Vallo della Lucania accoglie le reliquie di Papa Giovanni in pellegrinaggio nel Cilento

Sono nel Cilento le reliquie di Giovanni Paolo II, dopo la tappa di ieri a Vallo della Lucania, saranno in mattinata a Salento nel pomeriggio a Marina di Ascea.

L’appuntamento rientra nelle tappe del pellegrinaggio che le reliquie co,piono in tutta Italia per iniziativa dell’Unitalsi. Intenso il programma previsto nella diocesi cilentana in occasione dell’evento. Il pellegrinaggio delle reliquie è curato dai Volontari della sottosezione Unitalsi di Agropoli.

karol-jozef-wojtyla-giovanni-paolo-II

karol-jozef-wojtyla-giovanni-paolo-II

di Annamaria Forte
per (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

VALLO DELLA LUCANIA – Le reliquie di Karol Wojtyla sono arrivate ieri, domenica 8 febbraio, nella diocesi di Vallo della Lucania accolte dai suoi fedeli ansiosi e speranzosi e vi rimarranno fino a giovedì 12 febbraio.

Ad accogliere la teca contenente una garza intrisa del sangue del pontefice polacco alle ore 10.00 nella Cattedrale di Vallo il Vescovo della diocesi, mons. Ciro Miniero, che ha celebrato la solennità del momento con inizio alle ore 10,30 con la presenza dei i volontari della Sottosezione Unitalsi di Agropoli che hanno accompagnato il pellegrinaggio.

L’appuntamento rientra tra le tappe del pellegrinaggio che le reliquie stanno compiendo in tutta Italia per iniziativa dell’Unitalsi. Intenso il programma previsto nella diocesi cilentana in occasione dell’evento. Dopo la tappa nella Cattedrale di Vallo, lunedì 9 alle ore 9,30 giungerà a Salento, alle 16,30 del 10 febbraio raggiungerà nella chiesa parrocchiale di Ascea Marina. L’11 febbraio, giorno in cui ricorre anche la prima apparizione della Vergine a Lourdes, la teca tornerà a Vallo preso l’Ospedale S. Luca alle ore 9,30, mentre alle 16,30 sarà ad Agropoli nella chiesa della Madonna delle grazie, dove sarà salutata dalla comunità diocesana e la mattina del giorno 12 sarà presso la casa di riposo “Villa Marina” prima di partire per Cava dei Tirreni.

reliquia_giovanni_paolo_II

reliquia_giovanni_paolo_II

Il pellegrinaggio delle reliquie è un’occasione di riflessione sulla testimonianza di chi, come papa Giovanni Paolo II, ci ha preceduto nel compiere il cammino della vita alla sequela di Cristo con un’attenzione particolare al mondo della sofferenza. Voglio ricordare che a questo santo Pontefice si deve l’istituzione della giornata mondiale del Malato l’11 febbraio di ogni anno.

Il pellegrinaggio delle reliquie sarà curato dai Volontari della sottosezione Unitalsi di Agropoli. Per tutte le informazioni si può consultare il sito Unitalsicampania.it.

L’Unitalsi, Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali, è un’associazione ecclesiale che conta oggi oltre centomila aderenti in tutta Italia. Con lo spirito del volontariato si propone di promuovere una crescita umana e cristiana con le persone sole, ammalate, anziane e in difficoltà. È iscritta nel registro nazionale delle Associazioni di promozione sociale e nell’elenco delle Associazioni di volontariato del Dipartimento di Protezione civile, è accreditata anche come Ente di seconda classe presso l’Ufficio nazionale del Servizio civile.

Vallo ella Lucania, 9 febbraio 2015

Tags: Villa Marina, Cava dei Tirreni, pellegrinaggio, Unitalsi, Ascea Marina, reliquie, Comune di Agropoli, Karol Wojtyla, Annamaria Forte, Associazione di volontariato, dipartimento protezione civile, Servizio civile,pontefice, parrocchia, promozione sociale, diocesi cilentana, Vallo della Lucania, ospedale San Luca, Salento, Lourdes, Cattedrale di Vallo.

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. prima di berlo un buon vino andrebbe lasciato invecchiare

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente