Anna Petrone che si fa portavoce delle politiche sociali

Anna Petrone che si fa portavoce dei disagi delle associazioni per le continue dichiarazioni del Presidente Caldoro e dell’Assessore Bianca D’Angelo.

“Il ricordo delle politiche sociali in vista della scadenza elettorale”. La destra si prepara alle elezioni con la “l’annuncite” intanto da settembre l’ASL non eroga servizi e prestazioni ai cittadini, agli ammalati oncologici e ai cardiopatici.

Anna Petrone

Anna Petrone

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – “Da 5 anni – Afferma Anna Petrone, Consigliere Regionale PD – ci stanno propinando sempre e solo la solita cantilena…..abbiamo ereditato una situazione disastrosa… e sulla scorta di questo continuo lamento hanno perpetrato tagli lineari, soppressione di servizi e strutture, massacrando, dati alla mano, le fasce sociali più deboli, impoverendo la Campania in termini economici e culturali.

Da qualche mese, – sottolinea anche come – in controtendenza, assistiamo a una vera e propria sindrome di annuncite. Si propagandano modifiche in campo sanitario e interventi nei più svariati settori socio-economici e culturali, con risorse che fino a qualche tempo fa erano inimmaginabili. Salvo poi che l’attualità ci consegna ben altre realtà.

Ogni fine anno, da 5 anni a questa parte, – prosegue la consigliera Regionale del PD – da settembre i cittadini pagano le prestazioni nei centri convenzionati, le strutture socio-sanitarie vanno in crisi profonda perché puntualmente i tetti di spesa sono sempre più insufficienti rispetto al crescendo dei bisogni. Il tutto in un regime di tassazione tra i più elevati d’Italia”.

Intanto – prosegue ancora la Petrone – si annunciano per 2015 la realizzazioni di nuovi 101 asili nido, ben vengano non 101 ma 202. Ma non era opportuno finanziare quelli che già si stavano realizzando? Hanno annunciato lo stanziamento di 17,5 milioni di euro per l’assistenza sociale, salvo omettere un particolare molto rilevante: non si è in presenza di sforzo della Giunta nel reperire fondi propri ma di trasferimenti ministeriali. Hanno, fortunatamente, assolto al dovere di programmarli sui vari assi in tempo ragionevole…..per ora sulla carta.

In conclusione – dice Anna Petronesembra che l’anno 2015 si prospetti come l’anno di grazia per la Campania, una nuova primavera, un nuovo eclatante boom economico. Non riesco, però, a comprendere a pieno di come mai queste insospettate e inaspettate ingenti risorse, questa emersione dal torpore stagnante, non sia stato programmato prima e si è ora tutto incentrato e concentrato solo in questo fatidico anno 2015 che non è altro che l’anno delle prossime scadenze elettorali.

Salerno, 21 novembre 2014

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente