Cariello su “Mare sicuro 2015” risponde al “Eboli 3.0” che a sua volta ribatte

Il Sindaco di Eboli Cariello risponde alla lettera aperta sull’operazione “Mare sicuro 2015”. del coordinamento di “Eboli 3.0” che a sua volta ribatte.

Cariello: “Nessuna illegalità, anzi è stato seguito l’unico percorso possibile, nel rispetto delle regole e con l’obiettivo, centrato, di dare risposte immediate alle aspettative dei cittadini“.

Massimo Cariello

Massimo Cariello

da (POLITICAdeMENTE) il Blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Nessuna illegalità, anzi è stato seguito l’unico percorso possibile, nel rispetto delle regole e con l’obiettivo, centrato, di dare risposte immediate alle aspettative dei cittadini. Una risposta decisa quella del sindaco di Eboli, Massimo Cariello, alla lettera aperta di Eboli 3.0 sui servizi di vigilanza in litoranea.

«Uno dei rilievi mossi dalla lista Eboli 3.0 riguarda la legittimazione di Eboli Multiservizi a poter portare avanti il progetto, seppure delegandolo – spiega il sindaco di Eboli -. Ebbene, la procedura di liquidazione non completata non impedisce l’operatività alla società, peraltro trattandosi di una procedura che potrebbe essere rivista. Per quanto riguarda la proroga attraverso la quale abbiamo riaffidato il servizio, si trattava dell’unica possibilità per affidare in maniera legale la gestione della vigilanza, dei parcheggi e del servizio di salvataggio sulle spiagge. Come immagino anche gli esponenti di Eboli 3.0 sappiano, il commissario prefettizio aveva avviato da tempo il nuovo bando per l’affidamento dei servizi. Il bando non è ancora pronto ed allora l’unica possibilità che rispettasse le regole rimaneva la proroga dell’affidamento, mentre non sarebbe stato possibile andare verso un nuovo affidamento. L’alternativa sarebbe stata la cancellazione del servizio».

Sul piano tecnico, anche rispondendo alle critiche secondo le quali ci sarebbe incongruenza con le posizioni assunte in occasione dell’affidamento 2014 rispetto alle posizioni assunte quest’anno, il sindaco Cariello precisa: «Le nostre critiche riguardavano generalmente il servizio, rispetto al quale, infatti, siamo intervenuti, chiedendo maggiore impegno alla società che gestisce la vigilanza e pretendendo maggiori livelli di sicurezza. In sostanza, oggi il servizio è radicalmente diverso da quello svolto lo scorso anno, con un sensibile aumento del livello di sicurezza complessivo. Nel 2014 erano impiegati 5 bagnini sulle postazioni spiaggia libera camping Miceli, Lido Tado solo su un lato, lido Holiday spiaggia libera, postazione centrale, spiaggia libera B38.

Quest’anno, invece, – sottolinea il Sindaco – sono impegnati 11 bagnini, divisi per turno nelle postazioni spiaggia libera Foce Sele, spiaggia libera camping Miceli, spiaggia libera Tado su entrambi i lati, spiaggia libera ospedale Campolongo, spiaggia libera lido Holiday, postazione centrale con tre bagnini lato spiaggia libera tra il lido Galatea e Arenella, spiaggia libera lido B38.

Inoltre, nel 2014 c’era un gazebo come postazione centrale, senza illuminazione, acqua e corrente. Nel 2015, invece, seguendo nostre precise richieste, c’è una postazione centrale con torretta di avvistamento in legno dotata di corrente elettrica, doccia per i dipendenti e per eventuali richieste dei bagnanti per esigenze varie, illuminazione con fari, con postazione di custodia notturna che funge anche da area di coordinamento dei bagnini.

Lo scorso anno, gli operatori avevano un collegamento tramite numero verde per richiesta aiuto; quest’anno, tutte le postazioni sono collegate attraverso un sistema radio da e per la postazione centrale per eventuale richiesta di aiuto e pronto intervento, anche con ausilio di moto d’acqua già in giro per perlustrazione.

Per quanto riguarda la pulizia e la sicurezza, nel 2015 sono assicurate pulizia giornaliera della spiaggia anche durante le ore con presenza dei bagnanti; pulizia della pineta nei pressi degli spartifuoco per circa 30 metri per lato; pulizia delle aree parcheggio; pulizia giornaliera degli spartifuoco e retrodunale; messa in sicurezza delle aree e delle strade spartifuoco da fusti in caduta: la postazione con ambulanza dotata di defribillatore e pallone per tutte le evenienze; pulizia, taglio erba, rimozione alberi caduti e ripristino impianto idraulico della rotatoria nei pressi dell’ospedale di Campolongo; tutta la cartellonistica stradale.

Infine, – conclude la nota del Sindaco di Eboli Massimo Cariello inrisposta al coordinamento della Lista “Eboli 3.0” – per quanto riguarda le aree di sosta, i parcheggiatori erano in servizio dalle 8,30 alle 15, con la presenza di soli 5 parcheggiatori dal lunedì al venerdì, mentre sabato e domenica, sempre dalle ore 8,30 alle 15 su quasi tutte le aree destinate al parcheggio nessuna custodia. Quest’anno, presenza garantita dal lunedì alla domenica su tutte e dieci le aree di parcheggio nell’orario che va dalle 7 alle ore 18; dopo questo orario, se ci sono auto ancora in sosta, subentrano i custodi, mentre la vigilanza armata vigila su tutto il territorio. Proprio sul servizi di custodia aggiuntiva abbiamo ricevuto i ringraziamenti degli operatori balneari il sabato e la domenica, perché provvedendo alla sistemazione dei veicoli, si evitano ingorghi per la viabilità».

Se queste sono le motivazioni che il Sindaco adduce all’aver scelto di riproporre l’affidamento alla Multiservizi e attraverso essa alla Società di vigilanza Security Point, il Coordinamento della Lista “Eboli 3.0″, a stretto giro di posta risponde, precisa e ribatte alla risposta del Sindaco.

Rosa Altieri- Vincenzo Consalvo

Rosa Altieri- Vincenzo Consalvo

“Nessuna illazione sulla legalità ma semplicemente conoscenza delle procedure amministrative applicate; questo era ed è il senso della nostra lettera aperta.

Noi La ringraziamo Sindaco per la celerità con la quale ha risposto e, quindi, alla Città ma non possiamo non sottolineare che la fretta non Le ha consentito, probabilmente, di approfondire alcuni quesiti che risultato evasi in modo non esaustivo ed alcuni anche inesatti.

Lei in qualità di capo di una parte dell’opposizione nell’anno 2014 non contestò la qualità del servizio ma le modalità di affidamento di quel servizio. Relativamente, invece alle inesattezze Le rammentiamo che l’art. 38 del Codice degli Appalti (D.Lgs 163/2006) recita testualmente: “Requisiti di ordine generale

1 – Sono esclusi dalla partecipazione alle procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi, né possono essere affidatari di subappalti, e non possono stipulare i relativi contratti i soggetti:
a) che si trovano in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo, salvo il caso di cui all’articolo 186-bis del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, o nei cui riguardi sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni…. omissis….”.

Naturalmente il medesimo Codice degli Appalti in altri articoli che Lei conoscerà meglio di noi, prevede il ricorso ad affidamenti con altri istituti procedurali che in presenza di emergenze garantiscono altrettanti risultati soddisfacenti ma assolvendo gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.

Non è secondario, inoltre, l’aspetto delicato e sensibile contenuto nella delibera commissariale con poteri di Consiglio Comunale n. 6 del 22/5/2015 che nell’evidenziare carenze gestionali della società, sprofondata in un perenne stato di insolvenza e con la scadenza dei servizi affidati (tra cui i parcheggi) al 19 marzo 2013, determina di fatto la impossibilità di successivi affidamenti.

Tanto – conclude il coordinamento della Lista “Eboli 3.0”, – sentiamo in dovere di rappresentarLe, ribadendo che anche noi siamo dalla parte dei cittadini e, pertanto, ci sentiamo sentinelle per la garanzia civica ed etica della nostra comunità”.

Eboli, 15 luglio 2015 (Articolo aggiornato alle ore 14,30 del giorno 15 luglio 2015)

12 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente