Eboli: Presentazione del libro Habiba la Magica di Chiara Ingrao

Venerdì 12 febbraio, ore 18.00, Biblioteca comunale “Simone Augelluzzi”, Eboli presentazione del libro “Habiba la magica” di Chiara Ingrao.

L’incontro rientra nell’ambito della rassegna letteraria “Punti di vista. Tribuna letteraria” promosso dall’Assessorato alla Cultura in collaborazione con Il Mondo di Bò.

Chiara-Ingrao-Presentazione-Libro-Habiba-la-Magica-07

Chiara-Ingrao-Presentazione-Libro-Habiba-la-Magica-07

di Annamaria Forte
per  (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Venerdì 12 febbraio, nell’ambito della rassegna letteraria “Punti di vista. Tribuna letteraria” promosso ed organizzato dall’Assessorato alla Cultura ed’Assessorato alle Politiche Scolastiche del Comune di Eboli, in collaborazione con Il Mondo di Bò, incontro con la scrittrice Chiara Ingrao che presenterà il suo libro “Habiba la magica”  pubblicato da Coccole Books, presso la Biblioteca comunale “Simone Augelluzzi”. Inizio ore 18.00

Habiba la magica-chiara ingrao-Eboli

Habiba la magica-chiara ingrao-Eboli

Habiba è una bambina come tante, nonostante zia Aminata continui a sostenere che Habiba non sappia nulla delle sue radici, dal momento che parla in romano, è romanista e porta con sé sempre la sua sciarpa giallorossa. Nonostante, i suoi “rami” abbiamo preso le forme, i colori ed i sapori del mondo in cui vive, Habiba sa esattamente dove affondano le sue radici: è arrivata in Italia nel grembo della madre, dopo un burrascoso viaggio in nave. Il mare è uno dei protagonisti della sua storia, forse un vero e proprio antagonista. Habiba, pur non avendo visto con i suoi occhi le cose accadute durante la traversata, non smette di pensare a quella massa di acqua e sale che si è presa il suo papà: un uomo giovane e bello, con gli occhi grandi ed un sorriso impertinente che mette in mostra i suoi bellissimi denti bianchi. Habiba riesce a trovare un modo per evadere dai pensieri che le si affollano in testa: grazie della vecchia Filomena, Habiba scopre la magia. Su una vecchia scopa, la bimba comincia il suo viaggio, avventure che si ripetono ogni notte e che permettono di sorvolare la magnifica Città Eterna, tra monumenti, palazzi e grandezze del passato. “Chi vuole vola” le dice una notte il Vento, e Habiba, senza accorgersene, si ritrova a sorvolare i tetti di Roma, a liberare dalle catene l’angelo di Castel Sant’Angelo, a volare con il celebre Pasquino fin sulla statua dell’imperatore Marco Aurelio ed a cenare con i gatti di Largo Torre Argentina. Il libro, adatto ad un pubblico che va dai 9 ai 99 anni d’età, sarà un invito a riflettere su temi dell’Italia che cambia. Habiba la Magica è una favola sulla forza delle donne, sulla volontà di andare oltre i limiti imposti, oltre i confini, di superare le paure nostre, quelle di riflesso e i pregiudizi.

 «E’ una fiaba che rivendica il diritto all’immaginazione, per tutti e tutte – spiega l’autrice –  Nei giorni in cui usciva il libro, ho letto un articolo sul New York Times di un autore e illustratore nero, intitolato “L’apartheid della letteratura per l’infanzia”: sottolineava come su tremila libri usciti in tutto l’anno ce ne fossero solo 90 in cui ci fossero dei personaggi di colore e che comunque questi personaggi compaiono nella letteratura per l’infanzia solo se c’è il libro edificante che ti parla dei diritti civili o della schiavitù.

I bambini di colore restano confinati quindi in quelle “township” dell’immaginazione in cui non viene mai dato il permesso di transizione nei territori della fantasia. Io mi sono ribellata a questo apartheid, regalando a una bimba a cui solo una legge ingiusta come la nostra può negare la cittadinanza italiana, una storia che io raccontavo alle mie figlie quando erano piccole, piena di magia e di avventure. Poi, certo, c’è anche la realtà sociale, come in tutti i miei romanzi, anche se quelli per adulti finora sono stati legati al tema della memoria, mentre questo parla del presente. In entrambi i casi, però, non si tratta di “fare politica con altri mezzi”: è la scelta di un altro terreno, che coinvolge le emozioni e il linguaggio letterario».

Chiara Ingrao, figlia di Pietro Ingrao, nata nel 1949, è impegnata a tempo pieno come scrittrice e animatrice culturale. Le sue precedenti esperienze di lavoro sono molteplici, così come quelle politiche e sociali.

L’evento è promosso ed organizzato dall’assessorato alla Cultura e dall’Assessorato alle Politiche Scolastiche del Comune di Eboli, in collaborazione con Il Mondo di Bò, libreria specializzata per bambini, ragazzi ed insegnanti.

Interverranno all’ appuntamento Massimo Cariello, sindaco di Eboli; Angela Lamonica, assessore alle Politiche Scolastiche; Lazzaro Lenza, assessore alle Politiche Sociali, Moderato dal giornalista Antonio Manzo.

Eboli, 11 febbraio 2016

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente