Ecco il Progetto del Parco Fluviale del Tusciano

Il “Parco fluviale del Tusciano”: Un’ipotesi progettuale e di gestione  dell’Area Demaniale del Fiume Tusciano.

Il Comune di Battipaglia in associazione con Legambiente, Alba Ecologia, il Dipartimento della Gioventù, il servizio Civile Nazionale ha presentato un progetto di recupero e valorizzazione del fiume Tusciano, con la creazione di un parco fluviale e un percorso naturalistico.

parco-fluviale-del-tusciano

parco-fluviale-del-tusciano

BATTIPAGLIA – Il Comune di Battipaglia in associazione con LegambienteVento in faccia” capofila e Alba Ecologia ha partecipato al bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della gioventù e del Servizio Civile Nazionale, relativo alla valorizzazione delle aree demaniali con un progetto di recupero e valorizzazione del fiume Tusciano, attraverso la creazione di un parco fluviale, con un percorso naturalistico panoramico di grande suggestione ed interesse scientifico, che rappresenta una risposta valida alle tendenze in atto, sviluppato dal Settore Politiche Comunitarie del Comune di Battipaglia, Ass. Alfredo Liguori, con il contributo della Dott.ssa Elisabetta Delli Santi e dell’Arch. Maria Rosaria Di Filippo.

.

Tale percorso naturalistico rappresenterà l’ideale ponte di collegamento tra siti di pregio storico, culturale, paesaggistico ed architettonico dell’intera area comunale e sovracomunale, in grado di attrarre ed  interessare differenti ambiti turistici, oltre che un pubblico non solo locale ma provinciale. Inoltre il progetto si colloca sulla scia del notevole interesse dimostrato dall’amministrazione locale a portare avanti il discorso del recupero ambientale di grandi aree e contesti territoriali.

L’area del parco è del demanio fluviale ed è amministrativamente gestita dal Genio Civile che ha concesso l’area all’amministrazione comunale di Battipaglia che insieme a Legambiente, realizzerà il parco. Questo progetto può rappresentare il primo tassello per la costruzione di un progetto di più ampio respiro che coinvolgerebbe i Comuni attraversati dal fiume: Acerno, Campagna, Olevano sul Tusciano, Pontecagnano in un progetto unitario di Parco fluviale dalla sorgente alla foce, realizzato anche attraverso un contratto di fiume, come da esperienze maturate soprattutto nel nord Italia e in Europa, che coinvolga le amministrazioni locali e i cittadini oltre che i proprietari di aree lungo le sponde del fiume, con l’obiettivo di realizzare un grande parco fluviale del Tusciano, una rete ecologica d’area vasta, così come previsto nel PTCP della Provincia di Salerno.

.

In particolare all’interno del parco è prevista la costruzione di una pista ciclo – pedonale che attraversa l’intero percorso e lunga quindi 5 km, un approdo per le canoe e gli sport acquatici, aree attrezzate di sosta, camping e aree per spettacoli di animazione culturale, musicale e teatrale all’aperto, oltre ad accogliere iniziative di attività didattica con i bambini delle scuole e i giovani delle associazioni locali.

Tra gli eventi chiave delle attività di animazione e comunicazione è prevista l’organizzazione della “Giornata sul fiume – Day on the river”. Tale evento rappresenta un’opportunità di incontro, scambio, opportunità tra i diversi soggetti coinvolti (scuole, cittadini, associazioni, parrocchie, ecc….) a livello sovracomunale. La Day on the river – che si dovrebbe svolgere in concomitanza dell’inizio della primavera – si struttura intorno a diverse manifestazioni / eventi quali:

  • Giornate a cavallo lungo il fiume. Un week end passato sulle sponde del fiume e alloggiati in tende per un’esperienza didattica e sportiva vissuta a contatto con la natura.
  • Corsi e tornei di pesca. Coinvolti le parrocchie, le associazioni di pensionati, le associazioni sportive e di boy scoot, le scuole e i cittadini informati e coinvolti attraverso spot radiofonici e televisivi.
  • Giornate di escursione in bici lungo il fiume.
  • Giornate didattiche di educazione ambientale, svolte sul fiume e alloggiati in tende, dove verranno esposte ed evidenziate tematiche ambientaliste di conoscenza e salvaguardia della flora e della fauna tipica delle sponde dei fiumi. Saranno dati dei temi di approfondimento, svolte ricerche, effettuate fotografie e riprese video e disegni, che potrebbero essere oggetto di mostre didattiche ed espositive che hanno per tema la natura lungo le sponde del Tusciano. Si potrebbero organizzare anche concorsi fotografici che avranno per premio abbonamenti al parco e tessere di iscrizione a Legambiente.
  • Spettacoli musicali e teatrali, sfilate di moda, presentazioni letterarie organizzate sulla riva del fiume, per animare i pomeriggi e le serate sul lungofiume. Saranno chiamati ad animare gli spettacoli le molte associazioni culturali, musicali e teatrali presenti sul territorio e la sostenibilità economica delle iniziative sarà assicurata dal pagamento del biglietto di ingresso o da abbonamenti alle manifestazioni estive organizzate nel parco fluviale.
  • Un cineforum con proiezione di film, cortometraggi e documentari da collocare nell’ambito delle serate sul fiume, iniziativa ludica e di intrattenimento con finalità ricreativa..

Per queste occasioni si potrà anche utilizzare un servizio di navetta con pulmino messo a disposizione dal Comune di Battipaglia per gli spostamenti dal centro città al parco fluviale, per le persone non munite di mezzi di spostamento propri.

L’obiettivo generale del progetto è quello di creare delle attività che risultino a livello comunale in grado di soddisfare il bisogno di aree attrezzate verdi e a livello provinciale attrattive dal punto di vista turistico e in grado di intercettare i flussi dei turisti presenti in zona e provenienti dalla vicina Paestum e Cilento e dalla costiera Amalfitana. E’ nelle intenzioni future delle Amministrazioni comunali locali creare un’area di collegamento tra il parco fluviale del Tusciano e il mare, comprendendoli in un unico lungo percorso naturalistico-storico-etnografico che permetta una visita della zona nella sua completezza.

Il corso del Tusciano si pone quindi come fondamentale elemento di raccordo tra paesaggi diversi. Il fiume attraversa 5 distinti Comuni, l’obiettivo è di creare in futuro un Parco fluviale con una rete di percorsi (Rete verde) che concentri cultura, sport, intrattenimento, didattica, e relax in un’unico scenario verde.

 Battipaglia, 10 febbraio 2013

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente