Il Candidato Governatore Esposito(Lista “MO”), attacca il Governo sugli Asili nido

Esposito candidato Governatore della Lista “MO” attacca il Governo Renzi: “MO” gli asili nido. E abbiamo appena cominciato.

“Il governo cambia rotta sugli asili nido dopo una campagna comunicativa cominciata il 9 marzo 2014 con una raffica di articoli sul quotidiano Il Mattino”. Senza la denuncia il Governo avrebbe confermato 15.312 posti-bimbo anziché 37.507.

Marco Esposito-Lista MO

Marco Esposito-Lista MO

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – “Il governo cambia rotta sugli asili nido dopo una campagna cominciata il 9 marzo 2014 con una raffica di articoli sul quotidiano Il Mattino“. E’ quanto sottolinea Marco Esposito, che ha firmato l’inchiesta sugli asili nido posti a zero in tanti comuni del Sud e che oggi è candidato presidente in Campania per la lista civica MO! “Senza la denuncia giornalistica e la battaglia civile che ne è seguita – sottolinea Esposito – il governo avrebbe confermato senza batter ciglio le tabelle con tanti zeri al Sud. Ora invece c’è un piano per portare entro l’anno a 37.507 i posti-bambino in Campania, Sicilia, Puglia e Calabria contro i 15.312 attuali“.

asilo pastorano-12

asilo pastorano-12

La necessità di un’azione politica diretta – ricorda Esposito – è nata proprio dalla verifica di come i politici meridionali fossero inetti o distratti. Nessun parlamentare del Sud, di nessun partito – rimarca il candidato presidente della lista MO! – era presente al momento del voto nella Bicamerale sul federalismo fiscale, quando a dicembre si è dato il parere favorevole alle tabelle con i fabbisogni zero assegnati a tanti grandi Comuni del Sud, tra i quali Giugliano, Catanzaro, Casoria, Pozzuoli, Portici, Ercolano, San Giorgio a Cremano“.

Dal punto di vista tecnico – evidenzia Esposito – molto resta da fare: i fabbisogni standard tra i 6.702 Comuni delle quindici regioni a statuto ordinario sono ancora ripartiti in base alla spesa storica per istruzione e asili nido per cui a Bologna è considerata standard la vacanza estiva a spese del Comune mentre a Napoli è in forse la mensa scolastica.

“Tuttavia – conclude Esposito – abbiamo dimostrato che è possibile battersi e vincere per una battaglia giusta, in favore dei bambini e contro nessuno. Ciò ci incoraggia a fare di più e meglio, superando la logica del tanto-non-c’è-niente-da-fare. Abbiamo appena cominciato. Mo si cambia“.

Salerno, 31 marzo 2015

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente