Eboli: Migliora la raccolta differenziata

La Raccolta differenziata migliora: con la campagna “Ti amo Eboli” si punta  dal 57%  al 65%.

Dal 57% e con la nuova campagna di informazione e di sensibilizzazione con la Sarim si punta ad un ulteriore aumento fino fino a raggiungere il 65%. Il Sindaco Cariello: “Lancio un appello a chi non lo ha fatto: amiamo di più la nostra città, rendiamoci orgogliosi di appartenervi, con il massimo impegno per tutti noi!”

Raccolta,differenziata-campagna sensibilizzazione

Raccolta differenziata-campagna sensibilizzazione

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Raggiungere una percentuale del 65% nella raccolta differenziata, dopo avere toccato il 57% attuale, con un incremento notevole di oltre 10 punti percentuali dall’insediamento dell’Amministrazione Cariello. E’ l’obiettivo dell’Amministrazione comunale di Eboli, che questa mattina ha presentato la nuova campagna di informazione e sensibilizzazione in collaborazione con la Sarim. Una nuova campagna che si svilupperà attraverso una serie di incontri con cittadini, comitati di quartiere, associazioni e scuole, nel tentativo di far emergere maggiormente il senso di civiltà e di sensibilità rispetto ai rifiuti che servirebbe a far aumentare le percentuali. Il messaggio della campagna viaggia sulla frase “Ti amo, Eboli” e punta a sollecitare il sentimento che lega i cittadini al territorio.

Emilio Masala-Giuseppe Piegari

Emilio Masala-Giuseppe Piegari

«Con il Comune di Eboli stiamo mettendo in campo un modello di sviluppo ambientale – ha sottolineato Loredana Bardascino, in rappresentanza della Sarim -. Attraverso una nuova informazione creiamo una sinergia con i cittadini più consapevoli, nell’interesse generale».

Sul significato della campagna si è soffermato l’assessore all’ambiente, Emilio Masala: «Amore significa rispetto. Andremo nelle scuole, nei condomini e tra la gente a spiegare l’importanza della differenziata, che abbiamo già portato al 57% con l’Amministrazione Cariello. Stiamo approntando brochure di informazione anche per gli stranieri, in diverse lingue».

Una presentazione sentita, quella di stamattina, alla quale hanno presenziato sia i vertici della Sarim, la società che gestisce l’igiene urbana, sia una nutrita rappresentanza di assessori e consiglieri comunali di maggioranza.

«Portiamo avanti il discorso di sensibilizzazione ed i risultati si sono visti, perché la percentuale ereditata è aumentata sensibilmente. Possiamo e dobbiamo fare di più, per questo mettiamo in campo un nuovo sforzo per l’obiettivo del 65% di differenziata entro il 2020. Abbiamo diffuso il servizio su tutto il territorio, ma rimangono sacche di inciviltà, sulle quale dobbiamo intervenire – ha spiegato il Sindaco di Eboli, Massimo Cariello -. Ci sono servizi e controlli, adesso è necessario sollecitare il senso di appartenenza degli ebolitani, perché non possiamo tollerare l’inciviltà. Informiamo e sensibilizziamo ulteriormente, questa è la strada virtuosa per ottenere il massimo della collaborazione dai cittadini. Oggi Eboli è una città pulita in ogni zona, ma solo il senso di identità può far fare il salto di qualità all’intera comunità. Ringrazio chi ha contribuito a raggiungere il 57% e lancio un appello a chi non lo ha fatto: amiamo di più la nostra città, rendiamoci orgogliosi di appartenervi, con il massimo impegno per tutti noi».

Eboli, 27 novembre 2018

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Oggi Eboli è una città pulita in ogni zona……- Veramente !!!, non mi sembra affatto, ma i politici dove vivono, forse abitano in qualche altra città. Ma girano per le strade cittadine? E le guardie ambientali dove sono a fare i controlli, si fanno solo le passeggiate al mercato del Sabato. Esiste solo inciviltà ed incuria.

  2. le guardie ambientali vengono spesso utilizzate per la viabilità e per pubblicità.
    57% mi sembra davvero un numero preso a caso perche almeno al centro di eboli ci sono 5/6 discariche abusive a cielo aperto (autorizzate), visto che gli addetti vengono a ritirare il materiale senza fare multe perche magari sono tutti compari.

  3. Se Eboli è quella che è non è un caso, ma è frutto di una classe dirigente che altrove non si trova. Solo qui c’è, qui da noi.

  4. Bene e speriamo, tutto questo in Italiano lo ha detto Masala?

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2018 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente