Il cinema made in Campania trionfa ai David di Donatello

I riconoscimenti promuovono gli investimenti della Regione Campania a supporto del cinema, che valorizzano artisti e patrimonio culturale regionale.

È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino vince 5 statuette (tra cui miglior film e regia), con Teresa Saponangelo migliore attrice non protagonista; Silvio Orlando migliore attore per Aria ferma; Eduardo Scarpetta miglior attore non protagonista per Qui rido io di Martone; David Speciale al regista di Posillipo Antonio Capuano.

David di Donatello premia Napili

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

NAPOLI – Il cinema made in Campania è protagonista della 67a edizione dei Premi David di Donatello, nel corso di una cerimonia celebrata nuovamente in presenza negli studi di Cinecittà, a Roma.

I riconoscimenti ottenuti promuovono così gli investimenti della Regione Campania a supporto del cinema, per la valorizzazione dei talenti artistici e dell’enorme patrimonio culturale regionale.

Le 41 candidature iniziali hanno anticipato il trionfo nel palmarès finale, soprattutto grazie al film di Paolo SorrentinoÈ stata la mano di Dio, che si è aggiudicato ben 5 statuette: per il miglior film e regia, per l’attrice non protagonista a Teresa Saponangelo, per la migliore fotografia a Daria D’Antonio, oltre al David giovani per una storia sul dolore e la rinascita di Fabietto, alter ego del cineasta che ha realizzato il film «per dire ai giovani di credere nel futuro, malgrado le difficoltà ce la si può fare».

Napoli si conferma musa ispiratrice, merito il suo fascino e la sua ambivalenza, non solo nella musica (quella Napoli di «mille culture» e di «mille paure» che, nella voce di Pino Daniele, accompagna i titoli di coda del film), ma anche nel cinema. È stata la mano di Dio (al film è dedicata una mostra allestita al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, con gli scatti d’autore di Gianni Fiorito) prosegue il viaggio iniziato alla Mostra di Venezia lo scorso settembre e proseguito negli Stati Uniti nella notte degli Oscar, puntando ora verso il prossimo Festival di Cannes.

Tornando ai David, Ariaferma di Leonardo Di Costanzo ha visto Silvio Orlando premiato come migliore attore per il suo ruolo di camorrista dietro le sbarre. «Dedico il premio a mia moglie, la persone migliore che abbia mai conosciuto in vita mia» ha detto commosso, ammettendo di non essersi sentito inizialmente all’altezza di interpretare un personaggio così lontano dalle sue corde.

Il premio al migliore attore non protagonista è andato a Eduardo Scarpetta, figlio d’arte («Dedico il premio anche a mio padre, che ho perso a 11 anni») e giovane interprete del film Qui rido io di Mario Martone, che ha ottenuto anche la statuetta per i costumi di Ursula Patzak.

David speciale ad Antonio Capuano, l’ottantaduenne regista di Posillipo autore di piccoli gioielli come Vito e gli altriLuna rossa e La guerra di Mario. Nicola Piovani premiato come miglior compositore per le musiche de I fratelli De Filippo di Sergio Rubini.

Silvio Orlando

Eduardo Scarpetta

Paolo Sorrentino – Toni Servillo

Teresa Saponangelo

Napoli, 8 maggio 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente