Iniziativa a favore del diritto alla salute per i cittadini dell’Agro

Le associazioni Spes e Progetto Agro hanno partecipato, nella sede de Tribunale del Malato, all’incontro indetto dal Comitato per la Salute presso l’Ospedale di Nocera Inferiore.

Mariarosaria Vitiello, Vincenzo Stile e Renato Guerritore, Come rappresentanti delle associazioni e cittadini dell’Agro hanno espresso tutte perplessità in merito a questioni di rilevante importanza per la tutela del diritto alla salute dei cittadini.

Renato Guerritore-Mariarosara Vitiello-Vincenzo Stile

Renato Guerritore-Mariarosara Vitiello-Vincenzo Stile

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

NOCERA INFERIORE – Le associazioni Spes, presieduta da Mariarosaria Vitiello e Progetto Agro rappresentata da Vincenzo Stile e Renato Guerritore, hanno partecipato in data odierna alla riunione indetta dal Comitato per la Salute presso l’Ospedale di Nocera Inferiore, nella sede de Tribunale del Malato, alla presenza del dott. Luigi Mandia, dirigente della direzione dell’ASL di Salerno, e collaboratore della direzione sanitaria dell’Ospedale Umberto I.

Come rappresentanti delle associazioni e come cittadini dell’Agro abbiamo espresso tutte le nostre perplessità in merito a questioni di rilevante importanza per la tutela del diritto alla salute dei cittadini:

1. Pur ribadendo che la cittá di Scafati necessita di un Pronto Soccorso completo ed efficace in grado di stabilizzare e trattare tutte le  urgenze, abbiamo fatto presente la lunghezza l’eccessiva durata degli  spostamenti da Scafati verso Pronto Soccorso, che determina un aumento dei tempi di risposta terapeutici, con un aumento del rischio morte per i pazienti critici. Inoltre abbiamo ribadito la richiesta di ottimizzare l’accoglienza al pronto soccorso di Nocera, in modo da evitare disagi da sovraffollamento.

2. Per quanto riguarda la questione della radioterapia a Nocera Inferiore, dopo più di un anno di sospensione abbiamo segnlato che non è stata ancora ripristinata, facendo restare il neonato Polo Oncologico dell’Ospedale di Pagani privo di tale servizio, che invece prima era assicurato. Un anno in cui i disagi dovuti allo spostamento dei malati oncologici verso Salerno e Agropoli, hanno aggravato lo stato già precario in cui versano. e con il Presidente del comitato Salute Antonio Savino, si sono programmate azioni di protesta in tal senso, qualora perduri questo stato.

3. Abbiamo segnalato i disagi che incontrano i malati il mercoledi al centro di distribuzione dei presidi medico chirurgici, dove molte volte non ricevono quanto ordinato nei tempi previsti.

Prendendo atto della positività dello spirito collaborativo espresso dal dott. Mandia, si è deciso insieme alle altre associazioni di continuare nell’opera intrapresa di collaborare per  valorizzare il patrimonio professionale del personale dell’Opedale di Nocera Inferiore e Pagani, con percorsi clinico terapeutici rapidi efficaci e differenziati per le patologie e per risolvere immediatamente le storture dovute alla carente manutenzione dei reparti e dell’intera struttura dell’ospedale.

I comitati e le associazioni si riuniranno periodicamente per monitorare e seguire in orso d’opera la situazione, in modo continuo.

Nocera Inferiore, 27 agosto 2014

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente