Comune di Fisciano – Confindustria: Siglato Patto sulla Fiscalità locale

Fisciano accoglie l’invito del Presidente di Confindustria Salerno Mauro Maccauro per un Patto sulla Fiscalità basato su un modello premiale a favore delle imprese e del lavoro.  

Il “Patto” è rivolto agli enti locali, che adottano un sistema di premialità fiscale per le aziende che da quest’anno, investiranno risorse per ampliare le Aziende, acquistare nuovi macchinari e/o attrezzature per la propria crescita, con conseguente ricaduta in termini di incremento dell’occupazione locale.

.

FISCIANO – Il Comune di Fisciano, esprimendo la piena vicinanza alle aziende locali, si è dichiarato pronto ad aprire un tavolo tecnico per sottoscrivere un patto sulla fiscalità locale che possa creare le condizioni migliori, collegandosi con un sistema di premialità fiscale, allo scopo di incrementare i livelli occupazionali. A comunicarlo sono il sindaco Tommaso Amabile e l’assessore al bilancio e alle finanze Franco Gioia, che hanno accolto l’invito del presidente di Confindustria Salerno, Mauro Maccauro, rivolto a tutti gli enti locali, di mettere in atto un sistema di premialità fiscale per quelle aziende che, a partire da quest’anno, decideranno di investire risorse per ampliare i propri capannoni, per acquistare nuovi macchinari e/o attrezzature determinanti per la propria crescita, con conseguente ricaduta in termini di incremento dell’occupazione locale.

Mauro Maccauro

Mauro Maccauro

Un patto chiaro e trasparente – si legge nella nota che Confindustria ha inviato ai Comuni – che veda, da un lato, gli imprenditori pronti ad investire, dall’altro le amministrazioni disponibili a rivedere, in base ad una griglia di criteri da definire, le aliquote dì propria competenza dei vari tributi locali”.  Secondo Confindustria Salerno “per tornare a creare lavoro e benessere e per restituire una prospettiva alle giovani generazioni, a corollario di una nuova strategia di politica industriale che deve avere il suo fulcro nell’impresa manifatturiera, occorre anzitutto una riduzione del carico fiscale e, al posto dell’attuale coacervo normativo, regole semplici e stabili che possano ripristinare un rapporto di fiducia tra cittadino e pubbliche amministrazioni”.

Il presidente Maccauro ha precisato che bisogna contenere soprattutto le aliquote Imu, in quanto è stato evidenziato che nel passaggio dall’Ici all’Imu, si è registrato un aumento mediamente più del doppio di quanto versato in termini di imposte locali. “Per l’anno in corso – si legge nella lettera inviata da Amabile e Gioianon abbiamo modificato l’aliquota IMU del 2012, mantenendo la stessa invariata all’ 8,5 per mille per le attività produttive anche con grossissimi sacrifici in termini di bilancio, e non facendo la corsa all’aumento massimo del 10,60 per mille come è successo in moltissimi comuni d’Italia ed anche del nostro comprensorio”.

In materia di Tares, poi, il Comune di Fisciano, ha cercato di contenere le aliquote delle attività commerciali ed industriali applicando per tutte le categoria il minimo che la norma consentiva. Solo in alcuni casi si sono verificati dei piccoli aumenti, ma per circa il 90% delle categorie si sono riscontrati dei forti ribassi rispetto al 2012. “Non solo – si legge ancora –  ma abbiamo previsto l’esenzione completa dal tributo per un anno per tutti coloro che hanno avviato o intendono avviare una nuova attività sul territorio del nostro Comune”. L’ente, rappresentato nella circostanza dal sindaco Amabile e dall’assessore alle finanze Gioia, ha ritenuto giusto e doveroso dare un segnale concreto alle aziende, in un momento storico di straordinaria difficoltà socio-economica.

Fisciano, 17 gennaio 2014

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente