Vertenza Silba: Stipendi non pagati a Cava e Roccapiemonte

Vertenza Silba: I 350 lavoratori delle strutture di Cava de’ Tirreni e Roccapiemonte restano senza lo stipendio di marzo.

La denuncia è di Antonio Malangone della Uil Fpl Salerno: “Se entro domani (martedì 18 aprile) non avremo risposte l’accordo in Regione potrebbe saltare”.

antonio-malangone-uil-fpl

antonio-malangone-uil-fpl

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNOVertenza Silba, non pagati gli stipendi di marzo ai 350 lavoratori delle strutture di Cava de’ Tirreni e Roccapiemonte. La denuncia di Antonio Malangone della Uil Fpl Salerno: “Se entro domani (martedì 18 aprile) non avremo risposte l’accordo in Regione potrebbe saltare

Rischia di riesplodere la vertenza legata al gruppo Silba, – si legge nella nota della UIL FpL di Salerno – che vede protagonisti  i circa 350 lavoratori dei tre centri di riabilitazione gestiti dalla Spa (Villa Alba a Cava de’ Tirreni, Villa Silvia e Centro Montesano a Roccapiemonte). La denuncia arriva da Antonio Malangone della Uil Fpl provinciale e Antonio De Sio della Cisl Fp Salerno.

Il 21 marzo l’azienda aveva sottoscritto un accordo, unitamente alle organizzazioni sindacali, al direttore generale per la Sanità regionale ed il direttore generale dell’Asl Salerno, subordinato alla regolare erogazione delle competenze maturate dei lavoratori e ne costituiva condizione essenziale e perentoria per l’attuazione, comportando, diversamente la risoluzione dell’intesa. Ma dopo meno di un mese sarebbero già sorti degli ostacoli. “A tutt’oggi rileviamo che non è stata ancora saldata la mensilità di marzo ai dipendenti della Silba”, – ha spiegato Malangone – La Uil Fpl, insieme alla Cisl Fp, chiede che venga rispettato l’accordo assunto in Regione, mettendo in pagamento la mensilità maturata dai lavoratori. Nella giornata di venerdì abbiamo inviato una nota a manager della Silba, dirigenti della Regione e Asl Salerno. Se entro domani (martedì 18 aprile) non avremo risposte saremo costretti, nostro malgrado, ad attivare tutte le forme di protesta consentite dalla legge”.

L’accordo verteva su tre punti: la sospensione per tre mesi della trattenuta dell’Asl, la rimodulazione del debito residuo in rate mensili a partire da agosto 2017 e fino a giugno 2021 e l’impegno da parte dell’Asl Salerno a garantire le procedure di pagamento della quota sanitaria e di quella sociale. L’accordo, naturalmente, era legato al pagamento delle mensilità maturate dai lavoratori, senza il quale il direttore Postiglione si era detto pronto a ritirarlo. Per questo i sindacati, dopo le prime difficoltà, sono ritornati all’attacco.

Salerno, 18 aprile 2017

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2017 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente