“Giornata contro l’omofobia”: Campione (UDC) sulla censura del manifesto

L’Amministrazione di Battipaglia censura il Manifesto contro l’omofobia, voluto dalla Commissione Pari Opportunità.

Campione interviene sulla Censura: “esprimo la mia distanza dalla scelta, della maggioranza della CPO, che non tiene conto delle sensibilità che possono urtarsi per la esplicita esibizione delle proprie scelte sessuali.

Marco Campione

BATTIPAGLIA – Riceviamo e volentieri pubblichiamo, la dichiarazione del Consigliere Comunale dell’UDC Marco Campione che interviene sulle ultime vicende riguardo al Manifesto per la campagna contro l’omofobia, voluto dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Battipaglia.

L’immagine riportata nel manifesto, ritrae due ragazzi gay che si baciano, questa campagna e questo manifesto erano stati voluti dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Battipaglia che sarebbe dovuto essere esposto nella giornata di oggi 17 maggio, nell’ambito della manifestazione anti discriminazione.

battipaglia-manifesto-gay-censurato

“Come consigliere comunale dell’UDC, – dichiara Marco Campione esprimo tutta la mia distanza dalla scelta, operata dalla maggioranza della Commissione, di una comunicazione improntata alla provocazione, non tenendo così conto di quelle sensibilità che possono sentirsi urtate da una esibizione esplicita delle proprie scelte sessuali.

Fermo restando il ripudio per ogni discriminazione e per ogni forma di omofobia, – continua Campione – e ribadendo l’attenzione al tema dei diritti civili, ritengo che tali sacrosante battaglie possano essere condotte con metodi che non alienino simpatie e ragioni, specie in un territorio che solo da poco tempo sta prendendo atto di tali problematiche, anche grazie ad un’amministrazione che ha fortemente voluto e sostenuto la Commissione Pari Opportunità e mai sindacando le autonome scelte, se non di fronte ad atteggiamenti estremistici e di chiusura, manifestati – a mia opinione – dalla Commissione nel caso del manifesto in questione.

Ritengo dunque doveroso – conclude Campione – aprire una riflessione su poteri e meccanismi degli organi di partecipazione, al fine di evitare in futuro equivoci su una battaglia che dovrebbe vederci tutti uniti.
Marco campione”
.

La campagna, è stata approvata con il parere favorevole di sei dei dieci componenti della Commissione Pari Opportunità, che hanno partecipato alla discussione e alla votazione, ma il Comune di Battipaglia, benché abbia sponsorizzato il Salerno Campania Pride ha posto il veto e ha censurato il manifesto.

Le reazioni sono state tante e oltre a quella di Campione si riportano anche quelle di Pasquale Quaranta, che tra l’altro oltre ad essere impegnato in prima persona contro l’omofobia è anche componente la Commissione Pari Opportunità di Battipaglia, il quale ha dichiarato: Nonostante la commissione abbia votato a favore della pubblicazione del manifesto, il Comune ha posto un veto sulla stampa per non ledere il rapporto con il partito guida della coalizione, l’Udc. Si tratta di un’immagine che invita a vivere i propri sentimenti alla luce del sole e che avrebbe al più stimolato un dibattito sull’argomento: perché molte persone gay e lesbiche vivono le loro relazioni nella clandestinità? Mancano di coraggio? Sono spaventate dal contesto ostile che le circonda?

Battipaglia, 17 maggio 2012

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Quello che invece urta tanto la mia sensibilità è tutto questo “BIGOTTISMO”!!

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente