Capaccio: Rappresenteró i valori di partecipazione, lealtà e trasparenza

Amministrative a Eboli. Dopo il repentino “abbandono” del PD, Capaccio va avanti.

Damiano Capaccio: «Perché c’è questa smania di potere? Politica è mettersi al servizio degli altri. Continuerò a difendere e a rappresentare in questa campagna elettorale i valori di partecipazione, lealtà e trasparenza».

Damiano Capaccio

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – «Gli innumerevoli attestati di stima che sto ricevendo in queste ore, anche da schieramenti lontani dalla nostra idea di politica, mi riempiono il cuore e mi confermano di essere sulla strada giusta. – scrive in una nota politica Damiano Capaccio, candidato a Sindaco per tre settimane del centrosinistra a guida PD, repentinamente “defenestrato” dallo stesso PD seguendo le stesse modalità di come a suo tempo fu decisa la sua candidatura – Sono orgoglioso di far parte di una comunità che sa scindere il giusto dallo sbagliato, e che con la massima convinzione vuole spazzare via l’arrivismo e la prevaricazione.

Le ebolitane e gli ebolitani subiscono da troppo tempo un certo malcostume, il quale prima travolge e poi depaupera tutto ciò che di buono la nostra città riesce a offrire. – prosegue Capaccio lasciando trasparire tutta la sua amarezza e la sua delusione –

Perché c’è questa smania di potere?

Non è a me, che sono stato lineare dal primo all’ultimo minuto, che bisogna porre questa domanda. – aggiunge Capaccio – Politica è mettersi al servizio degli altri.

Eboli ha bisogno di una classe dirigente che faccia della responsabilità il suo faro e, mai come in questo momento, i cittadini avvertono la necessità di scegliere in quale classe politica riconoscersi e a quale umanità appartenere. – Conclude Damiano Capaccio confermando tra le righe il suo rinnovato impegno in questa campagna elettorale – Ecco perché continuerò a difendere e a rappresentare in questa campagna elettorale i valori di partecipazione, lealtà e trasparenza».

Purtroppo questa storia è nata male ed è finita peggio ed è difficile immaginare vi possa essere un peggio più peggio di così, tuttavia pur comprendendo l’amarezza dell’uomo, e la sua onorevole decisione di continuare ad andare avanti e rappresentare chi lo ha proposto e chi ancora ha intenzione di sostenerlo, questo è quello che succede quando si fanno i “patti” e non si fanno i documenti politici, le alleanze politiche e piattaforme programmatiche e soprattutto non si fanno i passaggi giusti. Tra i passaggi vi è anche la linearità che un partito e un’alleanza politica che si dica democratica deve attenersi. Il PD poi che racchiude esperienze e sensibilità politiche plurali, avrebbe dovuto come ha fatto in tante città e come fece anche a Eboli 5 anni fa, indire le primarie, o almeno un’assemblea nella quale potersi confrontare.

Pertanto se è da bocciare la modalità che ha adottato il PD ritirandosi da una coalizione che esso stesso aveva messo insieme, è da bocciare anche la modalità con la quale si è indicato come candidato a Sindaco Damiano Capaccio. Forse era opportuno usare maggiore accortezza e maggiore chiarezza prima, durante e dopo e con altrettanta chiarezza continuare nel percorso iniziato o interromperlo ma spiegandone le ragioni. Intanto, in un momento così difficile per la nostra Città, questa vicenda ha dato un’altra botta alla credibilità della politica già fortemente compromessa.

Eboli, 1 settembre 2021

6 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente