L’AEEG: Nessun aumento delle tariffe sull’Acqua. Sconfitti l’ATO3 e la GORI

L’AEEG dopo l’incontro con la Rete dei Sindaci ha garantito: non verrà applicato nessun aumento delle tariffe idriche oltre il limite del 6,5% annuo.

Scongiurato il pericolo di consistenti aumenti tariffari imposti dall’ATo3 attraverso la GORI Spa.  L’Autorità garante dell’Acqua si riserva anche di assumere una decisione verificando le azioni giudiziarie in corso.  Soddisfatti l’assessore di Fisciano Gioia e la Rete dei Sindaci.

incontro_presso_aeeg_a_roma

incontro_presso_aeeg_a_roma

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

FISCIANO – Buone notizie per scongiurare il pericolo di consistenti aumenti tariffari che vorrebbe imporre l’ATo3 attraverso la GORI Spa, giungono da Roma. Ieri mattina, nella Capitale, si è tenuto un importante incontro presso  la sede dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas al quale hanno partecipato una delegazione della Rete Dei Sindaci e dei Comitati Civici Per L’acqua Pubblica, con il Direttore Generale Della Divisione Risorse Idriche. La delegazione della Rete dei Sindaci era composta dall’assessore al bilancio del Comune di Fisciano, Franco Gioia, e dal delegato del sindaco di San Giorgio a Cremano, Luigi Bellocchio.

L’avvocato Giuseppe Grauso ha assistito le delegazioni relativamente alle osservazioni presentate dalla Rete Dei Sindaci  in merito alle delibere del Commissario Straordinario dell’Ato3, on. Carlo Sarro, n° 26 del 27/03/2014 e n° 27 del 31 marzo 2014, con  le quali si imporrebbe un aumento tariffario del 44% per l’anno in corso e di un ulteriore 24% per l’anno successivo che si traduce in circa 350-400 euro in più all’anno. Il direttore generale della divisione risorse idriche dell’Aeeg ha assicurato, fino ad esame finale della documentazione inviata dal commissario straordinario e delle osservazioni fatte pervenire della Rete dei Sindaci, che non verrà applicato nessun incremento tariffario che superi il limite massimo del 6,5% annuo.

L’assessore Gioia ha poi illustrato, con determinazione, la delicata situazione sociale che si è venuta a creare sui territori, proprio in relazione sia agli incrementi  tariffari degli anni precedenti che alle bollette di conguaglio che la Gori ha notificato agli utenti nell’ultimo periodo. Tale situazione diventa di difficile gestione da parte dei sindaci in caso di ulteriori e onerosi aumenti, anche in relazione alla profonda crisi economica che sta attraversando la Regione Campania e più in generale tutta l’Italia. In via preliminare il direttore generale  ha illustrato le azioni intraprese dalla stessa AEEG in merito alle precedenti Osservazioni presentate dalla rete dei Sindaci nel 2013, sempre in merito agli aumenti tariffari  richiesti per gli esercizi del 2011 e del 2012.

 L’AEEG ha interessato la Guardia di Finanza che a sua volta ha espletato presso gli uffici della GORI e della Regione una ispezione nel mese di aprile 2014. I risultati e i provvedimenti di detta ispezione verranno illustrati al termine dell’istruttoria avviata dall’Autorità, che comunque in questa fase definisce “la situazione di contesto campana alquanto complicata” rispetto alla gestione del servizio idrico. Inoltre il direttore generale ha dato disposizione per una verifica puntuale della coerenza interna di tutti gli atti predisposti dal Commissario Straordinario. Relativamente ai ricorsi amministrativi attivati dagli enti locali avversi alle delibere N° 26 e 27 del Commissario Straordinario  di marzo 2014, una volta che gli essi verranno notificati alla AEEG, la stessa provvederà a dare mandato a propri legali per la costituzione nel giudizio amministrativo.

In merito agli altri punti posti all’attenzione dalle Osservazioni presentate (assenza del Piano di Ambito, nullità degli atti del Commissario straordinario in quanto eccedenti la normale amministrazione e i sei mesi di mandato), l’AEEG si riserva di assumere una decisione verificando le azioni giudiziarie in corso.

Il Direttore Generale ha, infine, invitato i sindaci e le amministrazioni comunali a segnalare ogni anomalia che si riscontrassero rispetto all’applicazione delle tariffe idriche nei propri territori di competenza.

Fisciano, 8 giugno 2014

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente