L’ebolitana Mimma Romano a “Detto fatto”, la trasmissione RAI2 con Caterina Balivo

Una ebolitana con le sue sculture colorate va a “Detto Fatto”, la trasmissione televisiva di RAI 2, condotta da Caterina Balivo.

Mimma Romano si è distinta con le sue originali e coloratissime creazioni di sculture in porcellana fredda, conosciute come “L’arcobaleno di Mimma”. Ora è necessario che il suo video venga Linkato e riceva il maggior numero di apprezzamenti.

Mimma-Romano_backstage

Mimma-Romano_backstage

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Lo lo scorso 16 gennaio, dopo aver mandato una mail alla casella di posta della trasmissione televisiva su RAI2Detto Fatto” dedicata all’handmade e ai tutorial in genere, Mimma Romano è stata chiamata negli studi di RAI 2 per registrare un video sulla sua arte: la scultura in porcellana fredda. Si tratta di un video “prova” che è possibile vedere sul sito del programma.

Mimma Romano

Mimma Romano

In pochi minuti e con pochi sapienti gesti, Mimma, ha illustrato come si realizza un simpaticissimo fiorellino, da utilizzare come ciondolo o come decoro, catturando l’attenzione della conduttrice Caterina Balivo con la fantasia di cui è capace chi, come lei, plasma con le mani gli oggetti delle forme più disparate.

Ora, per la giovane ebolitana, potrebbe presentarsi l’occasione di tornare in Rai e, stavolta, di partecipare alla trasmissione vera e propria, in qualità di “tutor”.

Per far sì che ciò avvenga, non esiste un vero e proprio concorso, ma è necessario che il suo video (caricato al seguente link: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c9c41e02-a7f1-4b54-9d20-ecf3444bed02.html) riceva il maggior numero di apprezzamenti possibile.

Caterina-Balivo-a-Detto-Fatto

Caterina-Balivo-a-Detto-Fatto

Mimma coltiva la passione per la porcellana fredda, un materiale “moderno” ed “economico” che, però, si modella seguendo le “regole” dei materiali più preziosi, da soli due anni. E già  la sua bravura è molto apprezzata, e non solo a livello locale. Tanto aprirle le porte della televisione nazionale.

Personaggi delle fiabe e dei cartoon, animali che sembrano fumetti, oggetti di ogni forma e dimensione, concepiti per ogni utilizzo: le “creature” di Mimma,  si animano di colore, fantasia e passione. Le stesse che emanano, come un arcobaleno, dal sorriso e dalle sapienti mani di chi le realizza.

E come si fa a non tifare per lei? Se vogliamo rivederla e vogliamo che la sua arte venga apprezzata non resta altro che inviare il proprio apprezzamento al Link:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/medi/ContentItem-c9c41e02-a7f1-4b54-9d20-ecf3444bed02.html)

Eboli, 1 marzo 2014

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Una performance professionale che onora la collettività intera,Brava Mimma!

  2. COMUNICAZIONE IMPORTANTE AI LETTORI DEL BLOG
    Ho ricevuto in forma privata, un messaggio dal Sig. Franco Moraniello, che non rendo pubblico perché egli evidentemente ha scelto quella modalità e la rispetto, ma poiché egli si lamenta, ritenendo che i commentatori di questo blog stiano architettando una campagna mediatica volta a screditare la sua “immagine” e la sua “persona”, e poiché questo sito e chi lo amministra, non solo si chiama fuori da siffatta ipotesi e ad ogni interpetrazione che va nella direzione immaginata dal signor Moraniello, e non condividendo affatto sia i toni che egli utilizza e sia quelli che alcuni hanno utilizzato a loro volta nei suoi confronti, ritengo di rendere pubblica la risposta che gli ho inviato, aggiungendo a quanti partecipano ai vari forum di evitare commenti che non siano strettamente inerenti i temi proposti e di evitare di dare giudizi o usare aggettivi che possano essere intesi come offensivi, così come di evitare di rivolgere le proprie critiche a persone che non hanno un ruolo pubblico, per evitare che si possa degenerare e che il dibattito scada e sfoci nella denuncia e non nel confronto. Tengo a ribadire che POLITICAdeMENTE non risponde per nulla delle offese o delle ingiurie o di altro ma che allo stesso tempo non intende tollerare che accada e che si trasformi una spazio di libertà in un trivio dove sviluppare scorribande o vendette.
    Massimo Del Mese

    Questo che segue è il testo integrale della risposta al sig. Moraniello.

    Caro Franco,
    mi sei molto simpatico, ma non certo puoi dirmi cosa devo o non devo fare sul mio sito, e lo dico questo senza nessun astio, mi devi credere. Mi scrivi in forma privata e non ho capito perché, non lo apprezzo, perché quello che riguarda il mio sito non ha niente di privato, tuttavia, mi dispiace tu voglia trasferire sul mio sito le tue modalità.
    Se vai a ritroso e analizzi tutti i tuoi commenti, ti accorgerai che non ce ne è uno nel quale non compaiono epiteti nei confronti di chicchessia, hai usato tutti gli aggettivi riferibili al mondo animale, possibili ed immaginabili, ed il fatto di metterci la “faccia” non obbliga nessuno a riempiere di fetenzie gli altri.
    Riguardo poi alla campagna mediatica che tenderbbe a screditarti, devo dirti per cortesia di non mischiarmi con nessuono, Il Mio sito è uno spazio democratico e di libertà, per le prospettive di analisi, e di rappresentazione della realtà politica che ci circonda viene ritenuto autorevole e certo non posso sopportare di essere trascinato in beghe personali che non solo non apprezzo, ma che non condivido e non faccio mie.
    Mi rifiuto nella maniera più ferma possibile di appartenere ad una categoria di persne che vorrebbe affermare la propria personalità con la forza, l’insulto e la prepotenza, anche se solo verbale, per questo devo dirti e spero sia in maniera definitiva di evitare di dirmi cosa devo fare e che non accetti l’anonimato.
    Le regole che mi sono imposto sono proprio a difesa di quelle persone che non vogliono essere minacciate o discriminate o insultate e vilipese solo per affermare le proprie idee, così come condanno quelle persone che nell’anonimato non osservano quelle regole di correttezza,
    Riguardo all’ultimo capoverso di tutela della tua “immagine” e della tua “persona”, te l’ho detto anche pubblicamente. Se ti senti offeso puoi fare le tue denunce come e quando vuoi. quelle denunce non mi toccano e non mi coinvolgono se non quando la polizia postale mi chiederà l’IP identificativo di chi ha scritto il post.
    La vita è complicata, come è complicata anche la democrazia e talvolta alcuni non sanno viverla e usarla. Evitiamo nella maniera più assoluta di rendercela difficile.
    Con immutato affetto.
    Massimo Del Mese

  3. La più elementare delle regole democratiche dell’informazione è di fondamentale importanza il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,con lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione(art.21):questo diritto è il necessario complemento della libertà di coscienza e di pensiero che,di per se,non avrebbe alcun valore se non fosse accompagnato dalla libertà di manifestare agli altri le proprie convinzioni.-Rientra in questo diritto la libertà di stampa.-La libertà di stampa è libertà,riconosciuta ai cittadini,di diffondere notizie,giudizi,opinioni per mezzo di libri e giornali,o altri organi di informazione,come la RADIO o la TELEVISIONE o con nuovi canali dell’informazione (social network) detto questo la cosa più importante è quella norma che dovrebbe garantire a chi scrive di poter effettivamente manifestare il proprio pensiero,e al lettore di leggere le autentiche opinioni di chi scrive,e non ciò che fa comodo a persone ed autorità che stanno al di sopra di lui,carissimo Massimo io uno di quelli che riempieri di fetenzie gli altri.-??? ma dai siamo seri,il sottoscritto gli attacchi li ha fatto sempre a uomini istituzionali e non ha persone che esprimo un loro libero parere su di questa o quell’altra cosa,ma detto questo è facilissimo come la notizia viene presentata in modi diversi per scoprire quando sia facile indrizzare l’opinione ai lettori sottolieando alcuni aspetti ed ignorandone altri,tacendo un particolare o dandone eccessivo rilievo,detto questo con amicizia e RISPETTO in casa d’altri non detto legge…. mi potranno pure mettere sotto torchio basta che si sappia chi è …come le istituzioni locali e uomini politici locali sanno sempre chi è che li attacca e li critica,anche duramente cercando di avere rapporti costruttivi che a dire la verità con questi non ci sono mai,ma comunque sanno a chi rispondere questo per me vuol dire e si chiama DIRITTO di REPLICA e quest’ultima non lo si nega a nessuno altrimenti pura DITTATURA altro che democratici e democrazia nella città di Eboli.-
    un abbraccio con amicizia e rispetto
    Franco Moraniello

    Messaggio da me mandato al sig. Massimo Del Mese
    Gentile sig. Del Mese, sto notando una profonda incoerenza tra lo spirito di un blog, e quello che leggo tra le righe del suo. Noto che lei, non adempie in pieno al suo ruolo di moderatore di commenti “troppo di parte e faziosi” volti a screditare, colui
    (me) che ci mette la faccia in dichiarazioni incontestabili e documentabili, firmate e autografate. La regola dovrebbe essere che colui che contesta le mie affermazioni, al par mio dovrebbe fornire motivazioni documentabili, e la sua identità. Nel caso ciò non accadesse (e puntualmente non succede) lei lo dovrebbe censurare. E’ evidente che dalle pagine del vostro blog, si sta avvicendando una campagna mediatica volta a screditare a mezzo del puro insulto, senza motivazione idonea, che si protrae da troppo tempo. Vogliate con cortese urgenza provvedere, a moderare con attenzione e seguendo i criteri sopra descritti, che sono quelli di un “buon padre di famiglia”, altrimenti mi vedrò costretto a tutelare come si conviene, la mia immagine, la mia persona.-
    cordialmente porgo saluti con amicizia e RISPETTO tuo aff.mo Franco.-

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente