Referendum Costituzionale: Nasce a Eboli il Comitato per il “SI”

Nasce ad Eboli il Comitato Referendario per il Sì alla Riforma Costituzionale. 

A coordinare Comitato denominato “Ragione Pubblica – per il SI” locale e provinciale alla Riforma costituzionale sono rispettivamente Tommaso Maioriello e Piero De Luca.

Tommaso Maioriello

Tommaso Maioriello

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Si è costituito ad Eboli il Comitato Referendario per promuovere il fronte del alla Riforma Costituzionale. Il Comitato denominato “Ragione Pubblica – Eboli per il Sì” rientra nella rete regionale di comitati “Ragione Pubblica” coordinata da Piero De Luca.

Ad Eboli il Comitato sarà coordinato da Tommaso Maioriello, componente della Direzione Provinciale del Partito Democratico. Fanno inoltre parte del Comitato Promotore: Gaetano Pesticcio (Segretario GD Eboli), Vito Maratea (Direzione Regionale GD Campania), Francesco Squillante (Consigliere Forum della Gioventù), Stefania Cardiello (già Assessore alle Politiche Giovanili) e Felice Magliano (Assemblea PD Eboli).

Piero-De-Luca

Piero-De-Luca

E’ fondamentale avviare una campagna referendaria che miri ad approfondire la Riforma Costituzionale nel merito. Una Riforma della Costituzione che può rendere l’Italia più efficiente e moderna, riducendo le poltrone e snellendo il procedimento legislativo.

Il Comitato è aperto a tutti i cittadini che vogliono dare un contributo alla Campagna Referendaria per il o che vogliono semplicemente approfondire insieme le tematiche relative alla Riforma. Per aderire basta scrivere all’indirizzo mailragionepubblica.eboli@gmail.com o raggiungerci nei prossimi fine settimana in Piazza della Repubblica dove sarà allestito un gazebo informativo.

Eboli, 2 Settembre 2016

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Noto l’assenza assordante della Massarelli.
    Noto l’assenza di una data per la presunta festa dell’unità settembrina.
    Noto l’assenza di una sede per un partito molto rappresentato sugli scranni.
    Noto l’assenza della unitarietà, due gruppi consiliari l’un contro l’altro armati.
    Noto l’assenza di proposte concrete,il nulla prossimo venturo.

  2. Mi sembra una iniziativa di una frangia del pd.
    Questo nn perde occasione x dimostrare di essere un arcipelago sconnesso.
    Sicuramente non farà molti iscritti con queste premesse prox anno. A proposito, e le tessere quando arrivano?..

  3. IL MAGO DI FIRENZE,ESPERTISSIMO NELLA SCIENZA DEI PEC-

    CATI,E’ ANDATO AD AMATRICE PER PURIFICARSI NEL BAGNO

    DEL POPOLO TERREMOTATO.POVERO ILLUSO , I TERREMOTI

    NON CREANO CREPE SOLO SUI MURI E SUI PALAZZI,MA ANCHE

    TRA GOVERNO ED ELETTORI.E’ ANDATO AD AMATRICE IL REN-

    ZI PER PROMETTERE CHA DA ROTTAMATORE SI FARA’ RICO-

    STRUTTORE .IL RENZI ,QUALE EX DEMOCRISTIANO,FULMINATO

    SULLA VIA DI ARCORE ,PENSA CHE IL TERREMOTO SIA UNA

    CREPA SIMBOLICA TRA UNA FASE DI GOVERNO E UN’ALTRA.

    IL VECCHIO RENZI ,CROLLATO NELL’IMMAGINE E NEL CONSEN-

    SO,IN CRISI DI RISULTATI,E’ PRESO TRA GLI EVENTI

    SISMICI E LA CRESCITA ZERO DEL PRODOTTO INTERNO

    LORDO.UNA METAMORFOSI FASULLA :DALLE AREE TERRITORIALI

    DI AMATRICE LA PROVA PIU’ SEVERA ,L’EMERGENZA PIU’

    DURA,SU CUI PROMESSE E IMPEGNI SARANNO RAPIDAMENTE

    GIUDICATI.LA FAGLIA E’LA SPACCATURA POLITICA DEL P.D.

    E LA DIVISIONE NEL CUORE DELLA SINISTRA,LA DISTANZA

    DEL PREMIER DALLA PUBBLICA OPINIONE PIU’ PERIFERICA

    E ARRABBIATA,LA DISTANZA DAI SINDACATI E DAGLI INTEL-

    LETTUALI.L’OTTIMISTICA NARRAZIONE RENZIANA E’ UNA

    “PALLA”.IL CAMALEONTE NON VINCERA’ LA SUA SCOMMESSA:

    IL TRIONFO DEI SI’ AL REFERENDUM COSTITUZIONALE DI

    AUTUNNO.

    NON SI CAPISCE QUESTA AGITAZIONE DA “ULTIMI GIAPPO-

    NESI”

    SULLO SFONDO CI SONO LE MACERIE DI UNA CALAMITA’

    NAZIONALE CHE HA IMPRESSIONATO E ADDOLORATO IL

    MONDO INTERO ,UNA EMERGENZA DELICATISSIMA ,AD ALTIS-

    SIMA SENSIBILITA’ POLITICA E SOCIALE E QUESTI

    “GIOVINCELLI” PENSANO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE.

    SI CONSOLINO QUESTI NEOFITI DEL REFERENDUM COSTITU-

    ZIONALE,LA CONSULTA’ CANBIERA’ L’IALICUM.

    IL VECCHIO RENZI SI ERA FATTA UNA LEGGE ELETTORALE

    SU MISURA.RENZI SI STA PREPARANDO ,A MALINCUORE ,ALLA

    BOCCIATURA DELL’ITALICUM DA PARTE DELLA CORTE COSTI-

    TUZIONALE ,AD OTTOBRE,PRIMO VERO REFERENDUM.QUINDI

    MENO TWITTER E PIU’ ASCOLTO ALLE DOMANDE DEL PAESE.

    IL TERREMOTO ,ALLA FINE DI QUESTA ESTATE TRAGICA

    DI INCIDENTI FERROVIARI,DI STRAGI TERRORISTICHE E

    CON L’ECONOMIA CHE BALLA SULLO ZERO VIRGOLA,E’ IL

    SIMBOLO DELLA ILLUSORIA NARRAZIONE RENZIANA.

    CHIUDERE IL LIBRO DELLE FIABE E RICUCIRE CON LA

    REALTA’

    IL NUOVO COMMISSARIO ALLA RICOSTRUZIONE ,ERRANI,

    E’ UN POLITICO SERIO E SOLIDO,,MA L’ITALIA E’ UN

    PAESE DALLE LEGGEI BALLERINE:LA TERRA CONTINUERA’

    A TREMARE ,LE LEGGI PURE.

    4 SETTEMBRE 2016 PEPPE LESO

  4. scusate ma che vuol dire il pezzo di Peppe Leso??

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente