Alta Velocità: È ancora polemica tra maggioranza e minoranze di centrosinistra

“Fuga dal confronto” è l’accusa che i capigruppo di maggioranza rivolgono a parte delle opposizioni intorno al centro sinistra. 

È sempre colpa degli altri? Chi non ha colpe scagli la prima pietra“, disse qualcuno che di anime umane se ne intendeva. Noi aggiungiamo “finimmo per essere sommersi di pietre“. Insomma tra maggioranza e opposizioni più che cercare le colpe ci aspetteremmo delle risoluzioni.

Matteo Balestrieri-Vito Maratea-Pasquale Ruocco

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – «Parte della minoranza, quella che difetta di analisi e proposte, in queste settimane ha assunto un atteggiamento ostruzionista ed offensivo nei confronti dell’Amministrazione comunale e della sua maggioranza, al lavoro da novembre per risollevare una città in ginocchio che negli ultimi anni è stata amministrata a colpi di malapolitica. – scrivono i capigruppo di Maggioranza Pasquale Ruocco, Matteo Balestrieri, Vito MarateaAlza la voce per distrarre i cittadini e nascondere vecchie e nuove responsabilità.

Gli sforzi di questi primi mesi della Maggioranza di guardare comunque al futuro e ricercare con il dialogo, sia in Consiglio che nelle Commissioni comunali, soluzioni condivise ai gravi problemi di Eboli da loro causati, sono del tutto inutili. – proseguono i capigruppo – Altro che amore per la propria Città! – e aggiungono – Forze politiche, compreso il “PD locale”, al governo della Provincia, della Regione e dello Stato, non trovano il coraggio di esprimere un proprio pensiero all’ennesima inondazione di rifiuti nella Piana del Sele, assistono passivamente alla chiusura di interi reparti del nostro ospedale, nel mentre si programma un investimento da 500 milioni di euro per realizzarne uno nuovo di zecca e magnificare Salerno,  non avviano  un confronto vero sulla sanità della Piana del Sele vista la tanto declarata filiera istituzionale.

Organizzano convegni sulla ZES dopo che l’area industriale di Eboli è stata esclusa dal suo perimetro, ammettendo invece la sola Battipaglia, a pochi passi di distanza. – proseguono ancora i giovani capi gruppo consiliari di Maggioranza elencando politiche programmatiche terrirtoriali confrontandole con quelle invero inesistenti nell’area politico-territoriale che al contrario contrappone opposizioni poco convincenti nei confronti di progetti invasivi, speculativi e dannosi come Terna e RFI inseguendo tra l’altro insignificanti “ristori” in cambio di devastazioni inenarrabili – Pur sapendo che l’Amministrazione ha da subito attivato uno specifico ufficio progettazione e puntualmente partecipa ai bandi regionali, nazionali e del PNRR, fanno finta di indignarsi se uno di questi non raggiunge il finanziamento, omettendo di dire di passati fondi avuti negli anni scorsi, mal gestiti, che oggi rischiano di essere restituiti (vedi palazzo in Piazza Regione Campania).

Ed infine il capolavoro. Il progetto di Alta Velocità, un’opera, che seppur strategica, mortifica il territorio ebolitano e che necessita di un confronto serrato con le Ferrovie da sviluppare con le famiglie coinvolte nell’attraversamento della nuova linea ferrata. E loro cosa fanno? Abbandonano il luogo del confronto, il Consiglio Comunale, per non deludere chi ha brigato per bloccare il Lotto 0, che opera nell’esclusivo interesse di Salerno città senza cercare soluzioni in un contesto di area vasta che contenga anche la Piana del Sele. – aggiungono i capigruppo di maggioranza – A questa opposizione rispondiamo no, grazie, preferiamo andare a piedi in città per vedere da vicino le tante problematiche ereditate e porvi rimedio. Ci vorrà tempo e molti sacrifici, ma con un lavoro serio, costante e soprattutto trasparente, in totale discontinuità rispetto alle recenti abitudini, risolleveremo Eboli.

Per fortuna c’è anche una minoranza che non si rende loro complice, non rinuncia al suo ruolo e al proprio pensiero, muove critiche, propone e si confronta alla ricerca di soluzioni risolutive ed ancor più utili alla Città. – concludono i capigruppo consiliari di maggioranza Pasquale Ruocco, Matteo Balestrieri, Vito Maratea – Siamo stati aperti sin da subito al confronto e al dialogo e continueremo ad esserlo sui temi e proposte serie per il bene dei Cittadini, ma il populismo e i “no” pretestuosi li rispediamo al mittente».

Purtroppo se da una parte c’è un balbettante PD e quello che gli gira intorno incapace di esprimere opinioni, preoccupati di dispiacere alle politiche della così detta filiera istituzionale, dall’altra c’è un’Amministrazione comunale e quello che incomincia a girargli intorno (altre minoranze che poco per volta si avvicinano sempre di più alla maggioranza) che non riesce: Da una parte a contrapporre una politica chiara e le proprie proposte, preoccupata più di non farsi inimicizie piuttosto che esprimere con fermezza le proprie politiche; Dall’altra con all’orizzonte le prospettive politiche rispetto alle prossime elezioni politiche del 2023 che vedrebbero Art1-LeU alleato  del PD e del centrosinistra facendo attenzione a non compromettere quelle future alleanze; Dall’altra ancora, individuando sempre negli altri responsabilità e colpe ma restando sempre sulla sponda a guardare come scorrono gli eventi.

E quali sono gli eventi? di certo partendo dall’ultimo episodio, quello di accettare che il Comune non fosse presente alla conferenza dei servizi sui Rifiuti e invece di porre ai ripari, giustificarsi dicendo che comunque “il parere non era vincolante“. Quella dell’Elettrodotto sottomarino Tyrrhenian Link di TERNA, ricorrendo “ristori” per un’opera per nulla utile alla Campania, ma che “nobilmente” darebbe autonomia energetica a Sicilia e Sardegna, restando ella stessa dipendente per il 90% da energia proveniente da carbone, vieppiú permettendo uno scempio nel proprio territorio con una rete di cavidotti lungo tutte le strade per trasportare corrente alternata proveniente da impianti solari ed eolici dislocati sui nostri territori.

Non ci sono ristori sufficienti per equiparare i danni e si fa finta di niente.

Alla questione dei rifiuti e dell’Impianto autorizzato in Area Industriale di Eboli e l’elettrodotto TERNA, si aggiunge come un macigno il Progetto di R.F.I dell’Alta Velocità del Lotto 1A Battipaglia – Romagnano, che attraversa il territorio comunale. Un progetto che si ha l’impressione sia stato redatto su Google Mapp piuttosto che rilevando le complessità del territorio, sul suo suolo e sul suo sottosuolo, atteso che se si svolgessero delle accurate indagini idrogeologiche lungo il tragitto salterebbe ogni progetto così come quello redatto che tra l’altro come “Attila” rade al suolo una 50ntina di fabbricati per civili abitazioni, e oltre un 100ntinaio di opifici e aziende agricole certificate biologicamente.

Perché invece di una delibera consiliare inutile quanto insignificante nei contenuti non ordinare a spese del Comune, ad un collegio di tecnici le indagini geologiche lungo il tracciato immaginato sulla carta dal progetto RFI che potrebbe compromettere per il futuro nuovi assetti idrogeologici dagli esiti probabilmente devastanti, atteso le straordinarie risorse idriche sotterranee e stratificate del nostro territorio?

Insomma, ad oggi siamo ancora nella fase delle responsabilità politiche, sperando non si voglia poi passare alle colpe, gravi, gravissime, atteso i continui allarmi, denunce e suggerimenti offerti, rimasti inascoltati, forse per non guastarsi rapporti futuri. Non si può accettare e rassegnarsi nell’immaginare che le colpe sono sempre degli altri e soprattutto di chi ci ha preceduto. Eppure, condannando le Amministrazioni precedenti che si sono succedute negli ultimi 25 anni, non vi è stato un minimo sindacale di giudizio nei confronti di una gestione commissariale rovinosa, irresponsabile sulla Sanità e l’Ospedale, sui rifiuti, sulla Terna, sull’Alta Velocità e su tante altre questioni, ivi compreso quella rovinosissima del Piano di Zona S3 ex S5.

Chi non ha colpe scagli la prima pietra“, disse qualcuno che di anime umane se ne intendeva. Noi aggiungiamo “finimmo per essere sommersi di pietre“.

Insomma tra maggioranza e opposizioni più che cercare le colpe ci aspetteremmo delle risoluzioni.

Eboli, 27 aprile 2022

6 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente