Volpe e parte dell’opposizione “contrari” all’apertura pomeridiana dell’Ufficio Postale

Bellizzi, apertura pomeridiana ufficio postale: uno schiaffo alla città e a 1500 firmatari…  e parte delle opposizioni? si astiene.

Mimmo Volpe e parte dei Consiglieri d’opposizione, si astengono rispetto alla richiesta di apertura pomeridiana dell’Ufficio Postale e polemizzano con le associazioni Oltreconfine e Bellizzi Città d’Europa.

Consiglio Comunale Bellizzi

BELLIZZI – Nell’ultimo Consiglio Comunale, quello del 20 marzo, al punto 3 all’O.d.G., vi era la proposta di fare “voti” a Poste Italiane per far riaprire l’ufficio postale di pomeriggio.

L’adozione di questa delibera è stata chiesta da due associazioni bellizzesi  (“Oltreconfine” e “Bellizzi Città d’Europa”) che nei mesi scorsi hanno effettuato una  petizione popolare raccogliendo circa 1500 firme, dopo un incontro con un dirigente regionale di Poste Italiane che suggeriva questo atto istituzionale quale rafforzativo alla richiesta.

Ufficio-Postale-Bellizzi

Questa delibera, tra l’altro, non impegnava economicamente l’Ente, essendo un atto formale, e non aveva nessuna colorazione politica se non una richiesta fatta da due Associazioni supportate da circa 1500 firme di cittadini che, per motivi di praticità, chiedevano un servizio pomeridiano aggiuntivo.

I cittadini presenti, vista la finalità puramente sociale della Delibera proposta, e pensando che la richiesta fosse supportata ad un voto unanime da parte di entrambe le formazioni civiche di maggioranza e di opposizione, che compongono il consiglio bellizzese, sono rimasti basiti nel constatare che proprio l’opposizione faceva mancare la sua adesione.

Per contro la questione, è stata oggetto di derisione da parte dell’ex Sindaco Mimmo Volpe, capogruppo della civica “Città Possibile” che, adducendo motivazioni procedurali, ha indirizzato verso i due presidenti delle associazioni, presenti in aula, le sue attenzioni definendoli sconosciuti e rivendicando un fantomatico “protocollo d’intesa” da lui sottoscritto nel 2007 della cui esistenza non c’è traccia alcuna. Si suggerisce per il futuro, che prima di indirizzare verso l’Ente comune qualsiasi richiesta le Associazioni bellizzesi si “presentino” a cospetto dell’ex Sindaco e si facciano “riconoscere”. Tutto è possibile per la causa.

Mimmo Volpe

Alla fine, nella delusione più totale dei tanti presenti Volpe, unitamente ai suoi consiglieri presenti non hanno votato la delibera, nonostante che il pubblico presente, reclamava a gran voce l’apertura pomeridiana dell’Ufficio Postale e ricordava che questa storia non doveva essere oggetto di scontro politico.

La questione e l’esito del voto hanno turbato oltre che i presenti anche i due Presidenti delle “fantomatiche” Associazioni, i quali dando corpo alla loro delusione hanno preannunciato di rivolgersi alla Città con un manifesto pubblico, per informarla sull’accaduto, di come Volpe e i suoi Consiglieri intendomno esercitare con il “sigillo” sulle iniziative, il loro ruolo di opposizione e di come hanno inteso ammantare una richiesta semplice di contenuti pretestuosi e polemici, oltre che personali e fuori luogo

Nonostante tutto hanno chiesto, attraverso il Manifesto, a Volpe e i suoi consiglieri un confronto pubblico, anche per chiarire come mai nessuno di loro ha voluto sostenere la petizione, ricordandogli che l’ufficio postale bellizzese è stato chiuso di pomeriggio nel corso del suo sindacato, senza che egli muovesse un dito per farlo riaprire, sottolineando come il non aver votato la delibera da inviare a Poste Italiane fosse un offesa ai circa 1500 cittadini che spontaneamente hanno sottoscritto la petizione.

Matteo Russo

Intanto anche il Comune di Montecorvino Pugliano sta per adottare la stessa delibera poiché l’ufficio postale di Bellizzi serve la frazione Bivio Pratole, San Vito e Pagliarone.

Infine una curiosità: La minoranza di Pugliano, a differenza di quella bellizzese, non solo voterà a favore ma farà propria la richiesta e la sosterrà in tutte le sedi istituzionali e politiche di loro riferimento. A meno di un chilometro di distanza due minoranze dello stesso colore politico votano in modo differente lo stesso provvedimento.

Saranno i cittadini a trarne le conseguenze.

……………………  …  …………………….

Leggi l’articolo della risposte di Minno Volpe

Mimmo Volpe sull’Ufficio Postale precisa: Gli obiettivi erano altri

………………….  …  …………………..

Ecco il Manifesto

Bellizzi, 29 marzo 2012 (aggiornato alle 22,00 dell’1 aprile)

7 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente