Che destino per l’ospedale di Roccadaspide e per gli altri! Intervenga la Procura

Il Piano di rientro della Sanità, frutto di interferenze, di Manager lottizzati, inadeguati, incapaci. Intervengano il Prefetto Marchione e il Procuratore Roberti. E’ un attentato alla salute.

Amarezza e delusione del Sindaco Auricchio per il destino dell’ospedale di Roccadaspide: “Siamo cittadini di serie “B”. E’ un’ingiustizia. Non è di un Paese civile”.

Ospedale di Roccadaspide

ROCCADASPIDE“Devo manifestarvi tutto il rammarico e la profonda amarezza per la decisione assunta, che trovo sconcertante, abnorme e fortemente lesiva del costituzionale diritto alla salute di tutto il territorio della Valle del Calore, degli Alburni e dell’Alento, e chiaramente di tutta la popolazione di questa parte del Sud di Salerno”.

E’ con queste parole il sindaco di Roccadaspide Girolamo Auricchio, manifesta la sua rabbia per l’ennesimo sopruso che coinvolge l’Ospedale, condannato alla chiusura, secondo quanto emerge dal Documento Attuativo Aziendale inviato alla Struttura Commissariale per il Piano di Rientro del Settore Sanità della Regione Campania.

Il Sindaco Auricchio ha subito informato tutti gli altri sindaci della Valle del Calore, degli Alburni e  della zona dell’Alento, comunicando loro che nel giro di pochissimi mesi, la struttura ospedaliera rocchese sarà declassata ad una vera e propria casa di riposo di venti posti letto.

Proprio per questa ragione per sabato prossimo alle 18, presso l’aula magna della scuola media di Roccadaspide, è stato convocato un incontro con tutti gli amministratori e i cittadini dei comuni limitrofi.

All’incontro Auricchio ha invitato il Presidente della Provincia di Salerno, Edmondo Cirielli, la project manager dell’ospedale unico della Piana del Sele, Maria Rosaria Caropreso, e il commissario dell’Asl di Salerno, Francesco De Simone. Saranno loro a dover spiegare alla popolazione le ragioni per le quali in un primo momento tutti avevano assicurato che l’ospedale di Roccadaspide sarebbe rimasto aperto ed attivo, e che, anzi, occorreva potenziarlo, e successivamente è emerso che l’ospedale chiuderà battenti.

Anche in questa occasione, Auricchio ricorda: “le ragioni e i motivi della necessità di garantire e mantenere in vita la struttura di Roccadaspide, né per vero la profonda sperequazione che è stata prevista tra P.O. e P.O., tra territori e territori”.

Girolamo Auricchio

Girolamo Auricchio, rivolgendosi a chi prende le decisioni e  soffermandosi a quanto è emerso nel corso degli incontri, che vedeva tutti abbracciare le tesi della salvaguardia della struttura, “abbiamo ricevuto grandissime rassicurazioni sul fatto che l’ospedale di Roccadaspide, per la specificità del suo territorio, per gli indicatori che presentava, per la funzionalità e l’organizzazione pressoché ottimale, per le professionalità che vi operano, per la capacità di non incidere sulla spesa, non sarebbe mai stato ridimensionato, men che mai chiuso. Addirittura era stato da Voi riferito, in modo espresso e chiaro, che per le predette ragioni andava potenziato, come per vero aveva già fatto il Sub Commissario Zuccatelli con la prima proposta di Piano. Le dichiarazioni rese agli organi di stampa da pressoché tutti Voi erano le medesime: Roccadaspide andava tutelato e garantito per tutti i motivi che erano stati analizzati: condizioni geomorfologiche del territorio, enorme lontananza dagli altri presidi ospedalieri, rete stradale deficitaria, territorio montano, struttura che non incideva sul disavanzo e rispettava i parametri di legge, popolazione prevalentemente anziana”.

Il Sindaco di Roccadaspide continua – “Eravamo tutti certi, quindi, che mai l’Ospedale di Roccadaspide sarebbe stato toccato, proprio fidando sulle Vs. dichiarazioni e sulla Vs. competenza, ma soprattutto sulla Vs. capacità di garantire condizioni di equità e di giustizia, oltre che naturalmente, dalle varie precedenti decisioni che erano state assunte e con le quali venivano riconosciute le suesposte motivazioni. Oggi, invece, con il Documento Attuativo Aziendale che è stato trasmesso alla Struttura Commissariale per il Piano di Rientro del Settore Sanità della Regione Campania l’Ospedale di Roccadaspide viene di fatto soppresso”.

Per Girolamo Auricchio “è una ingiustizia manifesta e che sarà gridata da tutto un territorio. E’ un fatto che non potrà essere accettato e che non sarà mai accettato. E’ un vero e proprio sopruso che viene perpetrato a danno di cittadini onesti e di territori virtuosi.

Qui siamo all’ennesima affermazione dell’ingiustizia e della disuguaglianza; della conferma che esistono Cittadini di serie “A” e Cittadini di serie “B”; della inaccettabile regola, ormai invalsa,  per cui c’è chi deve essere premiato senza avere diritto e merito e chi, pur avendo sacrosanti diritti, deve essere penalizzato e abbandonato al suo destino.

Ma questo modo di fare non è di un Paese civile. Non è di una Italia giusta”.

Dire che è una vergogna è poco e l’amarezza del Sindaco di Roccadaspide è giustificata, così come è giustificata quella degli altri amministratori e cittadini che a fronte di un guazzabuglio di proposte, dichiarate, smentite, ufficializzate, ritirate, ripresentate, sostituite, si è mostrato tutta l’incompetenza dei vari responsabili nominati perché lottizzati, senza avere competenze specifiche nella progettazione e nella gestione complessa delle strutture sanitarie e dei territori serviti.

Caropreso – Cirielli – De Simone

Lottizzati, incompetenti e se continuano nel loro intento demolitorio dei diritti fondamentali della salute,  arroganti e irresponsabili. Il Prefetto Sabatino Marchione, il Procuratore della Repubblica Franco Roberti, intervengano su questa vicenda che ha più lati oscuri che proposte, atteso che si sono prese decisioni senza offrire una alternativa percorribile. Si distrugge Presidi Ospedalieri perché si ha l’intenzione di realizzare, in una proposta fumosa e contraddittoria, valutando i vari Piani, dell’Ospedale Unico della Piana del Sele, senza per questo finanziare la futura e improbabile struttura.

Con la scusa di razionalizzare si interviene decapitando le strutture operanti sul territorio invece di intervenire su milioni di euro delle strutture private, che operano in Provincia di Salerno.

Il Prefetto, il Procuratore verifichino le reali intenzioni di chi fino a questo momento si è accanito nella distruzione e comprendano se hanno usato lo stesso criterio demolitorio per le strutture private, che offrono servizi in concorrenza e spesso in alternativa o per scelte scellerate in sostituzione alle strutture pubbliche. Verifichino i tempi, le procedure, e le qualità dei servizi.

  • E’ vero che i vari Manager sono il frutto di una lottizzazione tra i Partiti e di uomini politici che sfacciatamente rilasciano anche dichiarazioni alla stampa?
  • E’ vero che il Piano sanitario di Zuccatelli è stato successivamente cambiato a più riprese?
    Perché si è dimesso Zuccatelli?
  • E’ vero che il Piano che si sta adottando è dettato più dai suggerimenti che da studi scientifici e razionali alla materia sanitaria?
  • E’ vero che i vai Commissari, Sub Commissari, così come dichiarato in più occasioni da vari  leader politici, che non hanno i requisiti e le competenze giuste per svolgere quei ruoli a loro demandati?
  • E’ vero che non ci sono i 300 milioni di euro per la realizzazione del nuovo Ospedale Unico della Valle del Sele?
  • E’ vero che non vi è ancora nessuna indicazione sulla destinazione del Nuovo Ospedale?

Se tutto questo è vero è il caso di dire che è tutta una schifezza ai danni dei cittadini utenti.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente