Questione STIR a Battipaglia. “Coscienza Sociale”: Invertiamo la Rotta

Battipaglia e questione STIR. Il laboratorio socio-politico Coscienza Sociale con Capasso: “Invertiamo la rotta”.

Capasso: «S’auspica che ogni decisione definitiva sullo STIR sia presa in sintonia con le Istituzioni e con le Comunità locali,  affinché queste esercitino il diritto di partecipare a pieno titolo alla definizione delle politiche ambientali locali e non subiscano soltanto gli effetti negativi di scelte altrui

Miasmi-Battipaglia

Miasmi-Battipaglia

di Giuseppe Falanga per POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – «S’auspica che ogni decisione definitiva sullo STIR sia presa in sintonia con le Istituzioni e con le Comunità locali,  – Si legge in una nota a firma dell’Avv. Marcello Capasso, coordinatore del laboratorio socio-politico “Coscienza Sociale”. – affinché queste esercitino il diritto di partecipare a pieno titolo alla definizione delle politiche ambientali locali e non subiscano soltanto gli effetti negativi di scelte altrui.

Anche CS dice dunque no ad un altro sito di compostaggio presso lo STIR. Lo fa fuori dal coro, chiedendo che la parola sia data agli Enti locali, in un equilibrato e proficuo confronto istituzionale che non escluda, in principio, l’interesse legittimo della cittadinanza battipagliese.

Già in estate, nel mezzo delle polemiche innescatesi intorno ai ‘miasmi’, quando la protesta popolare sembrava imboccare la via dello scontro fazioso tra le comunità di Battipaglia ed Eboli, gli attivisti di Coscienza Sociale erano intervenuti per riequilibrare il dibattito intorno ai più pertinenti argomenti di natura politica.

«Nel condannare ogni forma di contestazione basata su inutili campanilismi e lotte tra Comuni viciniori che acuiscono soltanto i problemi delle comunità cittadine, – dichiara Capasso ritornando per questo a ridefinire con fiducia i limiti ragionevoli del dibattito, appellandosi a chi ha in mano le redini della questione, la Regione Campania – CS chiede alla Regione Campania di porre in essere le più adeguate misure tecnico-amministrative che possano anche stemperare la forte conflittualità politica che è andata crescendo negli ultimi mesi.

In concreto, Capasso e CS chiedono di:

  • «Sospendere la collocazione/allargamento dello STIR di Battipaglia;
  • valutare seriamente la possibilità di non collocare sul territorio battipagliese,  probabile fonte di inquinamento o, comunque, di disagio, in previsione dell’aumento del traffico veicolare.”

Battipaglia, – Si legge ancora nel comunicato – città centrale della Piana del Sele, ha negli anni subito il deturpamento del suo territorio, anche a causa delle numerose discariche abusive, aperte e non ancora bonificate. – e ancora – Lo sguardo va alle periferie, a quelle ‘sfigurate’ dagli sversamenti illeciti di rifiuti, piccoli e grandi; quelle in cui – cumulo dopo cumulo – va reiterandosi in silenzio, da anni, lo scempio del paesaggio, con ricadute nefaste sulla vivibilità.

È giunto il momento di invertire la rotta, – Conclude senza mezzi termini l’Avv. Capassotroncando con scelte coraggiose una decennale direttrice che ha arrecato danni considerevoli all’ambiente e ha compromesso i livelli standard di qualità della vita dei cittadini residenti».

Battipaglia, 15 settembre 2017

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente