Grimaldi contro Cirielli sceglie Melchionda: Eboli agli ebolitani

Cirielli con Cariello lancia una campagna acquisti per rafforzare la sua Giunta, visibilmente in difficoltà?

Grimaldi: “Il Presidente con le sue dichiarazioni orienta un elettorato, ma non quello di Eboli, che sceglie liberamente chi lo deve governare”.

Busillo Cirielli

EBOLI – Riceviamo e volentieri pubblichiamo, il Comunicato Stampa del Dott. Bruno Grimaldi, già Consigliere Comunale, attuale candidato “speriamo futuro dirigente al posto di chi non se lo merita”*, il quale a seguito delle dichiarazione, riportate ampiamente dalla stampa, dell’appoggio che il Presidente della Provincia Edmondo Cirielli avrebbe apertamente offerto al Candidato Sindaco di Eboli Massimo Cariello, si schiera senza mezzi termini con il Sindaco Uscente Martino Melchionda.

Quindi Grimaldi in una disamina lucida e coerente, motiva il suo voto per Melchionda e addirittura ipotizza che la sconfitta del Centro-destra sia stata decisa a “tavolino” nel momento incui si concedeva all’altro candidato di centro-destra, Cosimo Pio Di Benedetto, di indebolire con la sua ostinata presenza il Centro-destra e Vito Busillo Stesso.

Se Edmondo Cirielli voleva produrre un effetto ebbene è riuscito nel suo intento, ha prodotto una reazione d’orgoglio che si aggiunge a quella di Lazzaro Lenza e tante altre, che hanno pensato più alla dignità e all’orgoglio delle loro posizioni politiche piuttosto che fare calcoli che per contro svendano la posizione politica del centrodestra.

Evidentemente Cirielli ha incominciato a lanciare un a campagna acquisti anche e soprattutto nei confronti del Consigliere Provinciale Massimo Cariello, per rafforzare la sua Giunta, visibilmente in difficoltà. Evidentemente è più importante per Cirielli “l’equilibrio” a tutti i costi della sua giunta, piuttosto che una posizione politica identitaria chiara e forte del centro-destra.

L’effetto contrario è sicuramente una lezione per chi pensa di poter fare e disfare gli eventi giocando con le Istituzioni, ma le ciambelle non sempre escono con il buco. Non si può scherzare sulle pelle degli altri, nella fattispecie quella degli elettori di Centro-destra ebolitani e del dignitosissimo Vito Busillo.

All’orizzonte si profila il prosieguo di uno scontro ben più devastante tra il Ministro Mara Carfagna e il Presidente della Provincia Edmondo Cirielli.

* La correzione in rosso è stata suggerita da un rilievo contenuto in un post a questo articolo, che specificava puntigliosamente che Grimaldi non è un dirigente del PdL.

………………….  …  …………………

Comunicato Stampa del dott. Bruno Grimaldi candidato PDL

EBOLI AGLI EBOLITANI

Bruno Grimaldi

Ho partecipato alla competizione candidandomi direttamente e inserendo altri nella lista PdL. A seguito della recente indicazione dell’on Edmondo Cirielli, ritengo di dover dare voce ai tanti candidati nelle liste che hanno sostenuto Vito Busillo che dissentono e a quell’elettorato moderato che, avendoci dignitosamente sostenuto, non condivide affatto di partecipare al ballottaggio in favore di Massimo Cariello.

Premetto che la posizione espressa dal Presidente della Provincia può sì orientare una parte del PDL in provincia di Salerno, ma ciò non vale ad Eboli dove l’elettorato è maturo per scegliere liberamente chi lo deve governare. La sua esternazione tuttavia mi costringe ad andare oltre la posizione misurata (equidistanza) di Vito Busillo, che ritengo tuttora validissima e corretta.

Di là delle scorrettezze e delle critiche da lui evidenziate ieri in conferenza stampa, noi riconosciamo a Martino Melchionda la coerenza di chi non si sottrae alle proprie responsabilità, ma sostiene con orgoglio la propria identità ed appartenenza. Di contro Cariello, e la sua armata Brancaleone, impropriamente   apprezzato per quanto avrebbe fatto in Provincia, il quale indossa l’abito di Arlecchino, cambiando colore e orientamento secondo le sue convenienze e i potentati che ora lo sponsorizzano.

In primis la parte di UDC salernitana che fa capo all’on. Luigi Nocera, il quale gli ha concesso il simbolo del partito in contrapposizione ai dirigenti ebolitani, dando il primo colpo al nostro schieramento, poi lo stesso Cirielli che nulla ha fatto per impedire a un altro candidato sindaco di utilizzare altri partiti alleati  per contrastare la vera e unica coalizione di centrodestra.  Sembra quasi uno scenario preordinato in cui comparse che si sentono protagonisti, luogotenenti provinciali e refusi locali, stanno invadendo la scena dopo la morte dell’eroe (Busillo) che si è immolato per una giusta causa.

Che succede dietro le quinte al momento non si sa, però è strano che tutti questi personaggi ruotano intorno a enormi interessi economici. Un appello esplicito quindi a preferire Melchionda, non per convenienza o opportunismo, ma perché Eboli resti agli Ebolitani e il PDL  cresca come alternativa  politica liberale e democratica..

Eboli, 8 apr. 10

Dott.Bruno Grimaldi

Candidato PDL con Vito Busillo

66 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Presutto hai rotto!!! smettila di proporti come la Cassiade ebolitana! Tu sei abituato ai giochetti di potere e con CarielloCirielloCardiello hai stretto un bel patto, in favore di tuo figlio. Sulla laurea del pargolo ci fai ridere di sdegno! Gliel’hai xxxxxxx x xxxxx xx xxxx, online.Vergogna! Vergogna! Vergogna! Del resto è lo stesso sistema del tuo candidato, sempre privatamente, con i soldini, pur di avere un titolo accademico. Vergogna! Infine, tu socialista smemorato e rinnegatore del tuo partito, ora ti stacchi anche da Conte pur di sostenere un Rifondato Comunista che ti lanciava, nel 92, i pomodori sul palco? Vergogna, piuttosto perchè xxx xxx xxxxxx?

  2. ma la **** e la *** non molla…eppure gli sputiamo in faccia verità innegabili!!è entrato già nel meccanismo e sta per salire sull’ennesimo carro?? il tempo ci darà ragione……..

  3. A defra dico che io ho parlato di cambiamento nell’accezione assolutistica del termine. Potremo anche peggiorare non lo nego ( molto difficile ma possibile) ma almeno cambiamo.
    A vassallo auguro che un giorno possa sentirsi così sicuro di sè e del contesto che lo circonda da poter scrivere col proprio nome e cognome. Non c’è cosa più bella del sentirsi liberi nella vita.

  4. Per Scettica.
    Come fai a sapere che ogni sezione è piena di avvoltoi? Forse perchè anche tu sei in pellegrinaggio? E tu la pipì dove l’hai fatta? Voglio sperare non per strada! Scettica la tua acredine dimostra una certa identità o parentela con l’ex sindaco scaduto, non ti preoccupare, nel caso di elezione di Massimo Cariello non ti accadrà niente…sò ragazzi per bene !
    Ahi serva Italia….oh un fornetto!

  5. @utopia
    hai ragione,ma sono anke piene di persone con stemmi del pd e di fatti x eboli…io personalmente ho assistito ad una discussione nel mio seggio(pietro da eboli) tra un carabiniere ed un esponente di fatti per eboli che nn voleva girare il cartellino con lo stemma…e cmq preciso ke lo stemma di un parito nei corridoi nn si può tenere in bella vista,ma nella sezione (dov’è la cabina elettorale)si deve esporre per giustificare la presenza e il ruolo della persona.so ke questa regola potrebbe nn essere condivisibile,ma è così!nn ci possiamo fare niente!……vi invito ad informarvi prima di parlare

  6. Tony, apprezzo la tua sincerità.
    Poi ti conosco e non ne avevo dubbi.
    Entrambi amiamo il nostro paese, per cui qualsiasi colore lo governerà di certo aspiriamo al meglio e speriamo sarà sempre il meglio per eboli e gli ebolitani.

    Buona giornata!

  7. per Julius Evola: ma se Scettica e Vassallo potranno dimostrare la propria identità e parlare liberamente, con Minimo Sindaco, il fornetto serve per riscaldare solo le merende????

  8. @Takerina
    Condivido appieno le tue osservazioni, ma non capisco la tua nota polemica finale “informatevi prima di parlare”.
    Forse sono stato poco chiaro, ma il mio intento voleva essere trasversale. Io ho visto quelli dell’UDC e quello ho riportato. Ma il mio “TUTTI”, evidenziato in grassetto aveva questo intento.
    Le regole non hanno colore e, sebbene io abbia fatto una scelta, certamente non negheremo mai la realtà e i difetti della mia parte. Sono propenso ai dialoghi costruttivi, non agli scontri propagandistici! Penso sempre che il mio interlocutore vada ascoltato e che possa anche farmi cambiare idea; e preferisco confrontarmi con chi ha lo stesso atteggiamento nei miei confronti. Altrimenti, è tutta aria fritta!
    Mi scuso con tutti i lettori se il mio precedente post non era stato abbastanza chiaro. Il suo intento era e resta trasversale ai candidati in gioco.
    Buona giornata

  9. Finalmente ——- tra poche ore sapremo se gli Ebolitani, come sempre hanno fatto, hanno messo fuori gioco ancora una volta Conte. Si Conte l’ex ministro che ancora conta di essere un qualcosa. Melchionda ha venduto l’anima per apparire di nuovo quale punto fermo della politica PD Ebolitana. Un errore grave, anche se motivato da ragioni politiche ben evidenti, molti voti sono sotto lo stretto controllo di Conte, alcune migliaia, una buona dote, che nel tempo và sempre più assottigliandosi. Ma come sempre la dote di Conte è contro bilanciata da avversione pura che molti Ebolitani hanno nei suoi confronti. Molti dei nostri concittadini sono avversi alla mala politica di Conte, ai suoi sistemi, al suo modo di essere. In tutto ciò si ritrova la cattiva gestione della amministrazione di Melchionda, dire fallimentare significa minimizzare.
    Troppe cose che non sono state valutate, troppi silenzi, poca autocritica, a questo punto la definirei provvidenziale. Si provvidenziale il termine giusto, anzi direi che qualsiasi candidato che si poteva trovare a competere con Melchionda avebbe buone possibilità di essere eletto.
    Per essere chiari anche il Di Benedetto poteva avere buone possibilità…
    La politica ad Eboli è semplice da leggere nei voti, non serve che vi siano indicazioni da chicchessia, i cittadini si sono visti defraudare tante volte i loro diritti, il sistema Conte è al capolinea. I voti di opinione sono cresciuti, ma sono stati polverizzati dai tanti candidati validi, Busillo, Rosania e Di Benedetto e Cariello.
    Se tutto ciò corrisponderà al vero il nuovo Sindaco avrà molti voti rispetto al suo avversario.
    Viva la Buona Politica, viva Eboli democratica, e auguri al nuovo sindaco

  10. ciò che e vero e simile a ciò che e falso
    mandiamo a casa questi orridi partigiani

  11. viva la liberta mi sento libero al di sopra di Melchionda e cariello

  12. alla faccia di tutti i “venduti” della destra…sono felice solo per questo,per il resto se la devono vedere i responsabili…le cose potevano andare in modo diverso,ma i traditori della destra hanno de4ciso così ed ora se la prendono in quel posto!!ma più di tutto mi fa piacere per l’autocelebratore Presutto:non lo sentiremo più!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  13. Carmelo Conte ha trovato in Piazza della Repubblica un cucciolo abbandonato che gli scondinzolava si chiama Gerardo Rosania!Lo sistemerà tra i bastardini smarriti è pronta una cuccia rossa anche per lui nel giardino di casa!

  14. caro julius evola,li hanno visti tutti i tuoi avvoltoi,ora nel fornetto mettitici tu e tutti i tuoi compagni….caro il mio nazicomunista!!!io sono una libera cittadina e non hai capito proprio niente del mio orientamento politico…..la mia acredine riguarda persone che hanno tradito un credo politico ed hanno attuato il trasformismo della peggiore specie,quindi,a me non cambia niente il risultato politico,non ho mai chiesto e non chiederò mai favori a nessuno,perchè ho sempre lavorato con onestà e serietà,certe espressioni mi sfuggono quando assisto a comportamenti sporchi,quindi non ti risentire…..

  15. X julius evola: secondo me dovresti trovarti un buon lavoro, ti consiglio di parlare con g presutto 0 p polito!! xxx xxxxxxxxxxxx….

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente