Ospedale di Cava de Tirreni: La Cisl FP a fianco dei lavoratori

Il segretario Cisl FP Pietro Antonacchio sull’Ospedale di Cava de Tirreni: “Restiamo al fianco dei cittadini e degli operatori sanitari”.

Un tavolo aziendale per le problematiche del P.O. di Cava de’ Tirreni, la Cisl Fp Salerno sposa la proposta dei lavoratori. Antonacchio: “In caso contrario, annunciano lo stato di agitazione dal 16 aprile con sospensione di tutte le attività e la programmazione dei turni di servizio senza il ricorso a prestazioni straordinarie.”

Pietro Antonacchio

Pietro Antonacchio

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

CAVA de’ TIRRENI – I lavoratori del presidio ospedaliero Santa Maria Incoronata dell’Olmo di Cava de’ Tirreni chiedono la convocazione di un tavolo aziendale per risolvere le problematiche dell’ospedale. L’istanza è stata avanzata a conclusione dell’incontro tenutosi nella mattinata di lunedì nei locali del nosocomio. Tra i punti affrontati nel corso dell’assemblea dei dipendenti, organizzata dalla Cisl Fp Salerno, ci sono una serie di questioni tuttora aperte per quanto riguarda i livelli assistenziali a Cava de’ Tirreni.

L’assistenza erogata nelle strutture sanitarie dipende da criteri e indicatori che ne quantificano la qualità. Gli attuali criteri di struttura, di processo e di esiti sono largamente insufficienti al mantenimento dei Lea. Come più volte rappresentato dai direttori di struttura agli organi di direzione aziendale, sono evidenti carenze di personale medico, infermieristico, tecnico e socio-assistenziale e i turni di servizio vengono programmati soltanto in deroga alla Legge 161 e in auto-convenzionamento. Tali difficoltà sono acuite dall’assoluta mancanza di programmazione di un efficiente servizio aziendale di trasporto infermi dalla nostra struttura periferica verso la sede centrale e viceversa, ha detto Pietro Antonacchio, segretario generale della Cisl Fp Salerno. Ciò premesso, i lavoratori sollecitano dunque la convocazione di un “tavolo di concertazione aziendale volto alla definizione e alla soluzione delle problematiche evidenziate, che rendono a tutt’oggi impossibile l’attuazione di quanto previsto nell’atto aziendale vigente.

Conclude Antonacchio.In caso contrario, annunciano lo stato di agitazione a partire dal 16 aprile con sospensione di tutte le attività in elezione e con la programmazione dei turni di servizio senza il ricorso a prestazioni di lavoro straordinario.

Eboli 21 marzo 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente