito alla Prevenzione. L’Encefalite Equina West Nile, già presente negli allevamenti Toscani e del Nord, in Venezuela, dall’anno 1998, a seguito di una mutazione genetica, colpisce migliaia di cittadini, con alta mortalità, in particolare tra i bambini. Negli USA è presente da alcuni anni ed in alcuni stati, con notevolissimi decessi. In Europa, i primi casi di “Encefalite Equina” umana, si sono registrati in Francia nel 2003.

    In molte Regioni, tra cui la Toscana, i servizi di Disinfestazione (lotta agli Insetti e Ratti), sono effettuati dai Comuni (con aggravio della spesa Comunale) e controllati dai Tecnici del Settore Edilizio, i quali si affidano a Ditte di Disinfestazioni, senza una seria selezione e senza alcun conseguente controllo. Ad esempio, della totale e non colpevole impreparazione dei Tecnici Comunali, le trasmetto, in allegato, solo alcune lettere, da me inviate a diversi Sindaci.
    Le ho citato solo alcuni aspetti tecnici, perché il discorso è lunghissimo ed investe, innanzi tutto, la scellerata Politica Sanitaria fatta, nei vari anni, dal Ministero della Salute e dalle Regioni. Tutti pensano a curare, senza approfondire le tematiche della prevenzione, che investe la totalità delle attività umane, per non parlare della Medicina di base (Medici di famiglia detti “scribacchini”, per la sconsiderata Legge che li governa) che non filtra, in alcun modo, i costosissimi Ricoveri Ospedalieri, con il susseguente ingolfamento dei “Pronto Soccorsi Ospedalieri” e del “118”
    Nella Sua qualità di Presidente dell’ANCI, si faccia promotore, per l’elaborazione di un “Protocollo Nazionale”, per ovviare a tali pericolosissime inadempienze e sollevare i Comuni da spese inutili e da problematiche Sanitarie, che dovrebbero essere, solo ed esclusivamente, di competenza Regionale.
    .
    Cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente