Aumento tariffe idriche: Denuncia del Sen. Cardiello, …e l’Autority sta a guardare

Aumento tariffe idriche: Il Sen. Cardiello (FI) presenta un’interrogazione parlamentare e un esposto all’Autority per i servizi idrici.

Oltre le tariffe idriche c’è poca chiarezza anche nelle altre forniture: Elettricità e metano; come sono poco chiare le Bolette e come si applicano tariffe su consumi presunti e non reali. Su prefigurano cartelli e abusi di posizioni dominanti, mentre le Autority stanno a guardare.

Sen. Franco Cardiello

Sen. Franco Cardiello

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

ROMA – A seguito del riscontro dell’Aumento delle tariffe idriche, il Senatore di Forza Italia Franco Cardiello ha presentato un’interrogazione parlamentare e un esposto all’Autority per i servizi idrici.

«Molti cittadini – scrive nella sua interrogazione il Sen. di FI Cardiello – si sono visti recapitare le ultime bollette a firma Asis, notando un corposo aumento delle tariffe.

Se l’anno scorso per le utenze domestiche – fa rilevare Cardiello leggendo la bolletta dei consumi recapitata ai cittadini – il limite oltre il quale scattava l’eccedenza (dunque gli aumenti) era fissato a 400 mc ma con la decisione dell’Autorità di Ambito Sele il limite è stato abbassato a 20mc.

Senza contare – aggiunge ancora Cardiello pensando oltre che alle famiglie alle attività commerciali – una tariffa assurda per le attività commerciali che arriva addirittura a € 1.40.

Lo schema – che il Sen Cardiello ha allegato – la dice lunga su quello che dovrebbe essere un servizio a basso costo ma che è diventato un ‪#‎affare‬.

Resto basito – prosegue il senatore forzista – da un aumento indiscriminato e senza alcuna motivazione, visto il bilancio della società salernitana.

Nel mentre si effettueranno le verifiche ministeriali – Conclude il senatore Franco Cardiello che mette in guardia i cittadini perchè si ribellino e denuncino le irregolarità – invito i cittadini a controllare bene le bollette e, in caso di calcoli errati, a reclamare agli sportelli presenti nelle nostre Città».

Se fosse solo l’acqua e se con l’interrogazione del Senatore Franco Cardiello si risolvesse qualcosa almeno avremmo raggiunto un obiettivo, ma purtroppo sappiamo tutti che non è così, e non sarà mai così se le Autority non funzionano e se non si obbliga le varie società che erogano servizi o forniture ad essere chiare sia nelle stesure delle Bollette che nelle contrattualistiche.

Infatti l’interrogazione si dovrebbe fare anche per le bollette per nulla chiare dei consumi elettrici, di quelli del Gas metano e di quelle telefoniche, innanzitutto obbligando le varie società fornitrici ad utilizzare gli stessi parametri, poi di essere chiare e precise nell’indicare i consumi e successivamente indicare solo ed esclusivamente i consumi reali e non quelli presunti, così come verificare che le società che le gestiscano siano diverse e non collegate tra loro facenti capo allo stesso gruppo, come spesso accade, mascherandosi e raggirando la legge che vuole che queste o forniscano servizi o gestiscano le reti.

Insomma sarebbe il caso di verificare che non vi siano cartelli e non vi siano abusi di posizioni dominanti come accade, nel momento in cui si chiede un nuovo contratto e successivamente l’allaccio ad una rete che sia elettrica, idrica o di Gas, pagando costi esagerati e per nulla concorrenziali, mentre le Autority stanno a guardare.

NON SAREBBE IL CASO DI CREARE UN’AUTORITY CHE CONTROLLI LE AUTORITY?

#‎oroazzurro‬
‪#‎alfiancodeiconsumatori .

.

.

Roma, 23 settembre 2015

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. questo è un miracolo

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente