"Fini" tag

Francesca Del Mese è stata insignita dal Governo Britannico come donna da imitare

LONDRA – Francesca Del Mese ha varcato il mitico n. 10 di Dowing Street per ricevere il riconoscimento di Donna che ispira, per l’impegno che ha profuso nel mondo a favore dei diritti umani.
Insieme ad altre donne che si sono distinte nei vari settori della ricerca, scienza, spettacolo e arte Francesca è stata ricevuta dal Primo Ministro Inglese David Cameron. Al Momento è a Misurata in Libia di supporto dell’Associazione italiana NPSG (Non c’é Pace Senza Giustizia). 

Il Centro Democratico presenta i candidati alla Camera e al Senato

SALERNO – Il Centro Democratico presenta i suoi candidati alla Camera e al Senato: Giacinto Russo, Pino Bicchielli, Claudio Mungivera, Salvatore Paravia
I punti principali del programma per uscire dalla crisi: lotta alla corruzione, un fondo di garanzia per le imprese creditrici dello Stato e la vittoria del centrosinistra. Nel frattempo Luciano Ceriello(ex IDV) e Flavio Boccia(ex API) si allontanano e si socchiudono la porta alle spalle.

Il PD chiede il sorteggio degli scrutatori

BATTIPAGLIA – Il Partito Democratico per la nomina degli scrutatori vuole il sorteggio. Garantisce un sistema democratico e trasparente.
Lascaleia: Per noi è una questione non solo di stile politico, senza voler giudicare gli altri partiti che hanno fatto una scelta diversa dalla nostra, ma è anche una questione sostanziale per ricostruire con buoni esempi la buona politica. I Partiti non sono tutti uguali.

Monti presenta il resoconto del suo Governo

ROMA – Sul sito del Governo Monti pubblica l’Analisi di un anno di Governo e il Professore si auto-promuove.
Cose fatte, in sospeso e da fare. Ora Monti punta: ad abbassare la pressione fiscale di un punto; alla riduzione della spesa pubblica; alle liberalizzazioni. Il suo “Testamento” o il suo programma per le prossime elezioni politiche?

Colpo di Bersani: Pietro Grasso si candida col PD

ROMA – Colpo grosso di Bersani che candida nel PD il Procuratore Grasso che lascia la Magistratura dopo 43 anni. A sostituirlo sarebbe Franco Roberti Procuratore della Repubblica a Salerno.
Grasso: Mi candido per cambiare l’Italia. Serve una rivoluzione graduale della giustizia. Bersani: Con Grasso per una riscossa civica. No a Ministri del Governo Monti candidati

Il Professore “Sale” in Politica: Ecco l’Agenda Monti

ROMA – Ecco l’Agenda Monti: “Cambiare l’Italia, riformare l’Europa, agenda per un impegno comune”.
“Insieme… saliamo in politica”. Monti rompe gli indugi e “Sale” in politica. Spariglia le carte e semina sgomento negli avversari: Berlusconi è preso da rabbia mediatica; Bersani da delusione “democratica”.

Nasce a Roma il “Movimento Arancione” di De Magistris

ROMA – Mercoledì 12 dicembre 2012, ore 16.30, Teatro Eliseo, Roma, Via Nazionale 183: nasce il “Movimento Arancione”.
La società civile deve compiere un passo in avanti. Ci sono le condizioni per la creazione di una alternativa politica e di governo. C’é bisogno di una democrazia partecipativa che si fondi sulla valorizzazione delle persone, del capitale umano, centrale, rispetto a quello economico.

Scontro Napolitano-Grillo …..e la “Nave Italia” affonda

ROMA – Botta e risposta tra Giorgio Napolitano e Beppe Grillo.
Intanto il Movimento 5 Stelle è il terzo Partito e c’è poco da ridere e fare battute. Grillo esiste perché i Partiti lo alimentano e più non cambiano è più lo accrescono.

Assolto Motta: chiamò Cirielli cretino. E Cirielli? si tiene il “cretino”

BATTIPAGLIA – Gerardo Motta (FLI) in un’intervista chiamò cretino Cirielli. Il Giudice lo Assolve: il fatto non sussiste.
Da vecchi amici alle querele e al tribunale. Questa l’excalation grazie alla politica. Tempi lontani quelli quando Motta e Cirielli insieme al commissaio Bortoletti e al maggiore Basilicata frequentavano l’accademia.

Lettera di Elio Presutto a Nichi Vendola

EBOLI – Presutto a Vendola: Dimentichi i tuoi trascorsi garantisti a favore della giustizia sociale dei poveri e dei derelitti, e ti allei con il Boia Fascista i Giacobini del PD e la Stampa spalleggiatrice di Banche e del GOLPE.

Berlusconi, fiducia a picco è tornato ai livelli del 2005

ROMA – Metà degli italiani crede ai pm. Gli elettori spaesati guardano a Napolitano, l’80% è con lui: Lega e Pdl compresi.
Premier a parte, i leader aumentano i consensi, Tremonti il più gettonato nel centrodestra. Pdl e Pd poco sopra il 50%, è la fine del bipartitismo.

Tra cene e federalismo il destino della legislatura resta nelle mani della Lega

MILANO – Allo stato, né Berlusconi né il Pd, né il cosiddetto “terzo polo” Casini-Fini vogliono tornare alle urne.
Il Federalismo però, se non è solo un’invocazione retorica, potrebbe diventare il pretesto per una rottura densa di incognite.

I tre voti che pesano sul futuro del paese

ROMA – La fiducia del 14 dicembre avranno come risultato la scomparsa della sinistra italiana e la consegna del paese per un decennio al berlusconismo populista, autoritario e leghista.
Il governo può anche durare tutta legislatura, varando un programma di riforme sociali. Ma se non c’è riuscito con una vasta maggioranza, potrà farcela ora tre voti di sostegno?

Il terremoto Wikileaks svela i segreti della diplomazia americana e Berlusconi affonda

Roma – Dalla Stampa internazionale –
Berlusconi “fisicamente e politicamente debole”, con “Le feste selvagge”, porta il suo “siparietto” sulla scena internazionale.
E il Cavaliere, per mascherare i suoi insuccessi nazionali e i sui rapporti privati e politici internazionali, grida al complotto e se la ride. Ed è con la scena internazionale che si avvia al suo tramonto.

L’insostenibile leggerezza della manovra di Tremonti

ROMA – La finanziaria non rilancia le infrastrutture. Non stimola le imprese. Rinvia la riforma fiscale. Lievita le imposte locali. Non aiuta competitività e innovazione. Accresce le diseguaglianze. Mortifica ricerca e cultura.
Sarebbe necessario che l’opposizione sollevasse la questioni che riguardano le famiglie, i lavoratori, gli imprenditori, i consumatori, i giovani, e che il governo ne rispondesse al Parlamento e al paese.

L’immagine di un paese

MILANO – Il Premier non si rende conto che la pubblica rivendicazione delle sue debolezze private sta divertendo il mondo, conferma i pregiudizi sugli italiani, oscura l’operato del suo governo in questi momenti difficili.
Berlusconi sta distruggendo ciò che è riuscito a fare in questi anni. Basta polemizzare con tutti, con questo continuo stillicidio di picche e ripicche, questa sciagurata confusione di pubblico e privato. Gli italiani non lo meritano.

L’ITALIA SPROFONDA NELLA CRISI, LUI CHE FA? SI STA SVAGANDO

ROMA – Il caso Ruby detonatore della crisi? Squallido ma probabile. Premier sempre più indifendibile. Ma a differenza di Noemi ora Fini non c’è.
Lo stile di vita di Berlusconi si riflette sul suo prestigio e sulla sua credibilità politica, ma soprattutto su quella del Paese.
- L’Italia sprofonda nella crisi, lui che fa? si sta svagando -

La macchina da guerra che schiaccia il dissenso

ROMA – La risposta di Fini è comunque tardiva, poteva e doveva arrivare molto prima, subito dopo le notizie pubblicate dal “Giornale” di Feltri.
Da un lato Gianfranco Fini e la famiglia Tulliani, dall’altro il comunicato di un ministro della Giustizia dell’isola caraibica di Santa Lucia, i giornali della famiglia di Silvio Berlusconi.
La responsabilità istituzionale avrebbe dovuto far premio su ogni altra considerazione anche a costo di mettere in gioco un assetto privato molto delicato.

De Magistris (IDV) dal Cilento e l’Italia che vorrebbe

CASTELLABATE – Ferragosto dal Cilento, tra campagne e mare, tra punta Licosa e il Vallo di Diano, pensando al da farsi per liberare l’Italia delle caste.
Dal partito dell’amore a quello dell’odio: Berlusconi e Fini, fondatori del PDL se si potessero ammazzare lo farebbero senza remore, nel torpore del PD e mentre si riorganizzano i poteri al centro.

Dove porta il Paese l'avventura del Cavaliere

ROMA – Berlusconi per come concepire lo Stato e le sue propaggini, rappresenta una gravissima deformazione della nostra democrazia repubblicana e un continuo attacco alla Costituzione.
Le persone di buon senso trovino il coraggio di metter da parte le proprie botteghe e si assumano il carico di responsabilità che la situazione richiede.
di Eugenio Scalfari

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2014 All Rights Reserved

2009-2013 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente