Asl Salerno e premialità Covid, pronti i ricorsi

ASL Salerno e le Premialità Covid. FISI Sanità pronta a ricorrere per atteggiamento antisindacale. 

Non si è mai assistito a tanta scelleratezza: un Ente Pubblico in cui chi si ammala per lavoro, o, è costretto in quarantena obbligatoria a casa, perde l’indennità economiche quali presenze, incentivo, notturno e viene escluso proprio dalla premialità di un rischio previsto per chi si espone e non per chi si ammala. Vergogna“.

Ospedale Ruggi Salerno

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Ancora una volta siamo costretti dalla ASL Salerno a denunciare un atteggiamento antisindacale ripetuto e continuo da parte di una Istituzione pubblica, quale una ASL, che impedisce ai rappresentanti dei lavoratori sulla sicurezza di accedere – ai sensi della normativa vigente – sui luoghi di lavoro per la tutela dei lavoratori che sono lasciati soli con presidi insufficienti e percorsi di assistenza a scarsa sicurezza, ai Sindacati di trattare sui fondi da ripartire tra i lavoratori, sostituendosi agli stessi.

A dimostrazione di ciò vi sono le decine di lavoratori che hanno contratto il COVID in occasione di lavoro. Avevamo chiesto un incontro per individuare i parametri attraverso i quali riconoscere la premialità COVID ai lavoratori esposti al rischio di contrarre l’infezione, avevamo chiesto di riconoscere la premialità anche a chi – in occasione di lavoro – ha contratto la virosi per rinfrancarli dal rischio, ed invece siamo stati esclusi dalla contrattazione dei fondi, costretti ad assistere ad una ripartizione su cui si nutrono grossi dubbi di imparzialità nella individuazione degli aventi diritto ed in assenza di correttezza nei confronti di tutti i lavoratori che dovevano essere tutelati nel diritto di rappresentanza ai tavoli decisori.

Rolando Scotillo

A ciò si deve aggiungere che sembrerebbe che, nel massimo della scorrettezza istituzionale, il segretario provinciale di un solo sindacato della ASL di Salerno aduso alla metodica “dei compagni di merenda” abbia portato direttamente le liste degli aventi diritto al premio alle Direzioni locali degli Ospedali in nome e per conto, evidentemente, della Direzione Generale della ASL ed in cui erano inseriti dipendenti non avente diritto alla premialità. Sulla cosa indagheremo a fondo.

Intanto invitiamo quanti dipendenti della ASL di Salerno – in occasione di lavoro – hanno contratto la virosi a rivolgersi alla FISI che li tutelerà nelle sedi opportune per il riconoscimento economico.

Non si è mai assistito a tanta scelleratezza: un Ente Pubblico in cui chi si ammala per lavoro, o, è costretto in quarantena obbligatoria a casa – oltre a perdere indennità economiche quali presenze, incentivo, notturno ecc. – viene escluso proprio dalla premialità di un rischio previsto per chi si espone e non per chi si ammala.

Vergogna.

Salerno, 22 dicembre 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente