Ecco una Scuola che funziona: La “Rossi-Vairo” di Agropoli

“La Rossi-Vairo di Agropoli: una Scuola che funziona”. Un esempio per la Campania.

Il rapporto di valutazione dei PON in Italia, certifica che la Scuola “Rossi-Vairo” con il punteggio di 63, è 12 punti al di sopra del dato nazionale (51). Per Italiano e matematica: risultati positivi oltre la media nazionale.

Nese-Preside-Rossi-Vairo-Agropoli

AGROPOLI – Proprio mentre la Rai, nei giorni scorsi ha proposto l’immagine di una Scuola che nel Mezzogiorno d’Italia sembra arrancare, la Scuola Media “Rossi-Vairo” di Agropoli, guidata dal dirigente scolastico Carmine Pietro Nese, si segnala a livello nazionale per i dati positivi emersi dal rapporto di valutazione dei Pon, compiuto da rilevatori e osservatori esterni all’istituto.

Per Italiano e matematica: risultati positivi oltre la media nazionale.

Il primo dato positivo riguarda i risultati delle prove Invalsi. Si legge a tal proposito nel rapporto: Le prove INVALSI degli Esami di stato nell’anno scolastico 2009-2010 hanno evidenziato un ottimo livello in italiano e in matematica facendo rilevare dei punteggi  superiori ai  risultati medi della  Campania, delle regioni del Sud e anche dell’intera Nazione”.

Per la prova di italiano, il punteggio complessivo riferibile alla scuola  (67,1) è significativamente  superiore sia al dato medio nazionale (60,4) sia a quello del Sud  (56,1) e della Campania (54). Anche considerando le singole classi che hanno partecipato  alla prova, si nota come queste raggiungano in maggioranza punteggi  più alti della media, con dei picchi notevoli:  ad esempio una classe ottiene il punteggio di 84.

Si toccano picchi molto alti anche con la Matematica: “La prova di matematica fa rilevare nell’Istituto “G. Rossi Vairo” un livello di conoscenze e competenze ancora più elevato. Il punteggio raggiunto è 63, maggiore di quasi 12 punti rispetto a quello rilevato su scala nazionale (51,5). In questo caso, inoltre, nessuna delle classi che ha partecipato alla prova ha ottenuto un  punteggio pari o inferiore alla media del Sud (47,4) e della Campania (45,8)”.

Elevato utilizzo dei Laboratori e ottimizzazione degli spazi.

Percentuale di aule utilizzate per la didattica: con questo indicatore viene rilevata l’eventuale presenza nella scuola di spazi potenzialmente utilizzabili che non vengono utilizzati. Nel caso in esame la capacità di utilizzo a pieno degli spazi disponibili si attesta  intorno all’81,5%, superando di quasi dieci punti percentuali la media rilevata (71%). Sono pochi perciò gli spazi dell’istituto che non vengono utilizzati per scopi didattici. Questo dato se letto con il precedente (poca superficie interna disponibile per ciascuno studente) indica he gli spazi disponibili siano pochi  ma impiegati bene. Percentuale di laboratori: pochi ma utilizzati bene e a pieno regime. Questo indicatore considera la numerosità di laboratori in rapporto alla totalità degli spazi a disposizione per gli studenti.

L’istituto  “Rossi-Vairo” ha meno di un laboratorio ogni cento studenti e, tra le aule utilizzate, solo il 14% è adibito a laboratorio, una percentuale  inferiore alla media (17%) riferita alle scuole coinvolte. La particolare condizione del plesso distaccato, nel quale esiste un solo laboratorio a fronte dei quattro funzionanti nella sede centrale, la capillare presenza di LIM nelle classi ordinarie e il ricorso da parte della scuola a molteplici attività di carattere laboratoriale che tuttavia si svolgono in spazi non formalmente identificabili come “Laboratori” evidenziano invece una intensa attività laboratoriale.

Agropoli, 6 marzo 2012

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente