Il Comune di Cappacio acquisisce al patrimonio diversi beni demaniali

Nella seduta del Consiglio comunale del 30 luglio scorso, il comune ha acquisito al proprio patrimonio di diversim beni demaniali.

Tra i beni acquisiti: gli edifici delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria, la sede comunale di Capaccio Scalo, la sede del Psaut, gli edifici della parrocchia di S. Vito, lo stadio “M. Vecchio”, diverse aree nella pineta in località Laura e tratti di arenile.

Consiglio comunale-capaccio

Consiglio comunale-capaccio

da (POLITICAdeMENTE) il Blog di Massimo Del Mese

CAPACCIO PAESTUM – Giovedì scorso 30 luglio 2015, si è tenuta presso l’aula consiliare di Palazzo di Città a Capaccio Capoluogo, la seduta del Consiglio comunale.

Finalmente, dopo 35 anni, l’Amministrazione comunale di Capaccio ha risolto l’annoso problema relativo ai molti beni che costituiscono il centro servizi di Capaccio Scalo. Infatti, con l’approvazione dell’acquisizione a titolo non oneroso di beni appartenenti al Demanio dello Stato il Comune ha acquisito, tra gli altri: gli edifici delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria, la sede comunale di Capaccio Scalo, l’edificio che ospita il presidio Psaut, gli edifici della parrocchia di San Vito, lo stadio Mario Vecchio, diverse aree nella pineta in località Laura e tratti di arenile. Tutti questi beni entrano a far parte in maniera definitiva del patrimonio della Città di Capaccio e senza alcun esborso da parte dell’Ente.

comune-capaccio-scalo

comune-capaccio-scalo

Di particolare importanza anche l’approvazione del regolamento per l’uso della piscina comunale. I lavori sono a buon punto e proseguono speditamente con l’ultimazione che è prevista per il prossimo 30 ottobre. Con l’approvazione del Regolamento si accorciano, di conseguenza, anche i tempi per l’indizione della gara per l’affidamento dell’impianto. Infatti, la gestione della piscina sarà affidata con apposito bando pubblico ad un soggetto che disponga delle risorse e delle competenze adeguate a garantire la migliore riuscita delle attività sportive del centro.

Il Consiglio ha poi approvato il Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile, uno strumento di fondamentale importanza con il quale l’amministrazione comunale si prefigge di fronteggiare e gestire le emergenze che possono verificarsi nel territorio comunale al fine di fornire una risposta adeguata, tempestiva ed efficace.

Parrocchia di San Vito Capaccio Scalo

Parrocchia di San Vito Capaccio Scalo

Approvato il progetto preliminare relativo al Convento di Sant’Antonio, che non prevede alcuna modificazione rispetto allo stato dei luoghi né acquisizioni da parte dell’Ente, semplicemente il riconoscimento di destinazione ad uso pubblico per i locali che ospitano il già presente museo di interesse regionale “Paestum nei percorsi del Grand Tour”.

Fondamentali in tema di sicurezza sul territorio gli ultimi due punti all’ordine del giorno che riguardavano la caserma della stazione carabinieri di Capaccio Capoluogo e la caserma della stazione forestale di Foce Sele. Il Comune, proprietario dell’immobile che ospita la caserma dei carabinieri e del terreno sul quale sorge la caserma della Forestale, con spirito di collaborazione istituzionale, ha deliberato l’uso in comodato gratuito della caserma di Capaccio capoluogo da parte dell’Arma e ha trasferito all’Agenzia del Demanio il terreno su cui insiste la caserma della Forestale di Foce Sele. In un momento di necessaria razionalizzazione ad ogni livello, prevenire possibili tagli ai presidi di pubblica sicurezza sul territorio è considerata una priorità per l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Italo Voza.

Capaccio Paestum, 2 agosto 2015

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente