Il Piano Territoriale di Cirielli dimentica Eboli e la Piana del Sele

Eboli e la Piana del Sele ringraziano la Provincia, Cirielli ed i “cambiacasacca” ebolitani che, invece di difendere la propria Città, pensano ad accreditarsi alla “corte” del capo.

Il P.T.C.P., lo strumento di pianificazione di sviluppo sociale ed economico della provincia di Salerno, ignora in tutti gli indirizzi Eboli e la Piana.

Gerardo Rosania – comizio

EBOLI – La giunta provinciale di Cirielli – secondo Gerardo Rosania e Sinistra Ecologia e Libertà – ha adottato il “Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale” (P.T.C.P.), quello che dovrebbe essere lo strumento di pianificazione dello sviluppo sociale ed economico dell’intera provincia di Salerno, ignorando completamente Eboli e la Piana del Sele..

Il dato politico di quello strumento, con buona pace della destra ebolitana ed in particolari dei “ciriellini” paesani dell’ultima ora, è che ci si è dimenticati di Eboli e che la Piana del Sele, viene considerata come un’area di passaggio dei traffici turistici verso il Cilento o la Costiera Amalfitana ed una sorta di area “al servizio” di altre aree della provincia e di Salerno Città, innanzitutto. Ritenendola un “deposito” o peggio ancora una “pattumiera”, nella quale scaricare tutto quello che gli altri non vogliono.

Rosania e SEL ricordano in dettaglio cosa è previsto nel P.T.C.P per Eboli e per la Piana del Sele:

  1. porti turistici fra Salerno ed Agropoli: solo 1 a Pontecagnano; ed Eboli?
  2. parchi acquatici costieri: uno solo a Paestum; ed Eboli?
  3. musei archeologici da valorizzare: Paestum e Pontecagnano; ed Eboli?
  4. valorizzazione del paesaggio costiero: costiera cilentana e costiera amalfitana; e la Costa del Sele?
  5. recupero delle stazioni ferroviarie ad uso turistico: solo quella di Paestum; e quelle di Eboli (a San Nicola Varco e a Santa Cecilia)?
  6. metropolitana leggera: si ferma all’aeroporto e poi arriverà a Battipaglia; ed Eboli?
  7. la Piana viene ridotta ad una zona di transito per e dal Cilento:
  • le strade già esistenti che portano da Battipaglia a Paestum e al Cilento (anche quelle che si prima si prevedeva di rendere a traffico limitato) sono potenziate e superano il Sele (litoranea, Aversana, S.S. 18);
  • altre strade di nuova costruzione attraversano la Piana nella direzione Salerno-Paestum/Cilento, scavalcando tutte il fiume Sele (statale alternativa alla S.S. 18 e ad essa parallela, strada dei Templi dall’uscita autostradale di Eboli, strada per il Cilento dall’uscita autostradale di Campagna);
  • non c’è alcun intervento sulle strade provinciali che portano sulla nostra costa!

Un Piano che oggettivamente non è esaltante, ma nella sua modestia in ogni caso, non riesce a soddisfare nemmeno nelle “Piccole idee” che sono venute alla “Grande destra“, rappresentata da Edmondo Cirielli tutto il territorio provinciale. Come dovrebbe essere invogliato ad arrivare sulle nostre coste il turista chi  esce dall’autostrada a Battipaglia o ad Eboli, visto lo stato pietoso in cui versano le strade provinciali e visti i tanti inviti a prendere una delle strade a grande scorrimento che portano nel Cilento?

In “compenso”, – sottolinea Rosania – se c’è qualcosa che dà fastidio a Salerno, viene spostato nella Piana del Sele: termovalorizzatore, mega-centrale fotovoltaica, porto commerciale, e così, De Luca a Salerno realizzerà, dove oggi sta il porto commerciale, un grande porto per navi da crociera e, negando la vocazione turistica ed agricola della Piana, si vuole delocalizzare il Porto commerciale, senza parlare del completo silenzio circa l’ubicazione della centrale nucleare nella Piana del Sele.

Questo il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale in pillole.

La Piana del Sele ed Eboli, in particolare, – conclude Rosania – ringraziano la Provincia a guida “Cirielli” ed i “cambiacasacca” ebolitani che, invece di difendere la propria Città, pensano ad accreditarsi alla “corte del “capo, intanto Sinistra Ecologia e LIBERTA continuerà la propria battaglia per tutelare la Piana e salvaguardare la nostra Citta’.

Eboli, 19 aprile 2011

6 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente