Altavilla Silentina e le sue politiche sociali in primo piano

Di Feo:le azioni a favore delle fasce sociali più deboli debbano essere priorità tra le priorità”

Antonio Di Feo

Antonio Di Feo

ALTAVILLA SILENTINA (SA) – Non è mai inopportuno per gli amministratori di Altavilla Silentina fare un bilancio delle azioni messe in campo in fatto di politiche sociali, dal momento che hanno sempre dimostrato di ritenerlo un dovere e non che uno strumento per raccattare voti tra la gente in difficoltà, come spesso purtroppo a volte accade. Il nuovo anno si è aperto così come si è chiuso il vecchio: con la massima attenzione possibile verso le fasce sociali che comunemente riteniamo più deboli in quanto necessitano di interventi costanti, a fronte della diffusa sporadicità che spesso si riscontra.

Pertanto anche per i prossimi mesi l’attività amministrativa sarà indirizzata verso una pluralità di obbiettivi: gli anziani, i giovani, i disabili, le ragazze madri, le famiglie numerose. La compagine guidata da Antonio Di Feo promette costante supporto alle attività del Centro “Don Giustino”, che continua ad essere un importante punto di riferimento per iniziative che interessano gli anziani.

Nella stessa ottica l’amministrazione, nel periodo prenatalizio, ha organizzato una vacanza di 4 giorni in Umbria. Proseguiranno anche per il 2010 le iniziative che riguardano il Telesoccorso e la cosiddetta Telefonia sociale, cui sono interessate persone sole e bisognose di interventi di carattere socio-sanitario. L’assessore al ramo Fernando Iuliano rende noto che “per i minori in difficoltà è stato attivato uno Spazio Ascolto per minori e famiglie, di cui usufruisce anche l’Istituto Comprensivo, con la presenza di una psicologa. L’assistente sociale, dal canto suo, continua a fornire un servizio di segretariato sociale, per persone che a vario titolo, bussano alla porta del Comune. Con l’intento di integrare sempre più anche le persone portatrici di handicap, continua l’erogazione di una borsa-lavoro che per sette mesi interessa tre beneficiari”.

Iuliano ricorda inoltre che il Comune ha attivato un centro di aggregazione che, insieme al progetto “Giovani in musica”, coinvolge circa cento ragazzi di età diversa. “Continua anche l’azione di servizio legata al “bonus energia,  – prosegue l’assessore – di cui usufruiscono nuclei con ISEE basso, che beneficiano, a domanda, di uno sconto sulla bolletta Enel. Ma non è tutto: l’amministrazione ha a cuore la situazione di donne in difficoltà, in particolare ragazze madri, e famiglie numerose, per le quali predispone azioni di contrasto alla povertà e di sostegno al reddito. Il tutto viene svolto in sinergia con il Piano di Zona S5: infatti, nell’ambito di questa proficua collaborazione, è stato attivato, presso l’ex asilo “Pianeta infanzia”, il centro diurno socio-educativo, che, con personale qualificato, ospita, tre volte a settimana, persone disabili provenienti dai comuni di Eboli, Campagna, Serre, Postiglione, Sicignano, oltre a cittadini di Altavilla, che qui possono svolgere con attività ludiche e di socializzazione.

“Per il 2010 continueremo a potenziare, per quanto ci sarà possibile, i servizi sociali – afferma il sindaco Antonio Di Feo perché riteniamo che le azioni a favore delle fasce sociali più deboli debbano essere priorità tra le priorità”.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente