L’immagine di un paese

Il Premier non si rende conto che la pubblica rivendicazione delle sue debolezze private sta divertendo il mondo, conferma i pregiudizi sugli italiani, oscura l’operato del suo governo in questi momenti difficili.

Berlusconi sta distruggendo ciò che è riuscito a fare in questi anni. Basta  polemizzare con tutti, con questo continuo stillicidio di picche e ripicche, questa sciagurata confusione di pubblico e privato. Gli italiani non lo meritano.

Sergio Romano

L’immagine di un paese

di Sergio Romano

Berlusconi Apicella

MILANO – Il lettore troverà in altre parti del giornale le parole inaccettabili che il presidente del Consiglio ha pronunciato ieri alla Fiera di Milano. Posso quindi esimermi dall’obbligo di ripetere ciò che è stato detto sui gay e sui mezzi d’informazione. Ma non posso impedirmi di pensare che Berlusconi stia distruggendo ciò che è riuscito a fare in questi anni. Conoscevamo il suo carattere, le sue debolezze, il suo conflitto d’interessi, le leggi ad personam e certi aspetti goliardici della sua personalità. Sapevamo che i suoi continui scontri con la magistratura rappresentavano un rischio per la tenuta delle istituzioni e l’equilibrio fra i poteri dello Stato.

Berlusconi Patrizia-DAddario

Ma non ho mai pensato, a differenza di altri, che i suoi governi fossero inetti e impotenti. Mi sarebbe sembrato assurdo ignorare i risultati della lotta contro la criminalità organizzata, la riforma universitaria del ministro dell’Istruzione, gli entusiastici furori riformatori del ministro della Funzione pubblica, i passi compiuti sulla strada del federalismo fiscale, le missioni militari all’estero, l’attenzione dedicata ai problemi dell’energia, il progetto sulla legislazione del lavoro, la maggiore sensibilità per le opere pubbliche, certi interventi della Protezione civile, il recupero dell’evasione fiscale, la prudenza e l’abilità con cui è stata affrontata la crisi del credito.

berlusconi-noemi-letizia

So che il bilancio deve tenere conto anche delle molte cose promesse e non fatte o fatte male. Ma se mi guardo attorno e confronto la politica italiana con quella di altri Paesi dell’Unione europea, non mi sembra che l’Italia, quando la partita si gioca sulle cose fatte e da fare, sia rimasta indietro. E guardandomi attorno non vedo altro Paese dell’Unione europea in cui lo stile di vita del premier, spesso per sua deliberata volontà, sia divenuto il tema centrale della politica nazionale.

Ruby Karima

Berlusconi non sembra rendersi conto che questa pubblica rivendicazione delle sue debolezze private sta divertendo il mondo, riaccendendo tutti i più triti pregiudizi sul carattere degli italiani e soprattutto oscurando quello che il governo è riuscito a fare in questi momenti difficili. Non credo che il presidente del Consiglio possa continuare a polemizzare con tutti, a braccio e nelle occasioni più disparate, senza neppure calcolare gli effetti delle sue parole su coloro che non gli sono pregiudizialmente ostili.

Voglio sperare invece che Berlusconi possa ancora, se lo vuole, lasciare la tribuna delle dichiarazioni improvvisate per tornare a Palazzo Chigi dove lo aspettano molte cose da fare e molti problemi da risolvere. Se vi è ancora spazio per un accordo con Fini, tanto meglio. Il Paese non ha bisogno di una crisi che rischierebbe di frantumare il quadro politico nazionale con conseguenze forse devastanti.

Nadia Macrì

La nazione ha il diritto di essere rappresentata autorevolmente nelle sedi in cui si sta disegnando il nuovo profilo della finanza internazionale e soprattutto a Bruxelles, dove nei prossimi mesi si deciderà, tra l’altro, la politica fiscale dell’Europa. Ma se la prospettiva razionale non fosse praticabile, è meglio tornare alle urne senza la scorciatoia di improbabili governi tecnici. Temo che dalle elezioni anticipate possano uscire equilibri ancora più traballanti degli attuali. Ma niente è più grave di questo continuo stillicidio di picche e ripicche, questa sciagurata confusione di pubblico e privato. Gli italiani non lo meritano.

03 novembre 2010


6 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Cari amici,per stare in tema seguite questi 2 link molto probanti su quanto affermato sopra nel pezzo! a) http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:1G83
    b)//www.youtube.com/watch?v=ch65mrhvTR8

  2. Le cose fatte.? La riforma dell’Università…tagli al personale e tagli ai fondi, ma quanti e quali Rettori sono stati mandati a casa? Ma quali e quanti Professori, che la mattina degli esami non si presentano sono stati mandati a casa.? La riforma della pubblica amministrazione….blocco delgi stipendi per tre anni. Quanti e quali Dirigenti, pagati come Manager, sono stati mandati a casa.?. Il Federalismo….è stato la fortuna politica della Lega. Basta dire questo e non aggiungere altro.
    Le riforme.? Sono solo cattive leggi chiamate riforme, sempre e solo in omaggio alla Lega. Addà passà a nuttata.

  3. gli articoli di” cronaca vera ” sono migliori e stuzzicanti invece gli articoli sul premier sono volgari e di cattivo gusto.

  4. non sottovalutate l’avversario voi dell’opposizione .
    Costui è un pazzo scatenato,è colui consapevole che il traguardo è vicino
    quindi spara tutto e di piu

  5. Ma che vergogna. questo sporcaccione non può stare nemmeno un minuto in più al Governo. Sta facendo danni irreparabili all’Italia.

  6. Quoto a z2 o…ma aggiungo,fosse solo uno sporcaccione….

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente