Melchionda: Nessun clientelismo alla Multiservizi. Sarà risanata

Eboli Multiservizi: il Consiglio Comunale impegna l’Amministratore Unico della Società Eboli Multiservizi a presentare con urgenza un piano delle attività.

Il Sindaco di Eboli Martino Melchionda: “Un percorso obbligato. Ancora una volta questa maggioranza si fa carico del futuro di una società che da’ lavoro a oltre 30 famiglie”. E le opposizioni inviano gli atti alla Procura e alle Caserme

Vincenzo-Rotondo-Foto-Politicademente

Vincenzo-Rotondo-Foto-Politicademente

di Massimo Del Mese (POLITICAdeMENTE)

EBOLI – Il Consiglio Comunale, – si legge nella nota politica pervenutaci dall’Ufficio Stampa del Comune di Eboli – nella seduta di venerdì sera u.s., dopo aver preso atto della relazione del Presidente della Commissione Controllo e Garanzia Lazzaro Lenza, sull’esito delle sedute relative all’indagine conoscitiva sulle cause del disallineamento tra crediti vantati dalla Società Eboli Multiservizi e quelli riconosciuti dall’Ente – ha votato con 18 voti a favore, 10 contrari e 3 assenti, la mozione presentata dalla maggioranza consiliare.

La delibera votata, impegna l’Amministratore Unico della Eboli Multiservizi spa Sergio Antonini a presentare con urgenza un piano delle attività, tale da consentire al Consiglio Comunale di discuterne, integrare ed approvarne gli indirizzi generali.

L’Amministrazione, – si legge nella nota – dunque, ribadisce la volontà di risanare e rilanciare la società, anche e soprattutto per preservare e tutelare i suoi 30 dipendenti.

A riguardo interviene il Sindaco di Eboli Martino Melchionda: La nostra scelta è, ancora una volta, quella di non liquidare la società, ma di mettercela sulle spalle. La mozione presentata dai consiglieri di maggioranza, che intendo ringraziare per il senso di responsabilità che, ancora una volta, hanno mostrato,  è equilibrata, e dal contenuto positivo; non scarica la responsabilità su nessuno, ma attraverso una premessa onesta, traccia  una brevissima storia della società ed individua una possibile soluzione.

Il lavoro svolto della commissione si è rivelato senzaltro utile; tuttavia, devo ammettere, che risulta irrispettoso nei confronti del Consiglio Comunale il gesto di spedire le carte alla Procura, prima ancora di affrontare la discussione nellassise. In ogni caso, viviamo anche questo con estrema serenità e rigore.

Per quanto riguarda le assunzioni avvenute nel 2010, esse sono avvenute nel corso del tempo, e derivano dalla necessità dellente di far svolgere alla Multiservizi una serie di attività manutentive che il comune non poteva sostenere a causa dello sforamento del patto di stabilità dellanno precedente, ma che erano assolutamente necessarie.

Rispediamo, dunque, al mittente le infondate accuse di clientelismo.

Questo Consiglio Comunale – prosegue Melchionda – ha cominciato a ripianare le perdite della Eboli Multiservizi già nei primi mesi del 2005, quando ci siamo trovati una società che aveva già consumato per intero il proprio capitale sociale. Allora si aveva la pretesa di eseguire innumerevoli servizi: rifiuti, mensa, manutenzione ecc., il tutto con un capitale sociale bassissimo. Anche in quelloccasione, questa maggioranza non si è tirata indietro, ed ha ripianato i costi.

Ebbene, oggi, è tempo di individuare soluzioni definitive, azioni che possano contribuire a ridurre il divario tra i costi e i ricavi. Questa deve essere la preoccupazione di tutti, aldilà delle chiacchiere demagogiche ed infruttuose. Il percorso da avviare è complicato, ma obbligato: entro lanno, bisogna decidere quale fisionomia deve avere la società. Occorre – conclude il Sindaco Melchionda – avviare una azione di risanamento e predisporre un piano di attività concrete e verosimili, che dia allazione dellamministrazione una chiara direzione di marcia.

Ed è proprio questo il problema, cioé quello di giungere definitivamente a chiarire il ruolo della Società e a ripianare il suo bilancio una volta per tutte, atteso che fino a questo momento, per consentire il suo mantenimento, oltre al capitale iniziale vi è stata una rimessa per aumento di capitale, ma soprattutto perché il Comune non potendo svolgere direttamente alcun servizio è costrettoin ogni caso a rivolgersi presso una società esterna, nella ipotesi si volesse mettere in liquidazione la Multiservizi. In quel caso salterebbero i 30 posti di lavoro e quelli che vorrebbero la botte piena e la moglie ubriaca, nel senso che mentre accusano la società di cattiva gestione, vorrebbero che i dipendenti si salvassero ne sarebbero i responsabili definitivi.

Sebbene il percorso di questa società è intriso di ipocrisia e naturalmente e le opposizioni cercano in tutti i modi di far emergere quelle distonie che sono insite proprio nel “peccato originale” di quella Società, che è nata male ed è stata gestita peggio ma che coinvolge vari livelli di responsabilità che al momento si possono anche individuare in una trasversalità che passa attraverso quasi tutti i Consiglieri comunali, eccezion fatta solo per alcuni nuovi e che all’epoca eoggi sono sempre stati all’opposizione.

Ma le opposizioni, e POLITICAdeMENTE non ne cita alcuna, rispettando le loro volontà di non voler comparire su questo sito, ritenendolo evidentemente critico nei loro confronti, abituati evidentemente a costruirsi giornalini che ne magnifichino le gesta, e magari attuando faide partitiche per affermare i predomini, ci sono per opporsi e lo hanno fatto. Lo hanno fatto anche irritualmente, pubblicando prima l’esito della Commissione di Controllo e garanzia, e inviandola poi alla Procura della Repubblica e alle varie Caserme presenti sul territorio, escludendo la Polizia Forestale, perché è impegnata a presidiare il Palazzo Sant’Abostino sede della Provincia di Salerno, e alle varie autorità giudiziarie preposte ancor prima che il Consiglio Comunale si pronunciasse.

Eboli, 10 novembre 2013

Il presente articolo è proprietà intellettuale di POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese ed è vietata la riproduzione, tranne se con un Link di riferimento.

9 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2023 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente