Il Forum della Cultura scrive al Sindaco di Salerno De Luca

Il Forum della Cultura chiede al Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca di istituire la Consulta degli Operatori della Cultura.

Bene al Piano Regolatore della Cultura ma si avvii un pubblico confronto, coinvolgendo gli operatori della cultura cittadina, aprendo anche a chiarimenti circa la gestione degli eventi culturali, rispetto all’utilizzo degli spazi di Palazzo Fruscione.

Salerno-Palazzo Fruscione-Ingresso

Salerno-Palazzo Fruscione-Ingresso

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Il Forum della Cultura di Salerno, è un’Associazione che si è costituita agli inizi del mese di settembre di questo anno e conta già 450 iscritti, che si prefigge il compito di diffondere la cultura e organizzare eventi culturali. Luciana Libero, è presidente, mentre Vittorio Dini è il presidente onorario Vittorio Dini, con Pino Vuolo vicepresidente, con un Consiglio direttivo composto da Massimo Adinolfi, Pino Vuolo, Marcello Ravveduto, Gianluca De Martino.

I Soci fondatori del Forum sono: Luciana Libero, Vittorio Dini, Sergio Vecchio, Marcello Ravveduto, Massimo Adinolfi, Antonello Mercurio, Enzo Rosco, Nicola Palma, Mario Tarallo, Piero Lucia, Alfonso Conte, Ernesto Scelza, Lello D’Anna, Pietro Ravallese, Anna Nisivoccia, Angelo Giubileo. Tra i soci Luigi Bisogno, Sara Martucciello, Rosalba De Vivo, Serena Caracciuolo; Ros De Vivo, Centro Studi Choice Onlus, Guglielmina Felici, Valentina Mustaro Teatro La Ribalta. Il gruppo Facebook Forum Cultura Salerno conta 450 iscritti. E proprio in ossequio alle sue finalità il suo Presidente, a nome dell’Associazione, ha sentito il dovere di rivolgersi, attrarso una lettera pubblica al Sindaco di salerno Vicenzo De Luca per aprire una discussione sulla cultura in generale e sull’organizzazione e la distribuzione degli spazi da destinare alle varie attività culturali.

“Ill.mo Sindaco, – Scrive la Presidente del Forum Luciana Libero rivolhendosi al Sindaco di salerno de Luca – alcuni mesi or sono dagli schermi di Lira Tv lei ha espresso apprezzamento per il Piano Regolatore della Cultura, documento elaborato dal Forum Cultura Salerno presentato alla stampa il 15 maggio u,s. nella sede della Biblioteca Provinciale.

Il documento, sulla falsariga di quello prodotto da una analoga pubblica amministrazione, introduce alcune regole per l’organizzazione della cultura, per l’accesso degli operatori, per la trasparenza della pubblica spesa,  per la regolamentazione degli spazi, individuando la necessità di procedure a evidenza pubblica, nel rispetto delle normative vigenti.

Rileviamo invece che a tutt’oggi il Comune di Salerno, da lei descritto come modello evoluto ed europeo,  non dispone di alcuna regolamentazione al proposito; né esistono altri strumenti di partecipazione popolare come previsto dalla normativa statutaria (Art. 34/38 Statuto Comunale); e che permane, a norma dell’art.12 della Legge n.241 dell’8/8/90, un Regolamento per la concessione dei contributi del Comune di Salerno datato al 1993 (Giunta Giordano) che in ogni caso prevede il principio del “valore culturale delle iniziative”.

In alcune sue recenti dichiarazioni, a proposito della manifestazione “Biennale d’arte contemporanea di Salerno”, lei ha dichiarato di voler trasformare tale manifestazione in un “evento permanente” e che il Comune vuole puntare “a realizzare un museo permanente di arte contemporanea” “per dare un’anima alle nostre comunità e per dare occasioni di lavoro e di vita per centinaia di giovani, di creativi, di studenti dei licei artistici, che possono contemporaneamente arricchire i nostri quartieri di opere d’arte e trovare occupazione in un momento così difficile”.

Tali auspici, certamente condivisibili, suscitano però particolare apprensione in quanto espressi a sostegno di una manifestazione locale che appare  scarsamente supportata da una curatela qualificata e da criteri scientifici di selezione degli artisti, i quali sono invitati a partecipare mediante il pagamento di una quota di adesione; carenze che appaiono ancora più gravi se il  nome della manifestazione vuole indicare non solo una cadenza temporale della rassegna, ma anche l’ambiziosa volontà di confrontarsi con analoghe manifestazioni nazionali e internazionali.

Appare incomprensibile che questo accada nella città di Filiberto Menna, dove il Comune sostiene da anni una Fondazione a tale personalità  intitolata; sede di prestigiose Gallerie d’arte e di artisti di fama, con critici salernitani di indiscusso valore internazionale;  senza il coinvolgimento né della Fondazione né del Dipartimento dell’Ateneo salernitano, dove le tracce del magistero di Menna sono ancora visibili grazie a tanti autorevoli studiosi.

Il Forum della Cultura, nell’esprimere viva preoccupazione per l’affermarsi di orientamenti  che privilegiano dilettantismo e improvvisazione,

chiede

in primo luogo che la cittadinanza sia informata sulle modalità di concessione della prestigiosa sede di Palazzo Fruscione sulla quale la Giunta Municipale, con proprio atto n. 449 del 6 dicembre 2013, ha emanato un avviso per acquisire manifestazioni di interesse e di cui si ignora l’esito;

in secondo luogo, se per l’utilizzo di tale spazio sia stato versato un canone di affitto e di quale importo, considerato che nel tariffario comunale di concessioni degli spazi  non risulta Palazzo Fruscione.

Nel fare poi espressa richiesta di una celere introduzione di  un aggiornato Regolamento per l’erogazione di contributi sulla base di requisiti specifici, trasparenti e misurabili, che premino la qualità culturale e artistica insieme alla qualità progettuale e alla capacità gestionale; nel fare richiesta di Istituzione della Consulta degli Operatori della Cultura, a norma dello Statuto comunale, il Forum

chiede

che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Salerno avvii un pubblico confronto, con il coinvolgimento degli operatori della città, sugli argomenti sollevati”.

Distinti Saluti

Salerno, 29 settembre 2014

2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Scusate, leggo il nome del presidente e di alcune delle persone che fanno parte di questo forum (ma che cos’è un associazione?); in particolare constato che molti di loro sono giornalisti che scrivono sul blog del giornale “La città” (http://lacittadisalerno.gelocal.it/blog). I loro post sono solitamente delle invettive contro l’amministrazione De Luca. Mi domando che cosa c’è dietro questa richiesta.
    Secondo me è solo un tentativo intimidatorio con richiesta di ricevere una fetta della torta.

  2. Scusate, leggo il nome del presidente e di alcune delle persone che fanno parte di questo forum (ma che cos’è un associazione?); in particolare constato che molti di loro sono giornalisti che scrivono sul blog del giornale “La città” (http://lacittadisalerno.gelocal.it/blog). I loro post sono solitamente delle invettive contro l’amministrazione De Luca. Mi domando che cosa c’è dietro questa richiesta.
    Secondo me è solo un tentativo intimidatorio con richiesta di ricevere una fetta della torta, con buona pace della cultura e compagna bella.

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente